Ice on the Dune

Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Capitol
Data di pubblicazione: 17 marzo 2017
  • EAN: 0602537375462
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

Disponibile anche in altri formati:

€ 9,50

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Descrizione

Band australiana che ha rivoluzionato l'electro-pop,andando oltre la musica e ridisegnando confini e concept delle liveperfomance. Esibizioni arricchite da costumi ed effetti "cinematografici" concui si sono fatti apprezzare in giro per il mondo nei principalifestival.

Disco 1
  • 1 Lux
  • 2 DNA
  • 3 Alive
  • 4 Concert Pitch
  • 5 Ice on the Dune
  • 6 Awakening
  • 7 I'll Be Around
  • 8 Old Flavours
  • 9 Celebrate
  • 10 Surround Sound
  • 11 Disarm
  • 12 Keep a Watch

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Caterina

    01/07/2013 15:03:23

    Si comincia con "Lux", intro strumentale dalle atmosfere fantascientifico-horror, un inizio che incuriosisce e che sulle prime, forse, spiazza un po', ma che apre la strada a uno dei brani più belli dell'album, "DNA". Lo smalto degli Empire of the Sun qui è al suo apice, e l'ispirazione si sente, vivissima, anche nello splendido brano successivo, "Alive", il singolo in vetta alle classifiche. "Concert Pitch" è un pezzo orecchiabile, che forse abbassa leggermente il livello dell'album, ma che è comunque molto gradevole. "Ice on the Dune", la title track, e "Awakening" le ho comprese a fondo solo dopo il secondo/terzo ascolto: due pezzi straordinari, che ti mettono addosso la voglia di ballare! "I'll be around" ci regala atmosfere più rilassate, quasi sognanti. "Old Flavours", altro pezzo (quasi del tutto strumentale) è un altra perla preziosa dell'album: è estremamente accattivante e si presterebbe a meraviglia per i videoclip altamente onirico-naturalistici del duo. "Celebrate" è l'unico pezzo debole dell'album, mi (dis)piace definirlo "senza ispirazione". Ma in un cd così bello uno scivolone è più che perdonato. Si prosegue con "Surround Sound", uno dei più riusciti: coinvolgente sin da subito, riprende le sonorità dance con un pizzico di sperimentazione che non guasta. Splendida anche "Disarm", che - chissà perchè - mi ricorda le atmosfere dei club tedeschi visti nelle puntate anni 80 di Derrick! :-) L'album si conclude con "Keep a Watch", una semi-ballata molto intensa, che si conclude con un indovinato intervento di una vocalist davvero dotata, che contribuisce a dare la giusta drammaticità al brano. Insomma, "Ice on the Dune" è un album a mio parere bellissimo, estremamente curato e che non tradisce i fan del duo australiano, anzi, li fa "innamorare" ancora di più! Unica pecca: il booklet non contiene i testi (ma in compenso un pregevole artwork).

Scrivi una recensione