L' idea del theatro. Con «L'idea dell'eloquenza», il «De trasmutatione»e altri testi inediti - Giulio Camillo Delminio - copertina
Salvato in 27 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
L' idea del theatro. Con «L'idea dell'eloquenza», il «De trasmutatione»e altri testi inediti
66,50 € 70,00 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
L' idea del theatro. Con «L'idea dell'eloquenza», il «De trasmutatione»e altri testi inediti 670 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
66,50 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
70,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
66,50 € + 15,00 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
66,50 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
70,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
66,50 € + 15,00 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
L' idea del theatro. Con «L'idea dell'eloquenza», il «De trasmutatione»e altri testi inediti - Giulio Camillo Delminio - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

L' idea del theatro. Con «L'idea dell'eloquenza», il «De trasmutatione»e altri testi inediti Giulio Camillo Delminio
€ 70,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

L’idea del theatro è fra le opere che meglio incarnano lo splendore che l’arte della memoria – nutrita di ermetismo e lullismo, neoplatonismo e suggestioni magiche, astrologiche e cabalistiche – conosce nel Cinquecento. Rispetto ai trattati mnemotecnici lo scarto è vertiginoso: la griglia di classificazione che il suo autore, Giulio Camillo, ci offre (quarantanove «luoghi», contrassegnati da una o più immagini, che nascono dall’incrocio fra l’ordine verticale dei sette pianeti e quello orizzontale dei sette gradi) funziona infatti come una scacchiera che, grazie al movimento e alla combinazione delle sue componenti, è in grado di generare nuovi significati e nuovo sapere: come una mente artificiale, dunque, sicché ricordare diventa pericolosamente simile a creare, o ricreare, il mondo. Ma c’è molto di più: Lina Bolzoni, che ne ha a lungo indagato l’intricatissima e frammentaria tradizione manoscritta, ci rivela infatti che L’idea del theatro è in realtà solo la sintetica rievocazione di un immane progetto, un Teatro della memoria (o Casa della sapienza) la cui natura resta incerta (libro, edificio, maquette di legno, modello puramente mentale), ma che intravediamo audacemente sospeso tra idea e macchina, metafisica e mito alchemico. Un progetto così ammaliante da sedurre intere generazioni e da riaffiorare, attraverso plagi e riscritture, nelle forme più sorprendenti e imprevedibili: da una misteriosa villa in Friuli descritta dal Doni sino alle opere d’arte contemporanee di Marino Auriti e Achilles Rizzoli. Il che non stupisce: come osserva Lina Bolzoni, la storia del Teatro di Giulio Camillo ci conduce al cuore del ruolo delle immagini nel Cinquecento, getta luce sul loro straordinario potere – la capacità di attraversare «la mente del lettore che legge un poema e lo visualizza, i teatri della memoria, i palazzi e le collezioni, reali o immaginari, e naturalmente la biblioteca».
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2015
7 maggio 2015
340 p., ill. , Rilegato
9788845929823
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore