L' identità dell'Europa

Pietro Rossi

Editore: Il Mulino
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 22 marzo 2007
Pagine: 191 p., Brossura
  • EAN: 9788815116178
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Antonio Crivotti

    27/08/2007 11:29:31

    Chi cerca un’inequivocabile caratterizzazione dell’identità dell’Europa non la troverà in questo libro. Fin dalla quinta pagina della Premessa, l’Autore ci avvisa che “se per identità dell’Europa s’intende il progressivo sviluppo di un nucleo originario permanente nel corso del tempo, è chiaro che essa, semplicemente, non esiste”; mentre il libro si propone “di discutere il problema dell’identità europea nella consapevolezza che l’Europa è una realtà storica alla cui formazione hanno contribuito molteplici componenti, e che storicamente mutevoli sono le forme che la sua identità ha assunto.” Un programma davvero impegnativo, che in meno di centottanta pagine dense di significative informazioni e di acute riflessioni l’Autore riesce a svolgere magistralmente anche attraverso un esauriente e sintetico compendio di Storia mondiale, il cui interesse va ben oltre il tema centrale dell’evoluzione europea. Un’eccellente introduzione divulgativa per i più che poco conoscono di Storia. Una ricca fonte di nessi e riflessioni per i pochi che di Storia hanno qualche conoscenza magari superficiale e frammentaria. Un modello di metodo e di stile per gli studiosi, nella miglior tradizione illuministica che si manifesta in tutta l’opera attraverso la fattualità dell’informazione, la neutralità di fronte alle contrapposizioni, l’astensione (per quanto possibile) dal giudizio, la sobrietà dello stile, e che solo alla fine sfocia, in modo ormai naturale, nell’auspicio che si riesca a “tradurre il progetto di un’Europa erede della cultura illuministica in termini politici, facendone il cardine di una nuova identità”

Scrivi una recensione