If I Die in a Combat Zone

If I Die in a Combat Zone

Tim O’Brien

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB con DRM
Testo in en
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 660,95 KB
  • EAN: 9780007381760

€ 10,29

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Hailed as one of the finest books to emerge from the Vietnam War, If I Die in a Combat Zone is a fascinating insight into the lives of the soldiers caught in the conflict. First published in 1973, this intensely personal novel about one foot soldier’s tour of duty in Vietnam established Tim O’Brien’s reputation as the outstanding chronicler of the Vietnam experience for a generation of Americans. From basic training to the front line and back again, he takes the reader on an unforgettable journey – walking the minefields of My Lai, fighting the heat and the snipers in an alien land, crawling into the ghostly tunnels – as he explores the ambiguities of manhood and morality in a war no one believes in.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Tim O’Brien Cover

    (Austin, Minnesota, 1946) scrittore statunitense. Contrario alla guerra, fu mandato in Vietnam (1969-70). È stato tra i primi a scrivere, mescolando realtà e finzione, su quell’esperienza (Se muoio in zona di guerra mettimi in una scatola e spediscimi a casa, If I die in a combat zone box me up and ship me home, 1973, nt; Inseguendo Cacciato, Going after Cacciato, 1978) e sulle cicatrici - fisiche e spirituali - che la guerra lascia in chi è tornato dal fronte ma anche in chi ha atteso a casa quel ritorno (Pesoatomico 238, Nuclear Age, 1985; Quanto pesano i fantasmi, The things they carried, 1990; Il mistero del lago, In the lake of the woods, 1994). In Luglio per sempre (July, July, 2002) la generazione del Sessantotto fa, di fronte ai nuovi conflitti, un bilancio dei propri ideali giovanili. Approfondisci
Note legali