Images and Words

Artisti: Dream Theater
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Atlantic
Data di pubblicazione: 10 luglio 1992
  • EAN: 0075679214829
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 13,20

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello
Disco 1
  • 1 Pull me Under
  • 2 Another Day
  • 3 Take the Time
  • 4 Surrounded
  • 5 Metropolis pt.1
  • 6 Under a Glass Moon
  • 7 Wait for Sleep
  • 8 Learning to Live

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Jannick

    21/06/2017 12:37:02

    E' sicuramente il miglior disco dei Dream Theater, rarissimo fenomeno dei primi anni '90... consigliatissimo, anche per palati "fini"...:-)

  • User Icon

    Progotis

    14/01/2014 12:32:10

    Non ho la minima intenzione di sminuire questo grande disco,il più apprezzato e noto dei D.T ! Voglio semplicemente contestare l'affermazione secondo cui Portnoy e compagnia sarebbero gli "inventori" del Metal Progressivo.Prima di loro ci sono state band, tra l'altro ben note,che hanno sperimentato il mix tra le raffinatezze del Prog e la durezza del metal.Avete mai sentito parlare dei canadesi Rush,attivi fin dai primi settanta così come degli americani Kansas?Più tardi sono giunti alla ribalta i Queensryche e soprattutto i Fates Warning della seconda parte di carriera.I Dream Theater hanno dimostrato di essere una band eccellente e molto spettacolare,fuori dal comune per doti tecniche e compositive(negli album migliori...)ma non hanno inventato il genere in questione !Gli riconosco il merito indiscusso di averlo reso popolare in tutto il mondo grazie ad interpretazioni nettamente al di sopra della media.Restano,in ogni caso,una band di grandissimo spessore e anche nelle prove più deboli c'è sempre qualche brano di classe cristallina.

  • User Icon

    marmar

    22/07/2010 22:39:19

    Assolutamente il mio album del '92 e guai a chi me lo tocca. Perfetta sintesi di Metallica, Yes, King Crimson e Rush apre con la travolgente "Pull Me Under" (2 minuri 2 di intro tra i più belli di sempre) per finire con il magnifico collage di "Learning to Live"; in mezzo una cascata di note di immenso valore e ricche di pathos, sublimate dall'incatevole "Wait for Sleep" (eh, il genio di Moore...). Da questa assoluta vetta i DT non potevano che scendere, peccato che, "Awake" a parte, siano poi invece ruzzolati malamente, ma questo è un altro discorso. Il disco in questione è un capolavoro, punto e basta e grazie per sempre.

  • User Icon

    giorgio

    04/06/2007 14:13:51

    Semplicemente il piu' grande disco di tutti i tempi!!!!

  • User Icon

    lorenzo

    26/02/2007 12:34:50

    Ho comprato questo album leggendo i voti e i giudizi, tutti entusiasti. Premetto che i miei gusti musicali vanno dai Deep Purple e Led Zeppelin, passando per Saxon, Van Halen, fino ad Alice in Chains, Ozzy, Rage against the machine, più altro... ma questo album proprio non mi lascia niente... Forse è il genere che non fa per me. Altre canzoni dei DT mi piacciono, ma queste, non me la sento di dire che sono eccezionali. metal? Alcune sembra che con il metal abbiano poco a che vedere... Do un 3 solo perchè è ascoltabile, ma nulla di particolare...

  • User Icon

    veronica

    27/06/2006 12:08:38

    "images and words" oltre ad essere l'album migliore dei dt è,secondo me,anche uno degli album più belli che abbia mai ascoltato.Le canzoni creano quell'equilibrio perfetto che non sempre è facile trovare.Il finale con "Learning to live"è intenso ed è capace di suscitare forti emozioni negli ascoltatori(almeno parlo per me,eh)!!!Consiglio vivamente di acquistare questo capolavoro a tutti coloro che vogliono ascoltare qualcosa di nuovo...di particolare,in cui sia i testi delle canzoni che la perfezione tecnica dei mitici 5 si intrecciano dando vita ad una MAGIA MUSICALE!!! Voto 10

  • User Icon

    Stefano

    17/05/2006 17:16:11

    Il più bell'album dei Dream Theater senza ombra di dubbio! Gli ultimi 2 della band sono pessimi ma questo a distanza di tanti anni è sempre ascoltabilissimo perchè non annoia mai. 8 canzoni entrate nella storia del metal e non solo. Almeno una volta al mese è prescrivibile 1 ascolto completo dell'album. Chiunque dovrebbe ascoltarle al di là dei gusti musicali. Ciao

  • User Icon

    Francesco

    16/10/2005 10:49:18

    Quando nel 1992 i Dream Theater pubblicano questo disco compiono un salto di qualità eccezionale nella loro produzione. Infatti dopo un primo album piuttosto modesto e dopo il cambio di formazione (con l'inserimento di una nuova voce, quella ottima di James Labrie, che sostituisce quella poco incisiva di Dominici)...beh....i Dream theater compiono un passo importantissimo. Con Images and words la band di New York si pone l'obiettivo di associare ciò che avevano fatto gli Emerson lake and palmer negli anni 70, e ciò che era l'heavy-metal (nella sua evoluzione fino algi anni contemporanei a loro). Il risultato è questo straordinario capolavoro, difronte al quale non si può far altro che inchinarsi: 8 traccie, quasi tutte piccole suite, soprattutto molto bene assemblate...Metropolis part.1 diventa subito il loro manifesto, col suo intro epico e con i suoi straordinari contro tempi che nella fase centrale del brano fanno andare in delirio l'ascoltatore. Pull me under esce come singolo e non a caso è il pezzo più "commerciale" dell'album, che quindi meglio si presta a questo compito; Take the time e under a glass moon ripetono in maniera eccellente questo tema :prog e heavy. Another day è una malinconica ballata anch'essa davvero ben riuscita, in cui compare anche un sassofono....e infine Learning to live, pezzo che chiude questo bellissimo album e che, personalmente, riesce meglio di tutti gli altri pezzi a racchiudere gli intenti e la mentalità tipica dei Dream theater. Insomma un grandissimo album, il più importante della band e da inserire tra i grandi album degli anni 90'.

  • User Icon

    Wishmaster

    27/06/2005 16:42:08

    Non un disco prog metal, ma IL disco prog metal, un album da tramandare ai posteri e spedire nello spazio come simbolo della nostra civiltà. Sognante, epico, toccante, potente e veloce al tempo stesso, questo disco è in grado di soddisfare tutti i palati degli appassionati che hanno il coreggio (e la fortuna) di provare ad ascoltare qualcosa di più della solita musica. Consigliatissimo a chiunque. Un vero caposaldo, uno di quei dischi che ti cambiano la vita. Punto.

  • User Icon

    Ennio

    24/06/2005 18:20:34

    Concordo con Manuel, album fantastico, il mio preferito dei Dream alla pari del concept Scenes from a memory.Soldi spesi bene.

  • User Icon

    ManinS

    14/06/2005 20:52:08

    Questo disco è un capolavoro, tutt'oggi uno dei piu bei capitoli della musica prog, e non solo,degli anni 90.Da acquistare a scatola chiusa!!

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione