Traduttore: M. Foschini
Editore: Rizzoli
Collana: Rizzoli best
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 10 marzo 2010
Pagine: 463 p., Rilegato
  • EAN: 9788817037907
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 10,53
Descrizione
Che cos'ha in comune un meteorite precipitato al largo della costa del Maine con le misteriose pietre radioattive color ambra in vendita nei mercati clandestini di Bangkok? A Wyman Ford, ex agente della CIA, viene affidato il compito di individuarne il luogo di estrazione: perché quello sconosciuto minerale, nelle mani sbagliate, potrebbe rivelarsi un'arma di potenza distruttiva. O almeno così la pensa il governo americano. Ma quando, in Cambogia, Ford scopre che la cava delle "gocce di miele" ha una insolita conformazione a cratere, si fa pericolosamente concreta l'ipotesi di Abbey Straw la ragazza appassionata di astronomia che ha previsto l'arrivo del meteorite: secondo lei, il corpo celeste avrebbe perforato la crosta terrestre nel Maine per riemergere dall'altro lato del pianeta. Intanto, in California, viene assassinato lo studioso di astronomia Jason Freeman: aveva scoperto che sulla superficie di Deimos, satellite di Marte, è visibile il profilo di una strana struttura simile a un cannone. È chiaro che la Terra è ormai diventata un gigantesco indifeso bersaglio. E all'agente Ford restano solo sessanta ore, il tempo di rotazione del satellite, per salvarla da un nuovo, e potenzialmente catastrofico, lancio.

€ 10,53

€ 19,50

11 punti Premium

€ 16,58

€ 19,50

Risparmi € 2,92 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giuseppe R

    01/10/2013 16:41:57

    Leggendolo sapendo di non leggere un capolavoro, non m'è affatto dispiaciuto. Certo, i personaggi sono tracciati con poco spessore, le situazioni sono stereotipate, però... come anche per Eresia ho apprezzato l'idea e anche l'ottima fantasia per renderla, soprattutto nell'epilogo, verosimile al lettore. Perché una volta invischiatosi nel ginepraio della fantascienza (quindi nell'inverosimile), il buon Preston ha saputo venirne fuori egregiamente, dipingendo un finale pienamente soddisfacente.

  • User Icon

    Nick

    02/05/2012 00:01:25

    Da Preston mi aspettavo molto ma moplto di più. Trama poco originale, un mix di idee del quinto giorno per chi lo ha letto, scene inverosimili, allungate per riempire le pagine del libro, con personaggi descritti in modo molto superficiale, qualsiasi inseguimento finisce in modo prevedibile ed emozionante in parte, con azioni stile Rambo. Ho letto tutti i libri e finora Douglas e Preston sono i miei autori preferiti, ma questo libro mi ha fortemente deluso.

  • User Icon

    marmar

    05/02/2012 21:35:50

    Buona, anzi molto buona l'idea di fondo, sicuramente abbastanza assurda la trama, con parecchi episodi veramente inverosimili (quello nella giungla per primo) e un finale che lascia un po' a desiderare. Alla fine da l'idea di essere la trama giusta di un filmino di quelli che vanno tanto di voga, molta azione, un po' di soprannaturale e l'eroe che risolve tutto (questa volta in compagnia), ma da Preston è lecito aspettarsi qualcosina di più. 3 stiracchiato.

  • User Icon

    fred02

    18/04/2010 19:25:50

    Meglio il precedente Eresia. Discreta l'idea, forse troppo lunga, come detto nell'altra recensione, la fase dell'inseguimento dei protagonisti. Comunque si lascia leggere piacevolmente, e anche il finale è ok.

  • User Icon

    klaus

    13/04/2010 08:06:38

    Formidabile. Si legge tutto d'un fiato. L'idea è originale è il finale quanto mai logico.

  • User Icon

    carlo

    30/03/2010 09:09:51

    Che disastro Preston! Il romanziere che cerca di affrancarsi dal collega Child, conferma l'esito altalenante dei suoi lavori, e dopo l'ottimo "L'Eresia", sforna un pastrocchio un po' misero. A dire il vero i guai del racconto pare comincino dalla trama, veramente stiracchiata, forse troppo breve originariamente e quindi "allungata" per fare brodo: ma il risultato delude per molte ragioni, vediamole. 1) Il plot sembra un minestrone, nonostante i personaggi siano ben delineati nel romanzo c'è dentro un po' di tutto: si parla delle atrocità degli Kmer rossi in Cambogia, di fantascienza dello spazio con minaccie da altri mondi, di killer psicopatici, di tempesta perfetta, l'inseguimento tra buoni e cattivi, ecc.. Il racconto non mantiene per niente una propria identità, tutt'altro. 2) I racconto è poco bilanciato: nonostante la minaccia aliena alla terra, si finisce per buona parte a parlare di un inseguimento in mare, durante una tempesta, tra il cattivo ed i buoni, che dura VERAMENTE troppo e stanca (tra l'altro è una scena trita e ritrita, si pensi a "Cape fear, il Promontorio della paura" o alla "Tempesta perfetta" al cinema). 3) Il romanzo è francamente inverosimile, e finisce in burletta, la veridicità di quanto accade, il climax ascendente, che avevano veramente coinvolto in "L'Eresia", qui non sono proprio credibili. Il finale fa ridere, ma di delusione. C'era bisogno di un'opera così? Scrittori, sceglietevi meglio i plot su cui operare... Da dimenticare in fretta.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione