Categorie

Federico Rampini

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2006
Pagine: 369 p. , Brossura

25 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Economia e diritto - Economia - Filosofia e teoria

  • EAN: 9788804551300

Federico Rampini, corrispondente di Repubblica da Pechino, in questo nuovo libro racconta la Cina e anche l'India, i due Paesi che si stanno imponendo sulla scena mondiale grazie al "boom" economico, industriale e tecnologico che stanno vivendo ormai da alcuni anni. Se il "boom" cinese – scrive Rampini – ha preso la sua rincorsa dall'inizio degli anni Ottanta, è di recente che l'India si è imposta di prepotenza come "l'altro" miracolo. Dal 1991 le riforme economiche di New Delhi hanno liberato l'energia del Paese e dal 2004 Cina e India sono diventate le mete predilette degli investimenti delle multinazionali.
Il decollo della potenza tecnologica indiana si esemplifica bene in un microchip, inventato da un 35enne indiano, e finito nello stomaco delle vacche che fino al 2003 giravano indisturbate per le vie della capitale e che ora consente di attribuire a ogni mucca indù un codice d'identità, di registrarne la razza e il proprietario. Ebbene quel sensore "made in India" è oggi un successo mondiale: negli Usa, in Europa e in Argentina è usato per monitorare eventuali ritorni del morbo della mucca pazza. Questa è la "New India" divenuta centro dell'innovazione mondiale, il Paese dove la Microsoft di Bill Gates lancia nuovi software a basso costo per miliardi di utenti, assume migliaia di ingegneri e incontra una concorrenza che ha spostato lì, a Bangalore, nella Silicon Valley indiana, il baricentro della fabbricazione di hardware e microchip. Dunque, scrive Rampini, non ci sono alternative, la crescita è in questo Paese. E in Cina. Ecco perché la sfida è serrata. La tigre indiana e il dragone cinese, una democrazia da 1 miliardo e 100 milioni di abitanti e un regime (politicamente) totalitario da 1 miliardo e 300 milioni di persone. Due Paesi dal passato glorioso che trainano tutto il continente asiatico come due locomotive dello sviluppo industriale e demografico.
Questa realtà è "Cindia", un'area che fra 30 anni, secondo studi internazionali, produrrà il 42 per cento del Pil mondiale, lasciando agli Usa il 23 per cento e all'Europa solo il 16: la partita del XXI secolo si gioca qui, nel nuovo centro del mondo.
Un saggio che non lascia indifferenti, nel quale Rampini raccoglie storie di vita quotidiana, ritratti di grandi capitalisti dei quali a stento si comprende il nome, e racconti di viaggio dall'interno dell'impero nascente.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Vito

    10/10/2008 17.11.54

    Ho appena cominiato a leggere il libro, ho guardato varie recensioni e sono stato colto da un pensiero critico. Chi è causa del suo mal pianga se stesso, recita un proverbio e allora mi chiedo: perchè Microsoft ha spostato la sua produzione in India? perchè molte industrie americane ed europee hanno spostato le loro produzioni in Cina? Per risparmiare sui costi di produzione; ma intanto hanno sviluppato le conoscenze e le tecnologie di quei paesi a scapito degli USA e dell'europa. Mentre i nostri governi tagliano i fondi per la scuola, la ricerca e lo sviluppo tecnologico i nostri "bravi" imprenditori hanno regalato le conoscenze e le tecnologie faticosamente acquisiti a questi paesi che, giustamente, ne hanno saputo approfittare. CHI E' CAUSA DEL SUO MAL PIANGA SE STESSO! Non i singoli cittadini sono responsabili ma le istituzioni e gli imprenditori e cui va il mio sentito e amaro "GRAZIE!?" per quanto avete fatto per i vostri connazionali.

  • User Icon

    Gabriel

    02/11/2007 00.22.58

    Congratulazioni Un libro assolutamente interessante ricco ed entusiasmante .Spero che L Italia umilmente possa prendere spunto per ricomniciare magari ripartendo e credendo in quella classe in cui oramai si rispecchia la maggior parte del paese :una classe definita "medio bassa".Mi auguro semplicemente che l Italia adotti una nuova forma di capitalismo e politica ispirata magari a quella indiana da cui credevo non avere molto da invidiare dovendomi presto ricredere .In ogni caso mi è piaciuto per un periodo di tempo lungo la lettura del libro sognare ad occhi aperti ,in questo particolare periodo , in cui non si crede non si investe e non si danno speranze a quelli che dovrebbero essere il futuro : i giovani. firmato un dicianovenne Gabriel

  • User Icon

    ALFA

    06/09/2007 17.52.13

    Bellissimo, era ora che qualcuno dedicasse un po di tempo a divulgare questo mondo "a noi" spesso sconosciuto!

  • User Icon

    Matteo Balzarini

    03/07/2007 21.31.49

    A mio avviso Rampini in questo libro spiega in modo eccellente le conseguenze dello sviluppo dei paesi orientali per il mondo occidentale.Da leggere.

  • User Icon

    Annamaria

    01/07/2007 13.07.42

    Molto interessante, è la descrizione di un mondo che noi occidentali non conosciamo per niente e sfruttiamo quando ci fa comodo, ma che diventa sempre più forte, e questa cosa un giorno probabilmente si ritorcerà contro di noi... Un pò inquietante ma vale proprio la pena leggerlo!

  • User Icon

    Silvia

    02/05/2007 16.38.09

    L'ho dovuto leggere per un esame e non mi è pesato per niente anzi è molto interessante e anche piacevole da leggere. Non capisco perchè alcuni lo criticano per il fatto che mette in guardia sull'India e sulla Cina.. E' quello che sta succedendo, Cina e India stanno sviluppandosi e stanno crescendo piu di noi, è giusto ammetterlo!

  • User Icon

    armando trono

    01/05/2007 17.29.00

    intanto complimenti all'autore. una finestra aperta su continenti poco conosciuti,uno stimolo al sapere di che realta' socioeconomiche si trattera'di andare a confrontarci nell'immediato futuro.lettura interessante scorrevole da consigliare inanzitutto a studenti e docenti.....

  • User Icon

    Mattia

    31/03/2007 15.39.15

    un libro che fa riflettere e dalle prospettive per il ns futuro inquietanti. Da consigliarne la lettura.

  • User Icon

    Nicola

    24/02/2007 11.31.59

    Personalmente sono convinto che uno dei libri più belli che abbia mai letto in vita mia, vero è che ci sono davvero molte statistiche e che si fa un po' di fatica a tenerle bene a mente tutte ma devo dire anche che vengono espressi concetti molto complessi, credetemi, in modo chiaro e semplice dandoti un minimo di conoscenza sull'argomento... adesso mi sa che leggerò "il secolo cinese"!!! userò il libro per il mio approfondimento alla maturità!!!

  • User Icon

    Patrizia

    10/01/2007 17.15.32

    E' un libro davvero interessante, attuale, avvincente e scorrevole. La lettura coinvolge perché descrive situazioni di cui si parla molto, ma che forse pochi conoscono veramente. India, Cina e Giappone rientrano spesso nei discorsi quotidiani, pochi forse però conoscono questi Paesi e soprattutto il loro sviluppo di questi ultimi anni.Sicuramente questo libro ci aiuta a conoscerli più profondamente.

  • User Icon

    ocram

    29/11/2006 17.45.16

    Un resoconto chiaro e semplice di come si stannno muovendo i 2 colossi mondiali in termini di crescita economica e professionale. Visto che tutti ne parlano è bene avere un testo su cui ragionare ed avere molte informazioni che permettono di sostenere un discorso corretto.

  • User Icon

    Melania

    23/11/2006 19.25.09

    e' scritto bene, di facile lettura e fa riflettere perchè effettivamente quello che questi paesi stanno facendo è dell'incredibile confrontando la lentezza e la burocrazia che incatenano il nostro paese, perdendo così la possibilità di essere anche dei concorrenti, l'Italia ha delle belle teste creative e illuminarie!

  • User Icon

    Andrea

    21/11/2006 11.38.28

    Un libro pessimo scritto dal sinologo di regime Federico Rampini. Il Rampini cerca di convincerci che la Cina (e l'India) domineranno il nostro futuro. Il libro è pieno di ripetizioni e dati numerici (numeri del lotto...) fra loro in contrasto: per esempio il numero di auto circolanti in Cina. Il libro liquida in poche pagine il fenomeno delle copie cinesi. Secondo Rampini, a differenza di casa nostra, nessuno si lamenta se nella silicon valley, molto aziende sono gestite da cinesi. Mi sembra che ci sia una certa differenza fra i cinesi nostrani che da noi fanno borse finte e la produzione di alta tecnologia negli US.

  • User Icon

    Gabriella

    26/10/2006 23.00.47

    Questo libro mi ha illuminato come sulla "via di Damasco" per capire come va il mondo oggi. Sono d'accordo con chi ha scritto che dovrebbe essere letto nelle scuole e nelle università. E quando leggi lo sviluppo della Cina, viene proprio da ridere a pensare ai localismi dei nostri politici. Loro che dovrebbero essere i primi a guardare la politica in un'ottica globale! Bravo Rampini, ho avuto modo anche di sentirlo in una presentazione del suo libro e l'ho trovato estremamente solare e ottimista. Ho letto il libro prendendolo in biblioteca, ora ne ho comprati due: uno per me e uno che regalero!

  • User Icon

    moss

    16/10/2006 16.49.13

    la tecnologia e magia dei computer,scritto già 30 anni fa, non eliminano l,entropia e il collasso da sovrappopolazione, e il minimo attrito distruggerà questi over link. la matematica nega queste crescite e le crisi sheldon sono una magia persa nel 1945.

  • User Icon

    giorgiog

    03/10/2006 10.40.50

    La frase che più mi ha colpito (riporto a memoria): “l’India progetta, la Cina produce e noi consumiamo”. Una prospettiva senza speranza! Questo è comunque il futuro che questo libro ci prospetta, davanti al quale scompaiono i nostri problemi interni (devolution sì, devolution no) e anche quelli dell’Europa (origini cristiane dell’Europa…). La posta è molto più alta, anche se il gioco è impari: come competere con un sistema, come quello cinese, che si basa su condizioni di lavoro poco più che schiavistiche? Leggere il libro di Federico Rampini ci fa riflettere e vedere più chiaramente cosa è la globalizzazione con cui ci dobbiamo confrontare. E’ una lettura che mi sento di consigliare anche perché lo stile è giornalistico e molto scorrevole.

  • User Icon

    franca

    02/10/2006 21.32.00

    Vera e preziosa informazione. Critico pero' lo stile ossessivo e ripetitivo che maschera momenti di mancanza di profondità.Da leggere senzaltro.Franca

  • User Icon

    elisa

    28/09/2006 00.45.18

    mi dispiace ma personalmente mi ha deluso

  • User Icon

    Lidia

    21/09/2006 13.19.54

    Io ho trovato il libro di lettura semplice e scorrevole, cosicchè, anche per chi non legge tanto abbia modo di capere cosa sta succedendo e quindi possa anche riflettere! Ne sto comprando un altro per fare un regalo. Ciao Lidia

  • User Icon

    Adriano Baldanzi

    13/09/2006 12.37.15

    é il completamento dell'analisi dopo "Il Secolo Cinese". Questo libro sarebbe da leggere nelle scuole e università, inserirlo come testo obbligatorio, visto che il futuro passa da Cindia. Insegnamento per tanti nostri politici demagoghi e populisti.

Vedi tutte le 26 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione