L' impero perduto - Clive Cussler,Grant Blackwood - copertina

L' impero perduto

Clive Cussler,Grant Blackwood

Scrivi una recensione
Traduttore: S. Pezzani
Editore: Longanesi
Collana: La Gaja scienza
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 28 febbraio 2013
Pagine: 407 p., Rilegato
  • EAN: 9788830435650
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 13,95

€ 18,60
(-25%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Quantità:
LIBRO

€ 10,04

€ 18,60

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Sam e Remi Fargo stanno trascorrendo una tranquilla vacanza a Zanzibar quando, durante una delle loro immersioni, si imbattono in uno strano oggetto: la campana di una nave appartenuta alla flotta confederata, che presenta strani segni incisi all'interno. I due cacciatori di tesori danno inizio alle ricerche sul misterioso ritrovamento, ma la loro scoperta diviene ben presto di dominio pubblico, attirando le pericolose attenzioni degli uomini al servizio di Quauhtli Garza, presidente del Messico e leader del partito ultranazionalista: la campana nasconde infatti un segreto che minaccia il suo potere assoluto. Braccati da individui senza scrupoli, i Fargo proseguono ostinati nelle indagini, mettendo a rischio la loro stessa vita. Cosa significano e da chi sono stati incisi i segni all'interno della campana? Che fine ha fatto la nave da cui proviene il reperto? Per trovare le risposte alle loro domande, seguiranno gli indizi disseminati nel diario di un esploratore dell'Ottocento, che dalla Tanzania li porteranno al Madagascar fino in Indonesia, al leggendario sito del Krakatoa, sulle tracce di un segreto sull'impero azteco in grado di riscrivere la storia.
3
di 5
Totale 3
5
0
4
1
3
1
2
1
1
0
  • User Icon

    Paolo

    17/10/2014 20:29:28

    Ho letto tutti i libri di Cussler, ma questo non riesco proprio a finirlo. Siamo distanti anni luce dalle avventure di Atlantide o l' Oro dell' inca. A me i due protagonisti non piacciono per niente. Peccato....

  • User Icon

    Tiziana

    04/05/2013 15:12:27

    È la prima volta che mi capita di non finire un libro di Clive Cussler, l'ho trovato prolisso, noioso, inconcludente. Ben lontano dalle avventure dei o libri migliori, peccato!

  • User Icon

    Steve

    01/04/2013 11:11:17

    Cussler è sempre il maestro dell'avventura, sia che scriva da solo sia in coppia. Le ambientazioni sono sempre esotiche, la caccia al tesoro molto ritmata ma... In questo romanzo il finale è troppo semplice, corto, veloce, lascia quasi con l'amaro in bocca. Ci aveva abituato a ben altro. L'unica speranza è che non sia un finale, ma un preludio a una nuova avventura dei Fargo. Comunque da leggere.

Scritto a quattro mani con il veterano di marina Grant Blackwood, L’impero perduto è il nuovo libro del ciclo delle Fargo Adventures di Clive Cussler. Protagonisti Sam e Remi Fargo che dopo aver venduto la loro Fondazione e abbandonato la ricerca, avevano deciso per l’occasione di regalarsi una vacanza a Chumbe, un’isola di Zanbibar: un luogo ideale per due cacciatori di tesori come loro dato che negli anni l’isola aveva subito diverse dominazioni e che, proprio nel canale di Zanzibar, erano affondate tantissime navi le cui stive colme di ricchezze non erano ancora venute alla luce. Al tempo stesso però l’isola di Chumbe era un posto molto pericoloso non solo per la presenza degli squali ma perché il tratto d’acqua esplorabile era largo appena cinquanta metri, oltre i quali la “Zona di Sicurezza” individuata da Sam e Remi si trasformava nella “Zona dell’Addio”: se si fossero spinti oltre, la corrente li avrebbe precipitati in una corsa senza ritorno verso la costa. Ma mai come allora Sam e Remi erano decisi a non arrendersi: il motore delle loro ricerche non era infatti il denaro quanto piuttosto lo spirito di avventura che li accomunava e li vedeva soddisfatti solo di fronte a scoperte storiche e archeologiche sensazionali.
Muniti di tutte le attrezzature, una mattina di luglio avevano iniziato ad esplorare il fondale dell’isola, decisi a scovare almeno un pezzetto di Storia nascosto sotto un grumo di sabbia. Proprio mentre stavano nuotando verso la riva Sam aveva scorto un bagliore, un luccichio d’oro che sebbene fugace non lasciava dubbi sulla presenza di qualcosa di prezioso. Bisognava però trovare il modo di arrivarvi senza lasciarsi trasportare dalla corrente. Si avvicinarono lentamente a quello che sembrava il cerchio di un barile e iniziarono a ripulirlo, ma andando avanti con le operazioni si accorsero che non si trattava di un bidone bensì della campana di una nave: il reperto più grande che avessero mai trovato finora. Da quanto tempo si trovava lì? Determinare la provenienza e il processo storico della campana era il primo passo da compiere per rivendicarne la titolarità, tuttavia le ferree leggi del governo tanzaniano in merito ai recuperi marittimi rappresentavo un serio ostacolo al loro lavoro. Quella campana poteva essere un semplice oggetto del passato o un importantissimo reperto storico, ma era necessario decidere in fretta come comportarsi: avvertire le autorità o procedere autonomamente?
Una volta avuta la conferma che l’area in cui avevano individuato la campana era al di fuori della barriera corallina protetta, Sam e Remi avevano iniziato le operazioni di recupero, ma ben presto si erano trovati a dover fare i conti con uno spiacevole imprevisto. Un gruppo di messicani aveva individuato la loro scoperta e aveva mostrato tutta l’intenzione di mettere loro i bastoni fra le ruote: a quanto sembrava la campana apparteneva a una nave di dubbia provenienza e nascondeva un segreto di stato molto importante che il gruppo ultranazionalista del Messico non aveva alcuna intenzione di riportare alla luce.
Tuttavia, per nulla spaventati dalle minacce del governo messicano e decisi a portare avanti le loro ricerche Sam e Remi avevano deciso di seguire le tracce disseminate nel vecchio diario di un esploratore dell’Ottocento per venire a capo del mistero nascosto. Riusciranno nel loro intento?
Con L’impero perduto Cussler ci trasporta in una dimensione avventurosa, facendoci rivivere le misteriose vicende dei marinai e dei pirati del passato, divisi fra affari di stato e tesori di inestimabile valore. Così, guidati dalla curiosità e dal coraggio dei due protagonisti i lettori non vedranno l’ora di terminare il romanzo.

  • Clive Cussler Cover

    Clive Cussler è uno scrittore statunitense, famoso per i suoi innumerevoli romanzi d'avventura. Nato in Illinois da madre americana e padre tedesco, da piccolo si trasferisce con la famiglia in California. Comincia poi a studiare al Pasadena City College, ma interrompe dopo due anni per arruolarsi nell'aviazione: partecipa quindi alla Guerra di Corea come sergente e lavora anche come meccanico e ingegnere aeronautico per il Military Air Transport Service (MATS). Nel 1955 sposa Barbara Knight, che gli rimarrà accanto per quasi cinquant'anni; dandogli tre figli: Teri, Dana e Dirk. Quest'ultimo (chiamato così in onore del personaggio di maggior successo di Cussler, Dirk Pitt) si è laureato a Berkeley ed ha lavorato per molti anni in campo finanziario prima di dedicarsi... Approfondisci
  • Grant Blackwood vive in Arizona. È autore della serie Briggs Tanner, coautore della serie Fargo Adventure con Clive Cussler, del libro Dead or Alive con Tom Clancy, e di The Kill Switch con James Rollins. Approfondisci
Note legali