Improvvisamente l'estate scorsa

Suddenly Last Summer

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Suddenly Last Summer
Paese: Stati Uniti
Anno: 1959
Supporto: DVD
Salvato in 44 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 9,81 €)

Tormentata dalla improvvisa e violenta morte del cugino, una ragazza, in preda ad una crisi di nervi, è curata da uno psichiatra che s'innamora di lei.
4,75
di 5
Totale 4
5
3
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    matahari

    11/09/2016 18:53:46

    Un film capolavoro, con la sceneggiatura di due grandi scrittori, Tennesse Williams e Gore Visal, entrambi omosessuali. Negli anni '60 non si poteva parlare esplicitamente di omosessualità, ma in fondo, non ce n'è bisogno, perché si intuisce molto bene di che cosa si parla. Dramma interpretato in maniera sublime da Elisabeth Taylor e Katherine Hepburn. Montgomery Clift è in questo film meno espressivo del solito (il viso era stato riscostruito dopo un terribile incidente stradale), ma è pur sempre un bravo attore. La regia del grande Joseph Mankiewitz. Il film mi ha lasciato profondamente sconvolta. Nonostante non si veda nulla di esplicito, la morbosità dell'argomento ti entra dentro. Questo significa che la volgarità non paga. Qui è l'intelligenza degli autori e del regista che paga. Un capolavoro

  • User Icon

    GIUSEPPE

    22/07/2008 00:49:26

    Grandiosissimo film drammatico interpretato da tre grandi nomi Sacri del Cinema Vero: Elizabeth Taylor,Katharine Hepburn e Montgomery Clift! Un film che ti tiene incollato dall'inizio alla fine per la suspance,l'interpretazione dei protagonisti è a dir poco sublime!

  • User Icon

    Caesar

    19/05/2006 12:45:26

    Dramma socio-psicologico non leggerissimo da mandar giù, tratto da Tennessee Williams, riletto con arte quasi morbosa da Mankiewicz, come una tragedia greca ambientata in un'atmosfera da film dell'orrore (la scenografia prevalente è quello di un giardino colmo di piante rarissime, tra cui alcune carnivore), e smantellato nei suoi complicatissimi personaggi, nei suoi conflitti interiori e nella sua decadenza ossessiva e scarnificatrice nel trattare i temi dell'omosessualità. Affascinante, anche se un pò troppo "invecchiato".

  • User Icon

    Lia

    24/10/2004 23:12:33

    Intensa interpretazione. Atmosfera misteriosa,carica di sottintesi.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Columbia TriStar Home Entertainment, 2013
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Durata: 110 min
  • Lingua audio: Italiano (Mono);Francese (Mono);Tedesco (Mono);Inglese (Mono);Spagnolo (Mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Inglese; Francese; Spagnolo; Tedesco; Olandese; Hindi; Portoghese
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: filmografie; foto; trailers
  • Montgomery Clift Cover

    Attore statunitense. Dopo precocissime esperienze teatrali e una serie di fortunate esibizioni nei musical di Broadway, esordisce nel cinema interpretando con scontrosa sensibilità il ruolo del giovane cowboy in lotta contro il padre in Il fiume rosso (1948) di H. Hawks. Attore raffinato, dallo sguardo magnetico e capace di esprimere le più forti passioni con un minimo mutamento d'espressione, rifiuta ruoli importanti (per es. in Fronte del porto, 1954, e in La valle dell'Eden, 1955, entrambi di E. Kazan) a favore di personaggi più ovvi e monocordi (come l'avido seduttore di L'ereditiera, 1949, di W. Wyler, il prete legato al segreto della confessione di Io confesso, 1953, di A. Hitchcock o il giovane innamorato di Stazione Termini, 1953, di V. De Sica) a causa di una sostanziale insicurezza... Approfondisci
  • Katharine Hepburn Cover

    Propr. K. Houghton H., attrice statunitense. Alta, magra, le lunghe gambe slanciate, lo stupendo volto coperto di lentiggini, proviene da una famiglia progressista e anticonformista, il padre medico famoso, la madre plurilaureata e con un passato da suffragetta militante. Frequenta il college, ma sin da giovanissima la sua aspirazione è diventare attrice. Dopo un non brillante esordio in teatro, il cinema si rivela presto il suo autentico universo. Evita l'apprendistato esordendo da protagonista in Febbre di vivere (1932) di G. Cukor. L'anno seguente ottiene il suo primo Oscar per l'interpretazione in Gloria del mattino (1933) di L. Sherman, nelle vesti di una ingenua e sfortunata attrice di teatro in cerca di scrittura. Dopo alcuni film di routine, tra i quali Amore tzigano (1934) di R. Wallace,... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali