In Loving Memory of America

Artisti: Gilad Atzmon
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Enja
Data di pubblicazione: 20 aprile 2009
  • EAN: 0063757785026
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 18,50

Venduto e spedito da IBS

19 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Descrizione

Gilad Atzmon, classe ’63 è un artista fuori dagli schemi, basti pensare che alterna il jazz, la scrittura e l’impegno politico con totale disinvoltura. Nato e cresciuto in Israele, Gilad ha sempre simpatizzato con la causa palestinese attirandosi le ire di molti suoi concittadini. Al tempo stesso è noto come scrittore e i suoi romanzi sono un esplorazione nel campo della psicologia, della politica e del jazz. Ma è soprattutto la musica a renderlo speciale. Formatosi alla Rubin Academy of Music di Gerusalemme, suona di preferenza il sassofono, il clarinetto e il flauto. Il suo stile è principalmente bebop/hard bop, in alcuni casi free jazz, con una capacità di improvvisazione notevole, in termini di velocità, di energia e intensità. Il suo album Exile ha vinto il premio della BBC come miglior album jazz del 2003. Da diversi anni vive a Londra dove ha fondato il proprio quartetto, l’Orient House Ensemble con il quale gira il mondo intero. Il nuovo album, inciso come i precedenti con la Enja records, si intitola “In Loving Memory Of America” ed è un tributo alla patria del jazz. “Per molti anni ho considerato l’America la mia terra promessa” spiega Atzmon “da giovane ero convinto che prima o poi sarei emigrato a New York City, la mia mecca del jazz era Downtown Manhattan, il mio santuario il Village Vanguard e le mie Sacre Scritture i vecchi vinili Blue Note e Prestige. I miei preti si chiamavano Coltrane, Bird, Cannobal, Miles, Duke, Dizzy, Bill Evans e altri”. L’album vuole salutare gli eroi americani del jazz rendendo tributo al leggendario album del 1949 di Charlie Parker intitolato “With Strings”. Gilad Atzmon saluta i suoi eroi ovviamente a modo suo, in maniera in parte nostalgica, in parte satirica e persino in modo futuristico. Accompagnato dalla sua Orient House Ensemble e dal quartetto d’archi Sigamos, Atzmon reinterpreta cinque brani della celebre registrazione di Parker e ne aggiunge altri sei di propria composizione.

Disco 1
  • 1 Everything Happens to Me
  • 2 If I Should Lose You
  • 3 Musik
  • 4 What Is This Thing Called Love
  • 5 Call Me Stupid Ungrateful Vicious and Insatiable
  • 6 I Didn't Know What Time it Was
  • 7 In the Small Hours
  • 8 Tutu Tango
  • 9 April in Paris
  • 10 In Loving Memory of America
  • 11 Refuge