In Memoriam - SuperAudio CD ibrido di Claude Debussy,Arturo Benedetti Michelangeli

In Memoriam

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Claude Debussy
Supporto: SuperAudio CD ibrido
Numero supporti: 1
Etichetta: Praga
Data di pubblicazione: 7 novembre 2012
  • EAN: 3149028028829
Edizione limitata
Un tributo ad Arturo Benedetti Michelangeli, mitico ed imprevedibile pianista italiano, protagonista del XX secolo. Un perfezionista dal repertorio molto ricercato in cui le opere di Scarlatti si uniscono a quelle di Debussy e Ravel e in cui vengono esaltati i grandi romantici tedeschi, da Beethoven a Brahms. Il numero delle sue registrazioni è esiguo, costituito per la maggior parte da opere di Debussy e Ravel e da alcune opere di Beethoven.

  • Claude Debussy Cover

    Propr. Achille-Claude Debussy. Compositore francese.L'itinerario artistico e le opere principali. Figlio di piccoli commercianti di porcellane, entrò al conservatorio di Parigi nel 1872, studiando il pianoforte con A.-F. Marmontel e la composizione con E. Giraud. Nel 1884 ottenne il Prix de Rome con la scena lirica L'enfant prodigue (Il figliuol prodigo). A Roma, dove soggiornò dal 1885 all'87, scrisse La demoiselle élue (La fanciulla eletta), su testo di D.G. Rossetti. Rientrato a Parigi, prese a frequentare il salotto di Mallarmé e altri ambienti artistici legati al simbolismo e all'impressionismo. S'interessò, nel frattempo, all'o­pera di Wagner (viaggi a Bayreuth nel 1888 e nel 1889), al Boris di Musorgskij, alle musiche giavanesi ascoltate all'Esposizione di Parigi nel 1889. La maturazione... Approfondisci
  • Arturo Benedetti Michelangeli Cover

    Pianista. Allievo a Brescia di P. Chimeri e a Milano di G. Anfossi, vinse nel 1939 il concorso di Ginevra e subito si impose tra i maggiori pianisti in Italia e, dal 1946, anche all'estero. Negli anni '60 e '70 tenne vari corsi di perfezionamento e nel 1964 fondò il Festival pianistico internazionale di Brescia. Dotato di un eccezionale virtuosismo, ma anche di una tecnica del suono di non comune sottigliezza, andò radicalizzando negli anni alcune personali scelte artistiche: sul piano musicale, uno scavo interpretativo esasperato, alla ricerca della perfezione – soprattutto timbrica – in una ristretta rosa di musiche di Chopin, Debussy, Mozart, Beethoven; sul piano dell'attività, un limitatissimo numero di concerti all'anno e un'estrema parsimonia nelle incisioni discografiche, ciascuna delle... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali