Inchiesta in prima pagina di Clifford Odets - DVD

Inchiesta in prima pagina

The Story on Page One

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Story on Page One
Paese: Stati Uniti
Anno: 1959
Supporto: DVD
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 9,99

Venduto e spedito da Allstoreshop

Solo 1 prodotto disponibile

+ 5,00 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 9,99 €)

Maltrattata da un marito villano, Jo si consola con l'amicizia di Larry, un ragioniere rimasto vedovo da poco tempo. Quella che all'inizio è solo un'amicizia dovuta alle comuni infelicità si trasforma presto in amore. Il marito di Jo però li scopre in flagrante adulterio e, durante la colluttazione che segue, viene ucciso accidentalmente.
  • Film in bianco e nero
  • Produzione: A & R Productions, 2014
  • Distribuzione: A & R Productions
  • Durata: 123 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo);Inglese (Dolby Digital 2.0 - stereo);Spagnolo (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Clifford Odets Cover

    (Filadelfia 1906 - Hollywood 1963) drammaturgo statunitense. Nel 1931 fondò, ispirandosi alle teorie di K.S. Stanislavskij, il famoso Group Theatre (1931-41), che avrebbe messo in scena tutti i suoi drammi, a cominciare dall’atto unico Aspettando Lefty (Waiting for Lefty, 1935, nt), che con drammatica irruenza presenta, nelle sue cause e nei suoi effetti, uno sciopero di tassisti. Il suo straordinario successo consacrerà O. come l’iniziatore di un teatro proletario. Nella stessa ottica paramarxista seguiranno Svegliati e canta (Awake and sing, 1935), che rappresenta le traversie di poveri ebrei del Bronx, Paradiso perduto (Paradise lost, 1935, nt), Ragazzo d’oro (Golden boy, 1937), sull’emergenza e il declino di un pugile di origine italiana. Con Notturno (Night music, 1940, nt) O. tenta l’analisi... Approfondisci
  • Rita Hayworth Cover

    Nome d'arte di Margarita Carmen Cansino, attrice statunitense. Autentica icona della sensualità latina, celebre per la sua provocante bellezza e per i capelli rossi più che per il suo non trascurabile talento, debutta nel 1935 (con il nome di Rita Cansino) in La neve di Satana di H. Lachman. Il suo primo ruolo di rilievo è in Avventurieri dell’aria (1939) di H. Hawks, mentre nel 1941 arriva la consacrazione con Sangue e arena di R. Mamoulian e Bionda fragola di R. Walsh, che esaltano il suo fascino trasformandola nella diva più sensuale di Hollywood. Gilda (1946) di C. Vidor è il film cui il nome e il corpo di H. sono legati, soprattutto per la celeberrima sequenza da culto in cui si sfila i guanti cantando «Put the Blame on Mame» con voce innocente e sensuale. Nel 1948 è diretta dal marito... Approfondisci
  • Anthony Franciosa Cover

    "Nome d'arte di A. Papaleo, attore statunitense. Muove i primi passi in teatro, dapprima sotto la guida di E. Piscator poi sui palcoscenici di Broadway. Ben presto esordisce nel cinema e nel 1957 appare in ben tre film diretti da altrettanti grandi registi, Questa notte o mai di R. Wise, Un volto nella folla di E. Kazan e Un cappello pieno di pioggia di F. Zinnemann; quest'ultimo, che aveva già interpretato con successo in teatro, gli vale una candidatura all'Oscar e la Coppa Volpi per la migliore interpretazione alla Mostra di Venezia. Si conferma attore dai tratti fortemente drammatici in La lunga estate calda (1958) di M. Ritt, in cui impersona il figlio di un ricco proprietario terriero (O. Welles) che vuole far linciare per gelosia un giovane della fattoria (P. Newman) stimato dal padre.... Approfondisci
  • Gig Young Cover

    "Attore statunitense. Interprete accattivante e garbato, dal sorriso irresistibile, appare come Byron Barr in ruoli minori a partire dagli inizi degli anni '40; si serve anche dello pseudonimo di Bryant Fleming finché nel 1942 il successo di Le tre sorelle (1942) di I. Rapper lo induce ad appropriarsi del nome del suo personaggio. Notevole in parti drammatiche (come ha modo di dimostrare in Non si uccidono così anche i cavalli?, 1969, di S. Pollack, Oscar come migliore attore non protagonista), rimane intrappolato in caratteri di amabile mascalzone (Dieci in amore, 1958, di G. Seaton; Il visone sulla pelle, 1962, di Delbert Mann). È tristemente famoso per aver sparato alla quinta moglie, l'attrice K. Schmidt, prima di suicidarsi. " Approfondisci
Note legali