Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Indagine non autorizzata

Carlo Lucarelli

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Anno edizione: 2008
Pagine: 219 p., Brossura
  • EAN: 9788878517202
Salvato in 7 liste dei desideri

€ 9,90

Venduto e spedito da Libreria Max 88

Solo una copia disponibile

+ 3,90 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Riccione, 1936. A pochi passi dalla residenza estiva di Benito Mussolini viene scoperto il cadavere di una prostituta assassinata. L'omicidio, che minaccia di turbare le vacanze del Duce, getta nel panico la Questura di Rimini: occorre risolvere il caso presto e bene, prima che l'irritazione del cavalier Mussolini raggiunga livelli pericolosi per promozioni e carriere... I poliziotti si impegnano allo spasimo e nel giro di qualche ora arrestano il presunto colpevole. Il caso, dunque, sembra felicemente chiuso, con gran sollievo delle autorità e vivissime.congratulazioni del Ministero, ma all'ispettore Marino, borghese piccolo piccolo e funzionario zelante, qualcosa non quadra.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,33
di 5
Totale 6
5
3
4
2
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    04/12/2016 07:20:03

    E’ l’estate del 1936, Benito Mussolini trascorre le vacanze nella sua villa di Riccione e poco distante viene rinvenuto in spiaggia, dietro una duna, il cadavere di una nota prostituta, uccisa con un colpa di pistola di piccolo calibro penetrato in uno dei suoi occhi. Le indagini sono rapide e febbrili e nel corso dello stesso giorno portano all’arresto del colpevole, con tanto di meritato plauso del duce. Tutto semplice, quindi si direbbe, ma uno degli investigatori, l’ispettore Marino, un uomo umile e appassionato del suo lavoro, che vive un momento difficile poiché la moglie l’ha lasciato, non è convinto e, nonostante l’esplicito divieto del commissario, decide di intraprendere un’indagine non ufficiale. Da quel momento si sviluppa una vicenda intricata, con sviluppi che porteranno ad altre morti, in cui i sospettati sono diversi e tutti elementi di spicco del partito fascista. Fra adunate oceaniche e anche incontri intimi Marino procede spesso annaspando, talvolta vittima della sua intraprendenza, ma sempre deciso a far luce su quello che diventa a ogni ora un caso misterioso. C’è tanta carne al fuoco, tanta gente che da questo delitto cerca di ritrarre i massimi vantaggi e così, se anche si riesce poi a scoprire il vero colpevole, questi non verrà assicurato alla giustizia e il nostro ispettore, per una volta, converrà che è meglio tacere, che anche lui potrà avere così la tanto agognata promozione, tanto che nelle ultime pagine lo troviamo trasferito a Roma, in qualità di vicecommissario aggiunto al casellario politico centrale della Direzione Generale della Pubblica Sicurezza, un posto di tutta tranquillità, ma di rilevante importanza. Il giallo è piacevole da leggere, ma non è che si possa pretendere di più se non alcune ore di puro e solo moderato divertimento .

  • User Icon

    Paoletta

    22/11/2013 13:32:25

    Lucarelli non tradisce. Bel libro, ben contestualizzato nel ventennio fascista. Da leggere!

  • User Icon

    Massimo Capuozzo

    28/05/2011 22:30:19

    E' un ottimo mistery con una perfetta ricostruzione d'epoca e d'ambiente. Sulla spiaggia di Riccione, durante la caldissima estate del 1936 nelle vicinanze della villa di Mussolini, è accidentalmente rinvenuto il cadavere di una prostituta. L'omicidio minaccia di turbare le tranquille vacanze di un Mussolini che ha dato "all'Italia il suo Impero", che riposa, gioca a tennis, e nuota. Quel delitto tanto inopportuno, in un'Italia chiusa alla cronaca nera, che per le direttive di regime andava minimizzata, anzi ignorata, getta nel panico la Questura di Rimini: occorre risolvere il caso presto e bene, prima che l'irritazione di Mussolini raggiunga livelli pericolosi per promozioni e carriere. La meschina e piccola società ufficiale della cittadina si mobilita, i poliziotti, stimolati dalle alte sfere del potere di Roma, si impegnano nell'inchiesta per chiudere frettolosamente ed in ogni modo il caso. Nel giro di qualche ora un delinquente di mezza tacca è arrestato come presunto colpevole. Il caso sembra felicemente chiuso, con grande sollievo delle autorità e con le congratulazioni vivissime del Ministero. Ma qualcosa non quadra all'ispettore Marino, un piccolo borghese conformista ed allineato al generale consenso nella Rimini dei telefoni bianchi del 1936, ma caparbio nel voler preservare un innocente da una carcerazione ingiusta anche a costo di entrare in collisione con i colleghi più arrivisti. Marino prosegue così da solo e di nascosto un'indagine non autorizzata, a rischio di trasferimento o di peggio: con l'aiuto di un reporter antifascista e di un magistrato dissidente, ignorando le disposizioni perentorie che vengono dall'alto, in un'epoca in cui gli ordini sono ordini, Marino conduce l'indagine sul filo del rasoio ed entra a diretto contatto con l'entourage del Duce, tra gerarchi e giovani rampanti del Partito, eroi dell'Abissinia, dive dei Telefoni bianchi, ma anche tra gli ex squadristi della malavita, della cocaina. Massimo Capuozzo

  • User Icon

    Trixter

    12/07/2010 10:05:27

    Romanzo molto gradevole, assai ben scritto e con un intreccio niente male. Piacevole lettura.

  • User Icon

    Truedefender

    13/04/2010 19:54:22

    Bel libro. Lucarelli narra con la solita bravura una storia avvincente. Consigliato!

  • User Icon

    Fr@ncesca

    26/11/2008 15:06:24

    Un libro gradevole, ben scritto e con un bell'intreccio da un autore che apprezzo anche se, secondo me, "L'isola dell'angelo caduto" è una spanna sopra e rimane il suo miglior romanzo ambientato durante il fascismo.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente
  • Carlo Lucarelli Cover

    Affermato scrittore di letteratura gialla e noir, vive tra Mordano (Bo) e San Marino. Il suo percorso narrativo va dai racconti brevi sparsi nelle varie antologie del Gruppo 13 (di cui fa parte) alla trilogia giallo-storica con il commissario De Luca pubblicata dalla Sellerio (Carta bianca, L'estate torbida e Via delle Oche). Dopo Almost blue (1997), Il giorno del lupo (1998 e 2008), L'isola dell'Angelo caduto (1999, Finalista al Premio Bancarella 2000), Mistero in blu (1999 e 2008), Guernica (2000) e Lupo mannaro (2001), tra i suoi libri pubblicati da Einaudi Stile libero ci sono il romanzo Un giorno dopo l'altro (2000 e 2008) e i racconti di Il lato sinistro del cuore (2003); poi Misteri d'Italia (2002), Nuovi misteri d'Italia (2004), La mattanza (2004) e Piazza Fontana (2007), gli ultimi... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali