Indignazione - Philip Roth - copertina
Salvato in 57 liste dei desideri
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Indignazione
13,50 €
;
LIBRO USATO
Dettagli Mostra info
Indignazione Venditore: Solelibri + 3,80 € Spese di spedizione Solo una copia disponibile
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Solelibri
13,50 € + 3,80 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Antica Libreria Srl
16,00 € + 6,00 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
ibs
16,62 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
16,62 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Solelibri
13,50 € + 3,80 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Antica Libreria Srl
16,00 € + 6,00 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Chiudi
Indignazione - Philip Roth - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

Come si raccontano la storia, la guerra, i capovolgimenti mondiali se non attraverso l’impatto sull’uomo, se non descrivendone gli effetti fiaccanti, destabilizzanti? Si raccontano con il furore e l'impeto di una scrittura rabbiosa, che contiene l'amarezza di chi conosce già la fine, di chi guarda con occhio indignato la storia di un'intera generazione tragicamente in lotta con il mondo.

È il 1951 in America, il secondo anno della guerra di Corea. Marcus Messner, un giovane serio, studioso e ligio alle leggi, di Newark, New Jersey, sta cominciando il secondo anno di università in un campus rurale e conservatore dell'Ohio: il Winesburg College. Perché ha deciso di frequentare il Winesburg invece del college della sua città, a cui si era inizialmente iscritto? Perché il padre, il risoluto e laborioso macellaio del quartiere, pare impazzito: impazzito per la paura e l'apprensione di fronte ai pericoli della vita adulta, ai pericoli del mondo, ai pericoli che vede incombere a ogni angolo sul suo amato figliolo. Come spiega al figlio la longanime madre messa a dura prova dal marito, è una paura che nasce dall'amore e dall'orgoglio che il padre prova per lui. Ciò non toglie che Marcus covi una rabbia troppo grande per poter ancora sopportare di vivere con i genitori. Li abbandona e, lontano da Newark, nel college del Midwest, si deve districare fra le consuetudini e le repressioni di un altro mondo americano.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2009
8 settembre 2009
136 p., Rilegato
9788806195861

Valutazioni e recensioni

4,35/5
Recensioni: 4/5
(52)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(34)
4
(8)
3
(6)
2
(2)
1
(2)
Vercovicium
Recensioni: 5/5

È il primo libro di Roth che ho letto e ne sono rimasto entusiasta. Scorre fluido e invoglia alla lettura. Sembra quasi un giovane Holden in versione più matura.

Leggi di più Leggi di meno
teo
Recensioni: 4/5

Roth entra nelle pieghe più riposte della psicologia del suo personaggio, che ci appare come un agnello sacrificale, come colui che ha un destino segnato da una consuetudine che, anche dopo la fine della seconda guerra mondiale, ha continuato a vedere gli ebrei, anche se cittadini americani, come carne da macello. La metafora del sangue, della mannaia che il padre del ragazzo impugna per eseguire i tagli rituali della carne perchè sia kosher,e dunque pura, ricorre in tutto il breve ma commovente romanzo: romanzo di iniziazione, si sarebbe portati a dire, malgrado il terribile ed epico finale.

Leggi di più Leggi di meno
Giuseppe Russo
Recensioni: 3/5

Pur presentando delle pagine di altissima densità letteraria (come le coltellate che Marcus e il decano Caudwell si sparano l'uno contro l'altro sotto forma di dialoghi al veleno), manca qualcosa a questo romanzo di Roth. Il giovane Marcus che sta vivendo in modi così sofferti la transizione dall'adolescenza all'età adulta viene dipinto magistralmente nell'insieme delle sue relazioni con i genitori, con gli altri studenti e in genere con l'autorità (motivo fisso nell'opera di Roth: l'oscillazione nel rapporto soggetto-autorità). Ma, rispetto a questo insieme splendidamente raccontato, c'è un vuoto eccessivo nella fase tra l'uscita dal college e la morte in Corea. Come se non contasse nulla, e quindi non meritasse di essere narrata, l'esperienza del protagonista quando, nel suo ciclo di riti di passaggio, avrebbe dovuto vivere anche quello dell'ingresso nel mondo militare negli ultimi mesi dell'amministrazione Truman. E invece è piuttosto evidente che il romanzo avrebbe avuto bisogno di pagine e pagine dedicate anche a quella esperienza, per cui resta questa specie di vuoto diegetico poco sensato.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,35/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(34)
4
(8)
3
(6)
2
(2)
1
(2)

Voce della critica

Indignazione è un pugno sferrato allo stomaco del lettore. Romanzo breve, organizzato come una bomba a orologeria. Un Philip Roth assolutamente imperdibile.
Nel 1951 Marcus Messner, figlio di un macellaio kosher del New Jersey, si iscrive al college conservatore di Winesburg, nell’Ohio. Ha frequentato per quasi un anno l’università della sua città, Newark, ma quando il rapporto con il padre ansiogeno diventa per lui insostenibile, decide di prendere le distanze dalla famiglia. Marcus Messner è un ottimo studente, il migliore del suo corso. Lo studio è il suo primo pensiero. Durante il week end lavora come cameriere in un bar vicino al college per non pesare troppo sulle finanze dei suoi genitori. Un bravo ragazzo, Marcus Messner, che ha imparato il valore dell’onestà e del sacrificio lavorando nella macelleria del padre, dopo la scuola, nell’ultimo anno di liceo. Romanzo breve, poco più di centotrenta pagine, organizzato come una bomba a orologeria: sin dalle prime pagine si attende la fine, la tragedia.

Cosa provoca questa aspettativa in noi? Il senso di paura che pervade le pagine del romanzo. La paura si vince con l’intelligenza e con la ragione secondo il filosofo Bertrand Russell, di cui l’ateo Marcus si dichiara adepto. La paura è figlia delle religioni organizzate. Nel college conservatore e tradizionalista di Winesburg Marcus deve sopravvivere a un sistema che non intende lasciar fuori nessuno. Tanto meno chi come lui è dotato di capacità intellettive superiori alla media. Per quanto possa sembrare paradossale, Marcus si trova impossibilitato a rimanere incolume e innoquo ai bordi della comunità.
Avrebbe voluto solo studiare e lavorare.
Avrebbe voluto non entrare in nessuna confraternita.
Non frequentare la chiesa.
Laurearsi in fretta e con il massimo dei voti.
Fare l'amore con una ragazza prima di morire.
Evitare di morire in guerra come tanti suoi coetanei in quel 1951.
E tutto questo grazie a una continua ricerca del perfezionismo e dell’eccellenza personale. La sua resistenza a oltranza e il sistema cannibale entrano però presto in collisione, incapaci di coesistere nella stessa galassia.

Il meccanismo narrativo scelto da Philip Roth, provoca una germinazione di stimoli concettuali sul senso della paura e della morte di cui dicevamo prima. La compressione temporale della vicenda (tutto si svolge in un anno circa) e l'esigua presenza di flashback, non possono che causare una mutilazione del protagonista. È una regia crudele e atroce come una guerra. Ci sono i canoni rothiani: educazione ebraica, la presenza ingombrante della famiglia, il senso di colpa, l'erotismo, la fiducia nella ragione, la denuncia dell'antisemitismo. Ma Marcus non è Alexander Portnoy: non riusciamo a intenerici e a ridere. Questa volta siamo catturati da un senso di indignazione per la sorte di Marcus, un laureato ante litteram, che non vuole piegarsi al sistema e soccombe come un eroe moderno.

Recensione di Francesco Marchetti

Leggi di più Leggi di meno

La recensione di IBS

"Arise, ye refuse to be bondslaves! Indignation fills the hearts of our countrymen, /Arise/Arise/Arise – In piedi, voi che rifiutate di essere schiavi! L'indignazione riempie i cuori di tutti i nostri compatrioti."
Le parole dell'inno nazionale cinese continuano a girare nella testa del giovane Marcus Messner, mentre il decano Caudwell dell'università di Winesburg lo interroga nel proprio ufficio. Nella sua testa solo il vuoto e l'eco convulsa che le sillabe della parola IN-DI-GNA-ZIO-NE, quella che lui considera la più bella del vocabolario americano. è il 1951, e mentre la futura classe dirigente studia la storia nazionale e gioca a baseball, una massa di giovani senza futuro e senza speranza muoiono sul fronte coreano, in una guerra misconosciuta e inutile. Ma a Marcus non toccherà la stessa sorte tragica dei sui cugini maggiori e di tanti compatrioti, perché lui continuerà a studiare e a mantenere la media dei voti più alta del suo corso. Se guerra dovrà essere, sarà combattuta dalle retrovie e con un bel diploma in tasca. Sarà combattuta da ufficiale.
I Messner, macellai kasher di Newark, sono orgogliosi del loro unico figlio: intelligente e affidabile Marcus dà una mano ai sui genitori in macelleria, fa "quello che va fatto", compreso sviscerare i polli e comprare la carne al macello. L'estate prima di partire per il college, si sporca le mani di sangue e scopre che quel tanfo insopportabile di morte è entrato per sempre nella testa di suo padre, portandolo alla disperazione. Un uomo normale, il macellaio Messner, che all'improvviso e senza nessuna ragione apparente, viene sopraffatto dalla paura che possa capitare qualcosa di terribile a Marcus. Lo incalza, lo segue, non vive più. è per questo che il ragazzo decide di lasciare il Robert Treat di New York per trasferirsi nel piccolo College di Winesburg in Ohio, lasciando dietro di sé l'apprensione di suo padre, la sua indignazione, la sua macelleria e le sue origini ebraiche.
Ma, giunto nel Midwest, Marcus scoprirà un'altra faccia dell'America e una paura ancora più forte e rabbiosa: l'abisso che a volte si può incontrare riflesso negli occhi di una donna. Olivia, con i suoi tagli sui polsi, la sua vita spezzata in due dalla permanenza in un ospedale psichiatrico e la sua disinvoltura sessuale, lo spaventa come un tragico morbo. Anche lei, reduce da un conflitto, urla la sua indignazione, così come suo padre e come lo stesso Marcus, che nel conflitto si ritrova tramortito e narcotizzato, con in testa sempre lo stesso ritornello Arise/Arise/Arise… Un disprezzo che monta fino a traboccare fuori di sé e sulle foto esposte nell'ufficio del decano Caudwell.
Magistrale, come sempre, la scrittura di colui che viene considerato da molti il più importante scrittore americano vivente. Philiph Roth stavolta abbandona i personaggi attempati che avevano popolato i suoi ultimi romanzi per ritornare al mondo giovanile e all'ambiente accademico. Lo fa con il furore e l'impeto di una scrittura rabbiosa, che contiene l'amarezza di chi conosce già la fine, di chi guarda con occhio indignato la storia di un'intera generazione tragicamente in lotta con il mondo.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Philip Roth

1933, Newark, New Jersey

Philip Roth (Newark 1933 - Manhattan 2018) è stato uno scrittore statunitense. Figlio di ebrei piccolo-borghesi rigorosamente osservanti, ha fatto oggetto della sua narrativa la condizione ebraica, proiettata nel contesto urbano dell’America dell’opulenza. I suoi personaggi appaiono vanamente tesi a liberarsi delle memorie etniche e familiari per immergersi nell’oblio dell’attualità americana: di qui la violenta carica comica, ironica o grottesca, che investe anche le loro angosce. Dopo un primo, felice romanzo breve, Addio, Columbus (1959), e i meno incisivi Lasciarsi andare (1962) e Quando Lucy era buona (1967), Roth ha ottenuto la celebrità con Lamento di Portnoy (1969).Dopo Il grande romanzo americano (1973, riedito in Italia da Einaudi nel...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore