L' inganno - Jonathan Kellerman - copertina

L' inganno

Jonathan Kellerman

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: S. Brambilla
Editore: ONE
Anno edizione: 2020
In commercio dal: giugno 2020
  • EAN: 9788868773328

€ 11,40

In uscita da: giugno 2020

Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il suo nome è Elise Freeman, e il suo agghiacciante grido di aiuto arriva troppo tardi per salvarla. Su un dvd trovato vicino al corpo senza vita è registrata la cronaca del lungo calvario emotivo e fisico della donna, costretta a subire ogni sorta di violenza nelle mani di tre aguzzini sadici e infine abbandonata in una vasca da bagno piena di ghiaccio secco. Ma la rivelazione più scioccante è che i colpevoli, come la loro vittima, hanno insegnato in una delle scuole più prestigiose di Los Angeles, il liceo Windsor. Al detective Milo Sturgis viene assegnato il caso e tocca a lui avviare le ricerche nelle aule della scuola; e se mai c'è stata un'occasione migliore per mettere alla prova le abilità psicologiche del dottor Alex Delaware, è esattamente questa. Toccherà infatti ad Alex e Milo portare alla luce i segreti sporchi e inconfessabili che si nascondono dietro la facciata pulita e ordinata dell'istituzione. E tra ballerine di lap dance, depistaggi e tentativi di ricatto, Alex e Milo potrebbero essere trascinati in una trappola mortale e costruita a regola d'arte contro di loro.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3
di 5
Totale 3
5
0
4
0
3
3
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    silvia

    21/02/2015 20:11:47

    Senza infamia e senza lode..scorre come una storia non come un vero thriller, con relativi colpi di scena, momenti di tensione e tutto il resto..in raltà non coinvolge moltissimo in quanto rimane un'indagine molto meccanica.

  • User Icon

    Noemi

    23/10/2012 17:50:16

    Trama e libro sono del tutto differenti. Ci tengo a metterlo bene in chiaro. La "protagonista" morta effettivamente ha lasciato un DVD, nel libro però viene detto che era nascosto tra altri DVD della casa e su, non c'è "la cronaca del lungo calvario emotivo e fisico" ma ben sì SOLO una dichiarazione di stupro da parte di alcuni suoi colleghi. Leggendolo sono stata assalita da forti emozioni di rabbia. Il modo in cui la gente cerca di mettere i bastoni tra le ruote al Detectiv Milo e al Dottor Alex mi fa venire l'acido nello stomaco! Non tanto per il fatto in sè, in fondo è solo un libro e se tutti collaborassero, finirebbe nel giro di poco. Non è nemmeno perchè tu sai chi è il colpevole e loro lo evitano (solo nelle ultime pagine si riesce a dare un senso a tutto). Mi arrabbio perchè, nella realtà è esattamente così che funziona!!!!!!! Sarò ripetitiva, effettivamente un pò lo sono, però c'ho trovato veramente troppe similitudini con la nostra realtà. Mi rendo conto che ogni scrittore si basa su quello che lo circonda per realizzare un libro, sopratutto se è di questo genere... però, vedere riportato sul libro una realtà gonfiata, la digerisco poco! Una buona nota positiva però, c'è. Il colpevole, come ho detto prima, lo si identifica solo nelle ultime pagine. Quindi, ha un finale inaspettato.

  • User Icon

    Dario F.

    07/07/2012 10:37:21

    Questo libro non mi ha entusiasmato. Non capisco come mai lo definiscano un thriller, quando, in realtà, del thriller non ha quasi nulla. Diciamo che si tratta di un blando poliziesco, scorre lentamente, senza suspance né colpi di scena, è lineare e scontato. Si tratta di un'indagine di polizia classica, con un tenente (Milo) che si fa aiutare da uno psicologo (Alex). La necessità della presenza di quest'ultimo, però, non la si ravvede in nessun punto del libro. L'indagine è condotta quasi esclusivamente da Milo. Alex interviene ogni tanto solo per esprimere opinioni banali e inutili. È un'indagine alla Derrick, per intenderci, lenta e priva di azione. Tutto il libro è costituito dai colloqui (interrogatori) di Milo con i sospettati. Tutto qui. L'unica cosa positiva è, forse, la simpatia di Milo. Mi aspettavo di più da Kellerman. Non capisco come mai certi scrittori vendano così tanto. Lo consiglio? Beh, se volete leggere un poliziesco senza pretese e poco impegnativo, ve lo consiglio, altrimenti, se cercate un thriller alla Jeffery Deaver, per intenderci, allora non ve lo consiglio.

Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali