L' innocente - Gabriele D'Annunzio - ebook

L' innocente

Gabriele D'Annunzio

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: StreetLib
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 287,94 KB
  • EAN: 9788832593518

€ 0,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

L'innocente è l secondo romanzo della Trilogia della Rosa. Si discosta dalla prosa decadentista e fluente del Piacere per narrare la storia del principe Tullio Hermil, sposato con Giuliana. Nonostante le continue infedeltà di Tullio, la vita familiare scorre serenamente, sino a quando Giuliana tradisce il marito con lo scrittore Filippo Arborio. Il figlio nato dalla relazione diventa l'ossessione del principe Hermil. E così il protagonista si ritrova stretto nella morsa morale del perdono, che concede alla donna che tante volte lo aveva perdonato, e l'odio immorale per quel bambino innocente. Per sottrarsi all'egoismo della lussuria, Tullio si abbandona a una passione più distruttiva: l'odio. Un odio potente, che destabilizza per sempre il rapporto con la moglie.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Gabriele D'Annunzio Cover

    Debuttò giovanissimo con la raccolta di versi Primo vere (1879), cui seguì nel 1882 Canto novo, nel quale è evidente l’imitazione di Carducci temperata da una già personale vena sensuale e naturalistica. A Roma, dove iniziò (ma non concluse) gli studi alla facoltà di lettere, D’Annunzio visse all’insegna della mondanità e dell’estetismo, sempre alla ricerca di nuove sensazioni in nome di un compiaciuto erotismo al quale sarebbe rimasto fedele sino alla fine con ossessive varianti. Dal decadentismo europeo assimilava, intanto, ideali di sensibilità e di raffinatezza e il gusto del tecnicismo formale: nacquero così, accanto ad alcune raccolte di versi, romanzi come Il piacere (1889), Giovanni Episcopo (1891)... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali