Insetti senza frontiere

Guido Ceronetti

Editore: Adelphi
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 13 maggio 2009
Pagine: 172 p., Brossura
  • EAN: 9788845923760
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Solo il Filosofo Ignoto, in arte Guido Ceronetti, poteva fondare "Insetti senza frontiere", un'"associazione senza fini di lucro" in difesa della "libertà di pungere" e per la tutela degli insetti, se necessario a scapito del sopravvalutato, e in ogni caso sovrabbondante, genere umano. In questo singolarissimo libro, che ne costituisce il manifesto e il programma, Ceronetti riprende il suo instancabile pellegrinaggio verso i luoghi che esplora da sempre - il corpo, la morte, il crimine, ma anche le fotografie, i versi di poeti lontanissimi, i dipinti, e ancora i giornali, le città, le librerie, unendo alle aspre certezze dell'aforista ("Alla luce del Tragico il mondo non è inesplicabile") i trucchi di un venditore di almanacchi, che intende girare "fiere, supermercati e suk" e proporre una nuova forma di intrattenimento, o di terapia, popolare: l'ascolto personalizzato di "ronzii d'alveare, cori delle cicale, cantare dei grilli".

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    03/05/2014 15:17:38

    Perché il pensiero negativo, la stortura, l'amara presa sule cose, il ridicolo del sociale, il fastidio di vivere, la diffusa imbecillità e il nonsenso dirompente salvano e fanno amare di più la vita? Perché niente come la stupidità agisce in meglio sul suo opposto, che non è l'intelligenza, ma la coscienza sensibile che tenta i mille strampalati efferati cinici e realmente disturbati azzardi del conoscere. Adoro Ceronetti, lo considero un angelo che ride e scalcia sulla sua stessa purezza, una marionetta scaltra mossa da dita di pudore, un visionario umilissimo che fa onore alle nostre arterie, un poeta senza requie e senza speranza, ma salvato già dalle ali della sua disperazione.

  • User Icon

    luca bidoli

    02/07/2009 18:44:34

    Leggo Ceronetti da alcuni decenni, e personalmente sapere che esiste mi dà la sensazione che non tutto sia definitivamente o quasi perso, che si possa ancora fare affidamento su una sana e consapevole dose di disperazione selettiva, che non c'è solo vita cosciente in qualche galassia sperduta nell'Universo, ma anche a poche miglia da casa. Scritto questo, non posso che essere felice perchè una copia di questo libro mi possiede. L'ho letto, stanotte, e mi sono scoperto alla luce del primo mattino, con l'ultima pagina appena chiusa: resterà ancora per giorni sul comodino,a portata di voce, accanto alle cose che mi consentono di affrontare la notte senza l'incubo del mio stesso risveglio, ma con la consapevole complicità che ci è data da ciò che riconosciamo come nostro, da sempre. Una guida, da distribuire gratuitamente per la salvezza non solo del corpo, nelle scuole, nelle stazioni ferroviarie, nelle corsie dei pronto soccorso, nelle stazioni di servizio...

Scrivi una recensione