Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Insider. Dietro la verità

The Insider

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Insider
Regia: Michael Mann
Paese: Stati Uniti
Anno: 1998
Supporto: DVD
Salvato in 17 liste dei desideri

€ 7,50

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (9 offerte da 7,18 €)

Nel 1994 il programma televisivo "60 Minutes" costruisce uno special sulla scoperta fatta dal chimico Jeffrey Wigand: le grandi case produttrici di tabacco non solo sono al corrente del potere d'assuefazione dato dalla nicotina, ma su questo basano le loro strategie di mercato. Alla trasmissione, però, non viene dato subito il permesso di andare in onda da parte della CBS: è l'inizio di una dura battaglia legale che porta, quattro anni più tardi, alla condanna dei produttori di sigarette da parte del Congresso americano, con l'obbligo di pagare indennizzi per svariate centinaia di miliardi di dollari.
3,73
di 5
Totale 15
5
4
4
6
3
3
2
1
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Federico

    13/05/2020 09:36:38

    Tratto da un fatto vero, il film è carico di un'atmosfera realista del tutto inusuale: procura sensazioni di iper-vero annullanti la percezione della presenza dello schermo, ossia si è in presenza di qualcosa che rimanendo saldamente aderente al piano della finzione coinvolge comunque straordinariamente e in ogni istante lo spettatore. Lo scorrimento narrativo, di buona fattura letteraria, nello stesso tempo informa e cattura l'attenzione, ed è impregnato da contrasti tra i personaggi ben calibrati e studiati che appaiono sempre immersi, sagacemente, in situazioni di tensione e suspense saldamente legate

  • User Icon

    Mario Scippa

    31/05/2019 15:41:40

    Film scritto e diretto egregiamente. Il dramma di un ingegnere chimico che sa la verità, viene licenziato per essa ma che perderà tutto per la giustizia contro l'industria del tabacco. Un giornalista tenace ( Al Pacino) che porterà avanti la sua battaglia. Da vedere.

  • User Icon

    ALBERTO

    17/09/2009 16:30:48

    Tratto dall' articolo "The man who knew too much", The Insider è un raffinato atto d' accusa alla lobby del tabacco il cui unico scopo è il guadagno a scapito della salute pubblica. Impreziosito da una regia sicura e dalla splendida fotografia di Dante Spinotti e aggraziato da una colonna sonora di tutto rispetto che varia da Jan Garbarek ai Massive Attack.

  • User Icon

    Aurelia

    05/12/2007 18:09:14

    Russell da oscar, Al Pacino il mito: un film verità per tutti. Magari si risolvessero così tutte le altre questioni che portano alla catastrofe il genere umano. Evviva agli uomini che hanno coraggio e a quelli che raccontano le loro storie.

  • User Icon

    @rchie

    19/06/2007 11:49:01

    Una precisazione:Il voto medio e'influenzato dalla qualita non eccelsa del DVD,non dal film che e'un'ottima prova di regista con attori strepitosi.Bella la musica (ricordate lo spot Telecom con Gandhi?Usava un brano del soundtrack)e la fotografia.E pieno di speranze il messaggio della storia:finche' ci sono uomini coraggiosi come Lowell e Wigand forse non tutto e'perduto. Quel che delude e'appunto il dvd.Un film del genere si meritava trattamento migliore con piu' extra e commentari oltre al misero special presente (in inglese e senza sottotitoli!!!). E poi la vogliamo smettere,care case distributrici,di indicare sulla cover inesistenti tracce audio e sottotitoli quando in realta' qui troviamo solo approssimative traduzioni in italiano e in polacco? Da comprare ma solo per il valore del film, in attesa di un remaster piu' completo e curato. @

  • User Icon

    *Sir Psycho Sexy*

    25/05/2007 13:49:39

    film coraggioso...un pò noioso xò...bravi Al e Russel anche se hanno fatto di meglio...Giannini ha doppiato almeno la metà dei film di Al...strano semmai che tu non lo sappia...

  • User Icon

    HULK

    27/11/2006 09:43:43

    LA GUERRA AL TABACCO 'SONO SEMPRE IN GUERRA STI AMERIKANI', E' SERVITA PER COPRIRE BEN ALTRE GUERRE. LE SETTE SORELLE 'COME NEL PETROLIO', PERSI GLI USA; HANNO INVASO IN SUD AMERICA. IMPORTANDO STILI, MODI DI VIVERE, LEGATI ALL'USO FIGO DELLE SIGARETTE. CHE C'ENTRA CON IL FILM, NULLA. SECONODO ME MANN NON E' QUEL GRAN GENIO CHE CREDE DI ESSERE, FARE AVANGUARDIA CON IL CINEMA COMMERCIALE.......IN QUESTO CASO POI, IL FILM E' DEL 1998 PRIME DELL 'ORMAI EPOCALE 11 SETTEMBRE, DELL'INTRUPPAMENTO TOTALE DI STAMPA, TELEVISIONE, MEDIA , NELLA CORSA LALA SCOPERATA DELLE ARMI DI DISTRUZIONI DI MASSA. NESSUNO SI E' SBATTUTO PER DIMOSTRARE LE PALLE DEL POTERE. QUANTO AL FILM.....PROLISSO, PUR SE TRATTO DA UN FATTO DI CRONACA , NON LO NOBILITA PIU' DI TANTO. MANN UTILIZZA LA TECNICA DEL SERGIONE 'LEONE', PRIMO PIANI , TOTALI MA DEBORDA COME AL SOLITO.

  • User Icon

    matteocomo

    01/10/2006 13:42:26

    film che mi ha detto poco. l'argomento è comunque interessante ma lo svolgimento dei fatti è lento e non molto stimolane (in pratica l'essenza del film è: testimonio - non testimonio...). la musica è bella ma ripetitiva (un po come con la colonna sonora nell'ultimo dei mohicani)...insomma non mi ha entusiasmato più di tanto questo film di mann (secondo me i suoi migliori film tra quelli che ho visto sono: manhunter, l'ultimo dei mohicani e heat).

  • User Icon

    Alberto

    27/02/2006 15:52:36

    Un'altra perla di un ottimo cineasta. Ci dimostra che il talento registico, abbinato al controllo della sceneggiatura e alla bravura degli attori, può dare risultati eccellenti.

  • User Icon

    lonew

    04/09/2005 21:42:08

    bellissimo film. strano sentire giannini che doppia al pacino????ma se lo doppia nella maggior parte dei suoi film..e perfortuna perchè non si potrebbe chiedere di meglio.(vedi in profumo di donna) russell bravo come al solito.

  • User Icon

    LEo

    07/06/2005 15:53:01

    Ho visto Al Pacino e Russel Crowe in situazioni migliori. Strano sentire Al Pacino doppiato da Giannini. La colonna sonora è stupenda ed anche la regia, da un punto di vista semiologico, mi ha favorevolmente colpito. LEo

  • User Icon

    Adrian

    25/05/2005 23:28:33

    Un film coraggioso. Non solo giornalismo da Mann. La sfida alle case del tabacco è una guerra persa, persino al cinema. Contestato dai "poteri forti" USA è giunto fino a noi, l'impianto della trama (peraltro ripresa da elementi reali) è valida ma al contempo si presta a pesanti sequenze argomentative che rallentano lo stimolo visivo dello spettatore sulla vicenda. Ragion per cui non ottenne grandi risultati al botteghino. Al Pacino non scade mai nella sua interpretazione, Russell Crowe tiene il passo come solo un professionista sà fare. Buono il corredo musicale. Un film per pochi.

  • User Icon

    Nicola

    21/09/2004 00:02:56

    Film trepitoso...una storia di giornalismo vero, cosa che purtroppo adesso è sempre più rara da trovare. AlPacino e Rulles Crowe veramente superbi. Una bella colonna sonora...

  • User Icon

    maurizio

    23/04/2004 21:06:27

    Noioso. Russell Crowe è lontano 1000 miglia dalle sue migliori interpretazioni. Al Pacino è insopportabile nel ruolo del cronista.

  • User Icon

    Russell

    20/03/2004 11:26:00

    Michael Mann conferma (se mai ce ne fosse bisogno) di possedere un talento fuori dal comune. La storia non sembra particolarmente interessante ma come accade sempre nei suoi film Mann non fa mai staccare gli occhi dello spettatore dallo schermo. Memorabili i duetti tra un Al Pacino che giganteggia come suo solito e un Russell Crowe bravo come non mai! Avrebbe meritato + fortuna sicuramente!

Vedi tutte le 15 recensioni cliente
  • Produzione: Buena Vista Home Entertainment, 2016
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 151 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Inglese per non udenti; Italiano; Polacco
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Al Pacino Cover

    "Propr. Alfredo James P., attore e regista statunitense. Formatosi all'Actor's Studio sotto la guida di L. Strasberg, recita con successo a teatro prima di esordire nel 1969 in Me, Natalie (Io, Natalie) di F. Coe. Il suo volto entra prepotentemente nello star system quando Coppola lo sceglie per il ruolo di Michael Corleone in Il Padrino (1972); la sua recitazione sorniona ma piena d'ira trattenuta affascina altri registi e prima della consacrazione di Il Padrino - Parte II (1974), recita nel 1973 con S. Lumet in Serpico. Lavora ancora con Lumet per Quel pomeriggio di un giorno da cani (1975) e nel 1980 in Cruising di W. Friedkin; nel 1983 è invece un efficace Tony Montana cubano in Scarface di B. De Palma: film con i quali si afferma come interprete istintivamente portato a enfatizzare la... Approfondisci
  • Christopher Plummer Cover

    Propr. Arthur C. Orme P., attore canadese. Dopo alcune esperienze di successo in teatro e in televisione, esordisce sul grande schermo con una parte secondaria in Il fascino del palcoscenico (1958) di S. Lumet. Alto, aitante, occhi azzurri, piglio vagamente severo e quasi militaresco, recitazione eclettica, domina naturalmente la scena e ben presto ottiene validi ruoli da protagonista. Lo si ricorda colonnello padre di sette figli in Tutti insieme appassionatamente (1965) di R. Wise, incredulo spettatore di una tragedia in L'uomo che volle farsi re (1975) di J. Huston, pilota impegnato sul fronte in La battaglia delle aquile (1976) di J. Gold, custode di un segreto in Uno scomodo testimone (1981) di P. Yates, misterioso epidemiologo in L'esercito delle dodici scimmie (1995) di T. Gilliam,... Approfondisci
  • Rip Torn Cover

    "Nome d'arte di Elmore Rud T. jr., attore statunitense. Professionista scrupoloso e stra­or­di­na­riamen­te prolifico, inaugura con Ba­by Doll (1956) di E. Kazan una carriera costellata di personaggi insoliti, spesso caparbi uomini del Sud non privi d'una sofferta umanità. Col suo viso segnato ed espressivo, dà vita a figure complesse, capaci di celare una profonda sensibilità dietro una maschera di impulsiva violenza. Emozionante nelle rare performance come attore protagonista (Tropico del cancro, 1970, di J. Strick; Giorno di paga, 1973, di D. Duke), dimostra un talento non meno esplosivo nelle innumerevoli parti di supporto: La dolce ala della giovinezza (1962) di R. Brooks, Cincinnati Kid (1965) di N. Jewison, mib - Men in Black (1997) e miib - Men in Black II (2002) di B. Sonnenfeld,... Approfondisci
Note legali