Categorie

Editore: Skira
Collana: Varia
Anno edizione: 2010
Pagine: 224 p. , ill. , Rilegato
  • EAN: 9788857208183

Inter³ 102 la stagione perfetta è il fotoracconto dettagliato di una annata indimenticabile per tutti i tifosi della F. C. Internazionale, la squadra milanese dai colori nero e azzurro fondata 102 anni fa, la sera del lontano 9 marzo 1908 al ristorante L’Orologio di Milano, ritrovo di artisti. Questa annata 2009-2010 per l’Inter e per i suoi appassionati ha visto la squadra del presidente Moratti coronare un sogno atteso in via Durini da quarant’anni: la vittoria della Coppa dei Campioni (la mitica Champions). I meneghini l’hanno conquistata ai danni dei tedeschi del Bayern Monaco, nella finale vinta 2-0 a Madrid la sera del 22 maggio 2010, una partita che passerà alla storia come la vittoria firmata da una doppietta del bomber argentino Milito e come l’ultimo match trionfale sulla panchina dell’Inter dell’allenatore portoghese Mourinho, vero artefice di questa magica stagione. Magica perché, oltre alla Champions League, sono arrivati anche il 18° scudetto del Campionato italiano e la Coppa Italia vinta alla Roma all’Olimpico. La vittoria delle tre Coppe ha costituito la fantastica tripleta, mai realizzata da nessun club italiano di football prima d’ora, che ha restituito al Biscione nerazzurro il blasone e l’orgoglio di una tradizione che, invece, si erano decisamente offuscati negli anni ’90 e 2000, anni bui di sofferenze sportive, sfottò e delusioni.
Il volume celebrativo di Skira, sotto la direzione artistica di Oliviero Toscani e quella editoriale di Susanna Wermelinger, si presenta come un libro in formato extra, tipo almanacco da collezione, con copertina metallica per ricordare il colore dei tre trofei conquistati. All’interno, troviamo maxi foto a colori di tutti i protagonisti della stagione, da capitan Javier Zanetti al goleador Diego Milito, dallo Special one Josè Mourinho, detto anche il “comandante Mou”, al fuoriclasse camerunense Samuel Eto’o. Ci sono poi le foto di tutti gli altri fortissimi giocatori di questa squadra “schiacciasassi”, ritratti nelle azioni di gioco delle partite più significative: Stankovic, Maicon, Sneijder, Chivu, Balotelli, Cambiasso, Thiago Motta, Lucio, Samuel, Pandev, fino al portierone brasiliano Julio Cesar.
Si comincia dalla vittoria del 29 agosto 2009, quel sonoro 4-0 inflitto ai cugini rivali del Milan in una stracittaddina senza storia per i rossoneri: da quella seconda giornata di campionato si poteva già intuire cosa sarebbe successo da lì in avanti. Un mese dopo, il 20 ottobre 2009, la sofferta vittoria sul difficile campo della Dinamo Kiev fece capire che quest’anno la compagine di Mourinho non avrebbe scherzato neanche in Europa. Il 2010 cominciò con un 4-3 inflitto al Siena sotto la pioggia, al quale seguirono le polemiche arbitrali della partita finita in parità con la Sampdoria (0-0). Il 2-0 agli eterni rivali della Juventus, nel derby d’Italia di aprile, mise a tacere alcuni tentativi di rileggere in maniera “revisionista”, da sponda bianconera, la recente storia degli scandali di Calciopoli e l’assegnazione del 14° scudetto (quello del 2006, detto “di cartone” perché assegnato a tavolino). Dalla fine di aprile è proseguita la marcia trionfale verso la finalissima di Madrid: il dito alzato verso il cielo di Mourinho nella semifinale di Barcellona, la conquista della Tim Cup a Roma con il primo dei gol decisivi di Milito, lo scudetto strappato con i denti a Siena e la conseguente festa di piazza Duomo il 16 maggio a Milano, sono stati solo un preludio alla grande festa del Santiago Bernabeu. Quella Coppa dei Campioni era il vero obbiettivo che Mourinho doveva portare in dote a Moratti Massimo, figlio di Angelo, per coronare il sogno dichiarato di una vita. E così il condottiero portoghese ha fatto: è riuscito a fare rivivere i fasti della Grande Inter degli anni ‘60, quella del “mago” Helenio Herrera, rinverdendo i fasti di quarant’anni prima. Quello stesso allenatore “Special” che, proprio nella notte della sua consacrazione e della massima gioia per i tifosi interisti, ha dato loro la stoccata dolorosa, come in un contrappasso dal retrogusto amaro, comunicando il suo addio ufficiale alla panchina nerazzurra.
Il volume si chiude nel segno della dinastia dei Moratti: i coniugi Massimo e Milly, con la Coppa tra le mani, sembrano indicare un cammino e un futuro ai due figli maschi, AngeloMario e Giovanni, nella speranza per tutti i tifosi della Beneamata che l’avventura continui.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Carmine Riccardo

    03/01/2013 08.22.25

    Bellissime le fotografie.Ottimi anche i commenti che accompagnano le fotografie. C'è anche completezza per i marcatori, la classifica sempre aggiornata e per l'arbitro della partita. Unica nota stonata è la non-analisi che viene fatta per ogni partita. Nel senso, ci sono state partite in quella stagione che avrebbero meritato una sottolineatura maggiore ( vedi i due derby, la partita vinta con la juve, il ritorno a Londra, la partita perfetta a San Siro contro il barca, la finale di champions, etc... )

Scrivi una recensione