Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Intervista con il potere - Oriana Fallaci - copertina

Intervista con il potere

Oriana Fallaci

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Rizzoli
Anno edizione: 2009
Pagine: 606 p., Rilegato
  • EAN: 9788817035866
Salvato in 19 liste dei desideri

€ 13,90

Venduto e spedito da Matteus

spinner

Disponibilità immediata

Solo una copia disponibile

+ 2,90 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 13,90 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nel 1974 Oriana Fallaci pubblica "Intervista con la storia". È un libro che fa epoca, viene tradotto nel mondo, studiato nelle università, continuamente ristampato. Con quelle interviste Oriana ci consegna "una indimenticabile galleria di protagonisti internazionali del suo tempo: statisti di governo e di opposizione, leader democratici e dittatori, pacifisti umanitari e guerrieri, capi spirituali, ideologi, uomini d'azione...". Così Federico Rampini, nella Prefazione alla riedizione nella nuova collana Bur delle "Opere della Fallaci". Da anni i lettori attendevano le nuove interviste, e lei stessa aveva lavorato alle bozze, lasciando note e appunti, e un testo che partiva dai famosi incontri con Khomeini e Gheddafi per lanciarsi in una riflessione appassionata sul potere. Nessuno, come lei, era riuscito ad avere accesso a personaggi di quel calibro, quelli che potevano realmente decidere del destino dell'umanità. La vita privata della Fallaci e quella professionale si sono sempre intrecciate: la scomparsa di due persone profondamente amate la spinge a un totale isolamento, "i miei tre inverni nel tunnel" li definisce; ma poi, dopo la pubblicazione di "Un uomo" nel 1979, mette a segno per il "Corriere della Sera" i due straordinari reportage dall'Iran di Khomeini e dalla Libia di Gheddafi, che compongono la prima parte di questa "Intervista con il potere". Nella seconda parte, dal 1964 al 1982 sfilano davanti al lettore i nomi che hanno fatto la storia della seconda metà del Novecento.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Nicola Intrevado

    05/12/2009 21:50:52

    C'e' stato un tempo, in verita' non molto remoto, nel quale era un piacere leggere il giornale. Qualsiasi giornale.E non solo perche' ci scriveva la Fallaci. Io ricordo il Corriere della sera con un titolone in prima pagina " IO & GHEDDAFY " era il 1986 e, in alcune pagine c'era questo bel pezzo, di vera arte giornalistica, di morale, di racconto, persino di poesia. Di lezione. Poi, la Signora si chiuse nel suo eremo newyorkese, in quella sua casa alla 61^ strada East al n° 222, quella di mattoni giallini, e si chiuse dietro di se' anche i due cancelli neri, il primo che dava direttamente sulla strada, il secondo, pesantissimo, a difesa del massiccio portone d' ingresso. E in questa casa ci rimase dieci anni, fino ad offrirci Insciallah. Chiudendosi, si nego' di colpo al giornalismo ed ai giornali, forse perche' , gia' allora aveva intuito la caduta del " senso " ti tale scrittura. La perdita di credibilita'. Dignita'. E si offri' completamente a quella letteratura che aveva gia' frequentato ma che, definitivamente, la rubo' al suo primo amore. Ecco, queste interviste sono il ricordo , la prova, di cio' che e' stato il lavoro della Signora del giornalismo, di cio' che ha cercato e che ci ha donato. Grandi pezzi di scrittura che si offrono per ben 600 pagine, dove si avverte la sua chiara posizione di perfetta indipendenza poltica, la sua ferrea, nota, incrolabile passione civile, il suo buon senso della giustizia, del pudore in disuso, della misura urgente. E ogni incontro Komheini, Logan , Pertini , Malagodi, La Malfa, Sharon, Walesa, e' unico e irripetibile perche' cristalizzato al periodo storico nel quale e' stato pensato, costruito, concepito, scritto. E offerto in una forma di qualita' totale. Impeccabile. Dobbiamo molto alla Signora Fallaci, dobbiamo molto alla sua lezione di persona perbene innanzitutto, di personaggio irripetibile, di donna davvero. E leggendo questo bel libro saremo sicuramente migliori del giorno prima di averlo finito di amarlo.

  • Oriana Fallaci Cover

    Oriana Fallaci (Firenze, 29 giugno 1929 – Firenze, 15 settembre 2006) è stata una scrittrice e giornalista italiana. Fu la prima donna in Italia ad andare al fronte in qualità di inviata speciale. Come scrittrice, con i suoi dodici libri ha venduto venti milioni di copie in tutto il mondo.Ha intervistato i grandi della Terra e come corrispondente di guerra ha seguito i conflitti più importanti del nostro tempo, dal Vietnam al Medio Oriente. I suoi libri sono tradotti in tutto il mondo. Ha scritto:  I sette peccati di Hollywood (1958), Il sesso inutile (1961), Penelope alla guerra (1962), Gli antipatici (1963), Se il Sole muore (1965), Niente e così sia (1969), Quel giorno sulla Luna (1970), Intervista con la storia (1974), Lettera a un bambino mai... Approfondisci
Note legali
Chiudi