Categorie

Roger Mucchielli

Traduttore: M. Marinelli
Editore: Borla
Collana: Varia
Anno edizione: 1971
Pagine: 256 p.
  • EAN: 9788826300542

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fausto Intilla (Inventore-divulgatore scientifico)

    02/07/2006 13.39.21

    Si definisce strutturalismo una tendenza metodologica che, nata originariamente in ambito linguistico (con De Saussure), si è estesa ben presto ad altri settori (dall'antropologia alla critica letteraria) dando luogo, negli anni Sessanta e Settanta, a una specifica "atmosfera culturale", che aveva come centro di irradiazione la Francia. Tale atmosfera non si è storicamente espressa in un movimento omogeneo e compatto, ma ha dato luogo a un certo numero di dottrine diverse tra loro. Ciò non toglie che tra queste ultime esista un orientamente comune di pensiero che può essere ricostruito mettendo in luce le posizioni contro le quali gli strutturalisti, al di là delle differenze reciproche, si sono unanimemente battuti: a) l'atomismo e il sostanzialismo b) l'umanismo e il coscienzialismo c) lo storicismo d) l'empirismo e il soggettivismo Contro ogni forma di atomismo logico e di sostanzialismo, lo strutturalismo afferma che la realtà è un sistema di relazioni i cui termini costituenti non esistono di per se stessi, ma solo in connessione tra loro. Contro l'umanismo e il coscienzialismo gli strutturalisti difendono il primato della struttura sull'uomo, sostenendo che l'individuo non è libero e attore autentico delle proprie scelte e azioni, ma il risultato di strutture che agiscono per lo più a livello inconscio.

Scrivi una recensione