The Invention of Solitude

The Invention of Solitude

Paul Auster

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Penguin Books
Formato: EPUB con DRM
Testo in en
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 758,84 KB
  • EAN: 9781101562864

€ 10,70

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

From Paul Auster, author of the forthcoming 4 3 2 1: A Novel – his very first book, a moving and personal meditation on fatherhood

This debut work by New York Times-bestselling author Paul Auster (The New York Trilogy), a memoir, established Auster’s reputation as a major new voice in American writing. His moving and personal meditation on fatherhood is split into two stylistically separate sections. In the first, Auster reflects on the memories of his father who was a distant, undemonstrative, and cold man who died an untimely death. As he sifts through his Father’s things, Auster uncovers a sixty-year-old murder mystery that sheds light on his father’s elusive character. In the second section, the perspective shifts and Auster begins to reflect on his own identity as a father by adopting the voice of a narrator, “A.” Through a mosaic of images, coincidences, and associations “A,” contemplates his separation from his son, his dying grandfather, turning the story into a self-conscious reflection on the process of writing.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Paul Auster Cover

    Scrittore, sceneggiatore e regista statunitense. Dopo aver studiato alla Columbia University, nel 1970 si recò a Parigi dove lavorò come traduttore fino al ritorno a New York nel 1974. Esordì come scrittore con poesie, racconti e articoli pubblicati sulla “New York Review of Books” e sulla “Harper’s Saturday Review”. La sua opera più famosa, subito accolta favorevolmente dalla critica, è la Trilogia di New York (Città di vetro, 1985; Spettri, 1986; La stanza chiusa, 1987), che volge in parodia il genere della detective story. Seguirono i romanzi Il paese delle ultime cose (1988), Il palazzo della luna (1989), La musica del caso (1991, dal quale Philip Haas trasse un film nel 1993), Leviatano (1992), Mr. Vertigo (1994)... Approfondisci
Note legali