Inviata speciale

Jean Echenoz

Editore: Adelphi
Collana: Fabula
Anno edizione: 2018
Pagine: 256 p., Brossura
  • EAN: 9788845932854
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,72
Descrizione
Con Inviata speciale Jean Echenoz torna alla narrazione pura, e insieme al noir e alla spy story, di cui è da sempre appassionato, mettendo la sua impareggiabile ironia e tutte le scintillanti risorse della sua scrittura al servizio della più affettuosa celebrazione.

«Ecco la persona, generale, ha detto Objat. Senza rivolgerle la parola né tantomeno salutarla, il generale ha squadrato a lungo Constance dalla testa ai piedi, con una rapida deviazione sul cigarillo. A Constance era già capitato di essere scrutata in quel modo ma stavolta le è parso che l'esame non avesse intenti medici o libidici. Poi, voltandosi verso Objat: Ha ragione, ha detto Bourgeaud, credo proprio che possa fare al caso nostro.
«Mi scusi, si è spazientita Constance, ma di quale caso sta parlando| È semplice, ha risposto il generale, la manderemo a destabilizzare la Corea del Nord»


Trentaquattro anni, camicetta azzurra attillata, pantaloni skinny antracite, corto caschetto alla Louise Brooks – in una parola, incantevole. È così che ci appare Constance, poco attiva e poco qualificata, ma in compenso duttile, molto incline alle disavventure sentimentali e misteriosamente capace di scatenare, con la sua morbida svagatezza, l'imprevedibile. Una quindicina di anni fa, fra l'altro, Constance è stata l'interprete di un successo planetario, Excessif, una di quelle canzoni che fanno ballare il mondo intero, dalla Lapponia allo Yemen, e assicurano a chi le compone – nella fattispecie il suo ex marito, Lou Tausk – un'esistenza oziosa e dorata. Una canzone che tutti ricordano ma che continua a essere popolarissima, guarda caso, fra gli apparatcik della Corea del Nord, incluso uno dei consiglieri più influenti del Leader supremo, Gang Un-ok. Giovane, charmant, educato in Svizzera e presumibilmente aperto al dialogo con l'Occidente, Gang è insomma il bersaglio ideale del languido fascino di Constance, che dopo varie, e per noi irresistibili, peripezie finirà – agente segreto suo malgrado – in una opulenta villa di Pyongyang con la missione quanto mai rischiosa di sedurre Gang, e destabilizzare la Corea del Nord. Con Inviata speciale Jean Echenoz torna alla narrazione pura, e insieme al noir e alla spy story, di cui è da sempre appassionato, mettendo la sua impareggiabile ironia e tutte le scintillanti risorse della sua scrittura al servizio della più affettuosa celebrazione: «Sabotare per espandere, potrebbe essere il mio slogan» ha del resto dichiarato. Quel che è certo è che seguendo Constance da Parigi alla Creuse alla baia di Wonsan, dov'è ormeggiato lo yacht di Kim Jong-un, ritroveremo, miracolosamente, l'euforia della lettura.

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 17,10 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    vittorio

    26/09/2018 15:01:37

    Fastidiosa la voce fuori campo che guida la narrazione. Poco congeniale la chiave comico - sarcastica utilizzata dall’autore per raccontare quello che, secondo le sue stesse intenzioni, avrebbe dovuto essere una spy story (sembra che l’autore abbia voluto mantenere un superbo distacco dal “genere spy-story”, finendo per scrivere un romanzo confuso e privo di empatia). Stucchevoli le numerose digressioni, quasi mai funzionali ad una trama povera di ritmo e con pochi spunti degni di nota. Per il resto, una prosa ordinata e ordinaria per un lettura, solo a tratti piacevole, che dunque non giustifica il tempo sottratto ad altro. PS: ovvio, in giro c’è molto di peggio, ma la severità di giudizio è parametrata alle aspettative deluse.

  • User Icon

    patrizia b.

    16/09/2018 16:44:23

    L'avevo cominciato con entusiasmo, ironia da vendere, personaggi ben delineati nella loro pochezza, scrittura scorrevole. Poi, man mano che andavo avanti la lettura si fa sempre più pesante e inconcludente. Mi meraviglio di Adelphi, ha lo scrittore sotto contratto e pubblica tutto quello che scrive?

  • User Icon

    Claudio

    15/08/2018 14:21:59

    Che dire? Originale, avvincente, ironico: una spy scritta con grande maestria da un romanziere di indiscutibile talento che, oltretutto, si legge in poche ore. Senz'altro consigliato.

  • User Icon

    Giorgio g

    24/07/2018 12:02:05

    Jean-Pierre, Christian e Victor rapiscono Constance, moglie di Lou Tausk, su mandato di Clément Pognel, Lessertisseur e di Lucile. Ci sono una quantità di personaggi di contorno (troppi?), molti dei quali destinati a fare una pessima fine. Di qui parte una storia che approda - indovinate un po’- nella Corea del Nord di Kim Jong-un. Una continua fantasmagoria per un piacevole romanzo che non si sa come definire, giallo, noir, spy story. Una lettura che ci sentiamo di consigliare.

  • User Icon

    Enza

    05/07/2018 15:28:47

    Spy story scritta con grande talento. L'attualità dell'ambientazione (Corea del Nord) aggiunge un tassello ulteriore all'avvincente storia. Tutto perfetto, anche il finale.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione