-32%
Io l'amavo - Anna Gavalda - copertina

Io l'amavo

Anna Gavalda

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: S. Ballestra
Editore: Frassinelli
Collana: Narrativa
Anno edizione: 2003
In commercio dal: 1 aprile 2003
Pagine: 144 p.
  • EAN: 9788876847370
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 8,20

€ 12,00
(-32%)

Venduto e spedito da Libro di Faccia

Solo una copia disponibile

+ 2,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Chloé, la nuora, è infelice e Pierre Dippel decide di portarla in campagna. Ma nonostante tutti gli sforzi di Pierre, Chloé è inconsolabile: ha trent'anni e il marito l'ha appena lasciata con due figlie piccole per una donna più giovane. In quella cucina di campagna, appena riscaldata dal crepitio del camino, Pierre comincia a parlare. Di sé e della propria vita. Di quando aveva incontrato l'amore, quello con la A maiuscola, ma non aveva lasciato la famiglia. Di quanto aveva sofferto. E in questa inattesa confessione di un uomo creduto freddo e scostante, Chloé può trovare un messaggio indirizzato a se stessa.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,6
di 5
Totale 5
5
1
4
2
3
1
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    franca.ar

    30/04/2011 00:44:11

    E' un libro bellissimo.... crudo ma stupendamente vero.. mi ha spezzato il cuore.. l'ho scoperto casualmente in una biblioteca in una località di vacanza ed al ritono a casa l'ho acquistato... il passaggio più sconvolgente e straziante per me, che all'epoca vivevo una storia molto simile a quella raccontata, è alle pagg. 129-130...

  • User Icon

    Albys

    02/04/2005 14:53:27

    Un buon romanzo breve sul rimpianto e sulle scelte d'amore. Tutto in questo libro è minimalista: la storia, abbozzata dentro pochissime ambientazioni e poche ore. Lo stile della Gavalda, pulito e moderno e anche molto scarno. E' proprio dal modo di raccontare della giovane francese che voglio partire: la sua prosa è spezzettata, frammentata in paragrafi anche cortissimi e in frasi spesso dense di malinconia e tristezza nella loro brevità. C'è molto amaro, in questo suo lavoro, ma il suo stile contribuisce ad evitare il lacrimoso. Mi piace come scrive, perchè sa comunque delineare le cose importanti anche con pochissime parole. Nel contempo non sono sicuro che una prosa così migliori la qualità del romanzo rispetto a qualcosa di più colorato e intimista. Il vecchio è la figura centrale del libro, e di fronte al camino par quasi di ritrovarsi nelle Braci di Marai. Come in questo libro del grande ungherese, la seconda parte riporta le cose migliori, fino a un finale che regala proprio all'ultimo la frase più bella e crudele in un contesto generale forse troppo affrettato. Su queste lunghezze e intensità emotive continuo a considerare I Ponti di Madison County nettamente superiore. Ma la Gavalda sa parlare d'amore come si deve e continuerò a conoscerla e seguirla. Secondo me questo libro fa il paio con quello di Besson, "E le altre sere verrai", in una sorta di Scuola d'oltralpe del Sentimento amoroso nel terzo millennio.

  • User Icon

    domenico

    08/11/2003 16:29:15

    l'ho scoperta da poco, mi é subito piaciuta ora sto legggendo un altro di gavalda (vorrei che da..)promette bene .

  • User Icon

    Valeria

    30/08/2003 12:06:01

    Il libro è ben scritto e si legge bene. Inoltre la storia è tra le più realistiche che si possano immaginare. Finalmente anche le amanti assumono una loro dignità e non sempre e soltanto le mogli tradite. I due ruoli di donna sono finalmente sullo stesso piano. Quasi mai mi è capitato in altre storie simili una descrizione tanto veritiera della sofferenza di essere amanti di un uomo sposato. Non so perchè però, alla fin fine il libro mi ha un po' annoiata.

  • User Icon

    Orl@ndo

    17/07/2003 17:16:47

    La grazia e la leggerezza di certi film francesi contraddistinguono questo breve romanzo. Consigliato a chi ama i dialoghi ben scritti, a volte taglienti, a volte teneri.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente

In primo piano, una donna che non riesce a smettere di piangere, nemmeno quando una delle sue due bambine nota impietosa che ha "gli occhi appiccicati", nemmeno quando il suocero, tanto burbero in apparenza quanto gentile sotto la dura scorza, stappa in suo onore il rosso più prezioso delle sue cantine. All'origine delle lacrime di Chloé, scultrice trentenne che ha sacrificato al ruolo di moglie e di madre un promettente avvenire artistico, il più banale dei drammi domestici: travolto dallÆamour fou, il marito ha abbandonato la famiglia e si prepara, con la consueta faccia tosta, a rifarsi, come si suol dire, una vita. Tra rabbia e sofferenza cocente, Chloé non parrebbe nello stato d'animo migliore per comprendere le ragioni del fedifrago; ma il suo punto di vista sarà gradualmente e profondamente mutato dalle confidenze del suocero, che qualche anno prima ha compiuto una scelta opposta a quella del figlio, cioè ha sacrificato alle convenienze e al decoro familiare la passione irresistibile che lo univa a una giovane donna, trasformandosi in una sorta di gelido automa. La traduzione di Silvia Ballestra è spigliata e gradevole; sarà però opportuno ricordare, anche in questo contesto alieno da ogni grossolana materialità, che impotent significa piuttosto invalido che impotente, come leggiamo a pagina 10.

Mariolina Bertini

  • Anna Gavalda Cover

    Anna Gavalda (Parigi, 1970) è una scrittrice francese. Ha esordito con una raccolta di racconti di vita quotidiana sui registri dello stupore e del meraviglioso, dal titolo Vorrei che da qualche parte ci fosse qualcuno ad aspettarmi (Je voudrais que quelqu’un m’attende quelque part, 1999). Nei romanzi successivi (Io l’amavo, Je l’aimais, 2002; Insieme, e basta, Ensemble, c’est tout, 2004) ha indagato le dinamiche sentimentali in una società in rapida trasformazione. Nel 2018 ha pubblicato con Frassinelli Il lato umano (Fendre l'armure). Approfondisci
Note legali