-15%
Io sono Anastasia. Dakota Johnson raccontata da Veronica Paine - Veronica Paine - copertina

Io sono Anastasia. Dakota Johnson raccontata da Veronica Paine

Veronica Paine

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Piemme
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 31 gennaio 2017
Pagine: 161 p., Rilegato
  • EAN: 9788856657357
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 12,66

€ 14,90
(-15%)

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Io sono Anastasia. Dakota Johnson raccontata da Veronica Pai...

Veronica Paine

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Io sono Anastasia. Dakota Johnson raccontata da Veronica Paine

Veronica Paine

€ 14,90

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Io sono Anastasia. Dakota Johnson raccontata da Veronica Paine

Veronica Paine

€ 14,90

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

L'aria vibra di eccitazione. Anastasia è nella Stanza Rossa, in ginocchio, nuda, lo sguardo basso, come Christian le ha ordinato di fare. Il suo corpo freme nell'attesa, percorso da brividi di eccitazione e timore. Non sa cosa la aspetta, non vede l'ora di scoprirlo. E quando Mr Grey arriva, milioni di donne vorrebbero essere al posto suo. Ma lì, sul set, in uno dei ruoli più ambiti, pericolosi e sognati degli ultimi anni, c'è Dakota Johnson. Adesso è lei Anastasia, lei che sta aspettando che Jamie Dornan le faccia nella realtà quello che tutte hanno letto sulla carta. Come è riuscita a entrare così a fondo in un personaggio molto più complesso di quello che sembra? Una donna coraggiosa, semplice ma sicura di sé, che per amore sa superare i propri limiti, ma sa anche imporne. Figlia d'arte, i suoi genitori sono Melanie Griffith e Don Johnson, Dakota ha la recitazione nel sangue, ma questa non dev'essere l'unica ragione se Anastasia ormai per tutti ha le sue fattezze. Mentre sale l'attesa per i nuovi sviluppi cinematografici della trilogia di Cinquanta sfumature, tratta dai bestseller di E L James, scopriamo segreti, aneddoti, curiosità della vita di Dakota e i retroscena della realizzazione dei film. E vediamo come si intrecciano le esistenze e le caratteristiche di Anastasia e Dakota, come il personaggio ha forgiato l'attrice e come il passato dell'attrice si riverbera nel personaggio. In un'esplorazione che illumina quanta Anastasia c'è in ogni donna.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Le prime pagine del libro

La sala studio della Public Library di New York è immersa nel silenzio, il termos con il caffè e la trilogia sono sul tavolo e il Mac collegato: non resta che cominciare. Tra un paio di giorni devo consegnare il mio primo articolo per «Time Out», che non sarà il «New Yorker» ma resta una delle riviste più popolari della città, e la sola idea di firmare per la pagina culturale mi elettrizza, rappresenta l’occasione che sognavo da una vita e, a furia di consumarmi i polpastrelli su blog e riviste per casalinghe disperate, sembrava non arrivare mai.
Ovviamente, quando me l’hanno proposto, ho accettato senza esitazione, lusingata che avessero pensato proprio a me, e solo quando l’effetto della lusinga è svanito ho realizzato in che razza di guaio mi fossi cacciata. Come avrei potuto scrivere un articolo di tremila battute sulle Sfumature di EL James e sul film in uscita se non avevo letto una riga né visto mezza scena del precedente e, a essere sincera, non sapevo neppure in quale ordine farlo?
Perché, sì, anche se la redazione di «Time Out» non poteva immaginarlo, ero una delle poche, forse l’unica, a non saperne niente, a essere scampata allo tsunami ormonale che aveva investito l’universo femminile all’uscita del primo libro, nel 2011. E miracolosamente avevo evitato anche il secondo e il terzo. Un’impresa eroica, visto che ovunque mi trovassi non si parlava d’altro. In seguito a ogni pubblicazione l’atmosfera si incendiava, l’eccitazione si spandeva nell’aria e ti si appiccicava sulla pelle, come se un brivido percorresse la schiena di milioni di donne sparse per il pianeta. New York, Londra, Milano. Per strada, nei bar, in rete. Non esistevano differenze di classe, età e cultura, l’onda colpiva indifferentemente teenager, donne in carriera e tranquille madri di famiglia; persone che fino al giorno prima non si sarebbero neppure sognate di comprare il libro, lo leggevano in modo ostentato, senza alcun imbarazzo. Certo, c’era chi lo detestava, chi criticava e faceva la morale – in genere, era chi non l’aveva letto –, fatto sta che ne parlavano tutte. Tutte tranne me, al punto che, a volte, avevo la sensazione che mi guardassero come fossi io la pervertita… La verità è che non mi interessavano, ero semplicemente convinta che ci fossero un’infinità di storie molto più interessanti. Poi, tutto sommato, non sentivo il bisogno di eccitare la mia vita sessuale, perché, va bene, non ero una pantera e a venticinque anni non avevo ancora incontrato e, probabilmente, neppure sfiorato il principe azzurro, al punto che dubitavo seriamente esistesse e, se anche fosse successo, sono convinta che mi avrebbe annoiata in pochi minuti, ma un uomo ogni tanto, una storia a base di lenzuola stropicciate e “amaipiùrivederci” mi bastava. Di sicuro non avevo la minima curiosità per lacci, frustini e manette, e la sola idea di indossare corsetti e farmi sculacciare mi sembrava ridicola per non dire folle.
È andata avanti così per cinque anni, dall’uscita del primo libro al momento in cui ho accettato la proposta di «Time Out». Vogliono che parli del film e di Dakota, che probabilmente sarà sulla copertina: «Per il resto» hanno detto «scrivi quello che vuoi». Bene, perfetto: peccato non sapessi nulla né del film né di Dakota, figurarsi il resto. Tuttavia, visto che non avrei mai rinunciato a un’opportunità del genere, ho seguito l’unica strada possibile, cominciando dal primo passo: ho comprato i tre volumi, mi sono chiusa in casa e li ho letti a tempi record. Grigio, Nero, Rosso: un’immersione totale, una sorta di apnea senza distrazioni. Appena percepivo che la storia mi stava prendendo e che alimentava una curiosità e un prudore che non avevo mai provato, mi sforzavo di restare doppiamente concentrata e appuntavo, sottolineavo e commentavo a bordo pagina manco stessi preparandomi per il diploma.
Poi ho visto il film, e il ponte tra me e la storia, tra me e Anastasia è franato. Fino a quel momento ero così concentrata sulla struttura dei libri, sulle note e le osservazioni brillanti che avrei mosso, che non avevo quasi pensato alla protagonista, a figurarmela. Era un personaggio che mi piaceva, per la quale sentivo una sorta di empatia, ma restava una materia di lavoro, il pretesto per sfoggiare il mio talento da aspirante giornalista. Solo che Dakota era perfetta, talmente credibile da cambiare per sempre il modo in cui l’avrei pensata. Non era posticcia o una copia sbiadita dell’originale: Dakota era Anastasia.
Ma lo era sul serio o era soltanto una brava attrice? Voglio dire, c’era qualcosa di lei nel personaggio di EL James o era pura finzione? E se anche fosse, era riuscita a impossessarsene in modo così straordinario che, per farlo, aveva per forza dovuto trovare dei punti di contatto: già, ma quali? Cosa hanno in comune Anastasia Steele, la ragazza della porta accanto, e Dakota Johnson, la rampolla dell’aristocrazia hollywoodiana? E cosa hanno in comune ai milioni di donne che palpitano per loro? Quale sfumatura le accomuna?

  • Veronica Paine Cover

    è una giornalista freelance, vive a Los Angeles e si occupa di spettacolo e costume. Nel 2017 Piemme ha pubblicato il suo primo libro, Io sono Anastasia. Approfondisci
Note legali