Ira. La passione furiosa. I 7 vizi capitali

Remo Bodei

Editore: Il Mulino
Collana: Intersezioni
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 18 gennaio 2011
Pagine: 140 p., Brossura
  • EAN: 9788815146601
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 7,56
Descrizione
L'ira è un flusso potente di energia, che può esplodere per un'ingiustizia subita, un amore ferito, una speranza delusa o un senso di vergogna; è una passione forte che può sconvolgere la vita del singolo o il corso della storia, e che spesso si incrocia con l'odio e con la superbia, accompagnandosi al desiderio di vendetta. Nel volume, lo sguardo del filosofo ne coglie il senso, gettando luce sulle infinite manifestazioni di questo nodo dell'anima, sulle sue origini naturali e culturali, sulle sue declinazioni storiche, politiche e sociali, poiché l'ira è in grado di mobilitare sette, folle o interi popoli. Una forza dirompente, non sempre negativa, che può essere elaborata e riportata a proporzioni adeguate alle circostanze e a criteri di giustizia.

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Camco

    19/09/2018 08:40:03

    Siamo irosi perché il nostro cervello è ancora troppo rettiliano. È il nostro senso di impotenza a alimentare il nostro bisogno di violenza e di vendetta. O ancora: l’ira è l’espressione dell’amore quando si sente deluso e tradito e legittimato a ripagare il dolore subito con il dolore provocato. Oppure l’ira è l’aspetto che prende la giustizia quando depone le buone maniere e va al sodo, dopo il fallimento delle diplomazie e dei compromessi. Siamo rimasti alla clava, all’Antico Testamento, al Nuovo, o dove? Siamo quelli della Costituzione o del veleno? L’ira bisogna saperla controllare, mica lasciarla andare, perché l’indifferente è infinitamente più disumano dell’iroso che certo, quando si lascia andare, non scherza mica neppure lui.

Scrivi una recensione