It Could Be Home

(Coloured Vinyl)

Artisti: Plenty
Supporto: Vinile LP
Numero dischi: 1
Etichetta: Karisma
Data di pubblicazione: 27 aprile 2018
  • EAN: 7090008318811
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 41,90

Venduto e spedito da IBS

42 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Questo articolo potrebbe non essere consegnato entro Natale
Quantità:
Descrizione
Edizione in vinile colorato.
“It Could Be Home” è un debutto che ha avuto circa 30 anni di gestazione. Nato dalle ceneri della post-punk band di Liverpool e dall’art-rock band After The Stranger, il progetto Plenty ha preso forma nel 1986 ed è stata la creatura di Tim Bowness prima dei No-Man con Steven Wilson.
Il suono della band andava a rielaborare quello di artisti (all’epoca) contemporanei, come The Blue Nile e Prefab Sprout – oltre ad artisti come David Bowie e Peter Gabriel – ottenendo qualcosa di magico in bilico tra inni electro-pop, struggenti ballate e sperimentazioni Ambient.
Tra la primavera 2016 e l'estate 2017, i membri fondatori, ovvero Tim Bowness, Brian Hulse e David K Jones hanno ri-registrato le canzoni scritte negli anni ’80 e hanno iniziato a completare quell’album di debutto che avrebbe dovuto veder la luce ormai tre decenni fa.
Eccezion fatta per la rivisitazione di alcuni testi e per dei nuovi arrangiamenti, la band è rimasta assolutamente fedele allo spirito delle registrazioni originali ed all’epoca in cui sono state scritte. “It Could Be Home” mostra le origini dello stile che è divenuto marchio di fabbrica di Bowness prima e dei No-Man dopo, rivelando inoltre alcuni aspetti diversi della voce di Tim, del basso di Jones e della chitarra di Hulse. Un tesoro di ART-POP prima perduto, poi finalmente ritrovato in condizioni eccellenti.
Disco 1
  • 1 As Tears go by
  • 2 Hide
  • 3 Never Needing
  • 4 Broken Nights
  • 5 Foolish Waking
  • 6 Strange Gods
  • 7 Every Stranger’s Voice
  • 8 Climb
  • 9 The Good Man
  • 10 It could be Homer