Salvato in 9 liste dei desideri
disponibile in 2 settimane disponibile in 2 settimane
Info
L' Italia letteraria
14,25 € 15,00 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
L' Italia letteraria 140 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,25 € Spedizione gratuita
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
14,30 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,25 € Spedizione gratuita
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
14,30 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
L' Italia letteraria - Stefano Jossa - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

L' Italia letteraria Stefano Jossa
€ 15,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

La storia della letteratura italiana si è configurata fin dalle origini come una vera e propria storia d'Italia, spesso la sola (gloriosa) possibile. Non senza conseguenze: la contrapposizione tra Italia letteraria e Italia politica, tra "le lettere e le armi" di petrarchesca memoria, finirà per generare due distinte culture e far "considerare astratti gli italiani reali, e reale un'idea astratta dell'Italia" come ebbe a dire Giulio Bollati. Ma esiste davvero un'Italia letteraria? E che rapporto ha con l'Italia storica e politica?
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2006
23 marzo 2006
222 p., Brossura
9788815110091

Voce della critica

La lunga durata del classicismo si caratterizza per un'incredibile capacità di inglobare le differenze nel sistema talché risulterebbe implicitamente sminuita la nozione di "anticlassicismo". Un Aretino o un Berni confermano l'imprescindibilità della norma: contestandola la ribadiscono. Sembra proprio che non si fuoriesca dal classicismo per secoli; secondo Jossa neppure il barocco opera una frattura: "Tutto si muove sempre all'interno della stessa cultura in cui l'istanza normalizzatrice e l'istanza trasgressiva si specchiano a vicenda rafforzandosi reciprocamente". Sulla scia di Foucault ma anche con altri argomenti che sarebbe lungo elencare propenderei per l'individuazione di un punto di discontinuità fra Cinque e Seicento congiuntura in cui si pu= far cadere la nascita del moderno. Ma si sa le periodizzazioni a larghe campiture sono sempre sub judice.
La vis polemica di Jossa si esercita particolarmente sull'avanguardia: su quella romantica che sembra impoverire la soluzione di fecondo compromesso offerta dal cosmopolita goethiano sterniano e classicista Foscolo poi su quella storica novecentesca e soprattutto sulla neoavanguardia degli anni sessanta e sugli avanguardismi contemporanei. L'accusa esplicita è quella di mascherare con l'impulso rivoluzionario iconoclasta e innovativo un'effettiva manovra per conquistare il potere culturale anzi proprio per "impadronirsi dei posti di comando". Da Marinetti al Gruppo '63 e oltre questa sembrerebbe la deprimente facies degli sperimentalisti organizzati. + proprio cos8? Rispondere di s8 a mio parere corrisponde in parte al vero innegabilmente in parte costituisce una semplificazione. Ma a libri di respiro ampio come questo di Jossa è lecito chiedere provocazioni intellettuali anche radicali.
La posizione dell'autore è chiara su alcuni punti nodali: si reclama una letteratura aperta agli scambi una nozione di identità nazionale in costante e reciproca definizione attraverso il confronto con le letterature altre il rifiuto di uno storicismo ottimistico per una critica della storia come caos finanche maceria (e qui ci starebbe bene il Benjamin del Dramma barocco tedesco) la ripugnanza per una vita culturale fatta di contrapposizioni assolute e posticce quasi calcistiche dove lo scontro feroce nasconde questo s8 davvero la ricerca spasmodica di "spazi di visibilità personale". Cos8 Jossa una grossa risposta ce la dà: "La letteratura è trasformazione dialogo continuità e confronto creazione di un mondo e domanda sul mondo. Ridurla a luogo di una battaglia per il potere significa distruggerla togliendole spessore teorico e orizzonti conoscitivi".

Roberto Gigliucci

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Stefano Jossa

Stefano Jossa è docente di letteratura, lingua e cultura italiana alla Royal Holloway University di Londra. Collabora con "Doppiozero" e "Alias" ed è autore di numerosi saggi di linguistica e critica. Tra questi ricordiamo L'Italia letteraria (Il Mulino, 2006), Rappresentazione e scrittura. La crisi delle forme poetiche rinascimentali (1540-1560) (La Scuola di Pitagora, 2013) e La più bella del mondo. Perché amare la lingua italiana (Einaudi, 2018).

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore