copertina

James Joyce. Parolazze al San Marco

Paolo Prossen

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Asterios
Collana: Le belle lettere
Anno edizione: 2020
In commercio dal: marzo 2020
Pagine: 48 p.
  • EAN: 9788893131698

€ 14,25

In uscita da: marzo 2020

Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Questa raccolta di epiteti triestini parte da James Joyce e non vuole essere un dizionario di espressioni dialettali: è la storia di come nasce un'idea, di cosa diventa e cosa c'è in essa per ognuno di noi. è la mia storia di grafico che, chiamato a creare la comunicazione del Bloomsday del 2018, la festa internazionale in onore di James Joyce, celebrata ogni anno il 16 giugno, sente la chiusura di un cerchio aperto trent'anni prima. Il 17 gennaio 1987, la mia famiglia acquista la casa che fu abitata da Joyce, senza conoscerne la storia. Dieci giorni dopo mi trasferisco a Milano per spendervi la maggior parte della mia vita. ritorno nel 2017 a trieste, desideroso di ritrovare orizzonti familiari e mi ritrovo pervaso da un senso di esilio. Mi consolo, e penso che, in fondo, in tanti si sono dolcemente arenati qui. Massimiliano I, Joyce, Burton (che dopo aver scoperto l'Alto nilo traduce qui Le Mille e una notte), il barone revoltella che sceglie trieste e guarda verso Suez: personaggi che hanno fatto del loro esilio una nuova nascita. Joyce finisce per amare trieste, qui arriva insegnante d'inglese e rinasce scrittore, sempre qui le sue idee iniziano a prendere forma e ordine, facendo compiere una rivoluzione alle parole di ogni lingua che ha parlato e scritto. ridendo, nel farlo, come un giocoliere che ha trovato un nuovo trucco, con la naturalezza di una cantante che sperimenta una nuova coloritura. Alcune di queste parole le si trovano nelle sue lettere, altre le si trovano cambiate, arricchite di nuovi significati e pronunce inglesizzate, che forse solo i bilingue possono apprezzare. Molte parole triestine hanno radici nelle lingue delle molte culture che hanno vissuto a trieste, che spesso incrociandosi producono suoni comici, che Joyce riporta. Pisdrùl, bubez e, ovviamente, mona. Parole che definiscono persone, racchiudono racconti, un po' come i logotipi che creo, che rappresentano persone, imprese, idee, oggetti e azioni. Parolazze con due z, cosi senza ragione, perché un triestino non ammette regole serie. nascono per essere esposte all'Antico Caffè San Marco, il caffè dove Joyce era di casa.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Note legali