The Jazz Giant (180 gr. Gatefold)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Lester Young
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Jazz Images
Data di pubblicazione: 6 aprile 2018
  • EAN: 8436569190395
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 15,90

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 15,90 €)

Edizione in vinile 180 grammi Gatefold.
Il fotografo francese Jean-Pierre Leloir (1931-2010) ha catturato alcune delle immagini più iconiche della vita del jazz in Francia durante gli anni Cinquanta e gli anni Sessanta. Questa collezione, in edizione limitata, raccoglie alcuni dei migliori album della storia del jazz arricchiti dalle splendide e inedite fotografie di Leloir che ne ritraggono i rispettivi autori. Alcune delle sessioni registrate da Lester Young verso la metà degli anni Cinquanta lo vedono in pessima forma, a causa di problemi personali e dell’alcolismo che lo avrebbe portato alla morte nel 1959 a soli 49 anni. Tuttavia, quando il produttore Norman Granz ha avuto nel 1956 la brillante idea di ricongiungerlo con i suoi vecchi compagni di scorribande musicali (Roy Eldridge, Vic Dickenson, Teddy Wilson, Freddie Green, Gene Ramey e Jo Jones), il risultato è stata una sessione molto vivace e riuscita che viene presentata qui nella sua interezza.
Disco 1
1
I'Ll Have To Change My Plan
2
I Didn'T Know What Time It Was
3
Louise (Bonus Track)
4
Gigantic Blues
5
This Year'S Kisses
6
You Can Depend On Me
  • Lester Young Cover

    Soprannominato «Prez». Tenorsassofonista statunitense di jazz. Già nella prima orchestra di Count Basie rivoluzionò la tecnica e lo stile dello strumento, contrapponendosi a Coleman Hawkins con una sonorità quasi priva di vibrato e un fraseggio disteso. Tra le maggiori personalità del jazz, influì in modo decisivo non solo sulle più giovani generazioni di sassofonisti, ma anche sullo sviluppo generale del futuro bop, per certi aspetti sullo stesso Charlie Parker e soprattutto sui sassofonisti del cool jazz. Lasciato Basie nel 1940, fu poi alla testa di propri complessi; prese parte a numerosi concerti del «Jazz at the Philhar­monic». Ha utilizzato anche il clarinetto. Approfondisci
Note legali