Jericho Sirens

Artisti: Hot Snakes
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Sub Pop
Data di pubblicazione: 16 marzo 2018
  • EAN: 0098787122428
Disponibile anche in altri formati:

€ 18,50

Venduto e spedito da IBS

19 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Descrizione

Edizione in CD Standard.
Dopo una pausa dagli studi di registrazione durata 14 anni, gli Hot Snakes ne hanno trionfalmente buttato giù le porte per presentare il nuovo “Jericho Sirens”. E tra la mania per una retorica politica senza fine, pronostici avversi e tecnologia onnipresente, non c’è miglior momento per questo disco.
Gli Hot Snakes si sono formati nel 2000, cui è seguita l’uscita del loro primo disco, “Automatic Midnight”. Erano John Reis, Jason Kourkounis, Rick Froberg e Gar Wood. Il loro sound è diretto, scarno e rock, pur mantenendo quel denso, turbolento e precoce carattere dei precedenti lavori di ciascun membro. Quell’anno, gli Hot Snakes hanno trovato il loro suono e si sono stabiliti come principali e trascinanti signori della guerra.
Hanno fatto seguito un paio di grandi album – “Suicide Invoice”, 2002, con il batterista Jason Kourkounis, e “Audit in Progress”, del 2004, con alla batteria Mario Rubalcaba - che hanno fatto conoscere la band a una schiera di fan molto più vasta. Ma è qui che la band è incappata in una spirale di crisi punk, che ha portato alla fine delle esibizioni nel 2005.
Nel 2011 però, gli Hot Snakes sono tornati a sorpresa per partecipare a diversi festival, nei quali entrambi i batteristi hanno suonato nei brani che avevano precedentemente registrato in studio. E dopo 6 anni di discussioni e nuovo materiale, gli Hot Snakes sono ritornati in studio per registrare “Jericho Sirens”.Musicalmente, “Jericho Sirens” incorpora i margini più estremi del sound degli Hot Snakes, rimanendo comunque fedele alle longeve influenze come Wipers, Dead Moon e Suicide, ben evidenti in brani come ‘Six Wave Hold-Down’, una delle prime ad essere scritte; altri elementi, come i ritornelli di ‘Jericho Sirens’ e ‘Psychoactive, rimandano a titani hard rock come AC/DC e Ozzy Osbourne.
“Jericho Sirens” è stato registrato in più sessioni brevi tra Philadelphia e San Diego, con il contributo del bassista Gar Wood. Kourkounis e Rubalcaba, entrambi già batteristi degli Hot Snakes per lavori differenti, hanno collaborato vicendevolmente al progetto.

Disco 1
  • 1 I Need a Doctor
  • 2 Candid Cameras
  • 3 Why Don't It Sink In?
  • 4 Six Wave Hold-Down
  • 5 Jericho Sirens
  • 6 Death Camp Fantasy
  • 7 Having Another?
  • 8 Death Doula
  • 9 Psychoactive
  • 10 Death of a Sportsman