Katy Lied

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Steely Dan
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: MCA
Data di pubblicazione: 13 marzo 2000
  • EAN: 0008811191627
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 10,50

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 10,50 €)

Disco 1
1
Black friday
2
Bad sneakers
3
Rose darling
4
Daddy don't live (in that New York city anymore)
5
Doctor wu
6
Everyone's gone to the movies
7
Your gold teeth II
8
Chain lightning
9
Any world (that I'm welcome to)
10
Throw back the little ones
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Lester The Nightfly

    22/05/2020 12:16:28

    "Katy Lied" è probabilmente uno degli album più sottovalutati degli Steely Dan, forse perché uscito appena un anno dopo il capolavoro "Pretzel Logic". Gli stessi Becker e Fagen, famosi per il loro perfezionismo estremo, non hanno mai riconosciuto pienamente il valore del disco, soprattutto a causa dei problemi provocati dal malfunzionamento di un sistema utilizzato per la riduzione del rumore. Nonostante questo, "Katy Lied" è un disco estremamente riuscito, non ai livelli del suo predecessore, ma sicuramente un ulteriore tassello all'interno dell'opera della band statunitense. I brani sono sempre di alta qualità, in particolare nel lato A, in cui si passa dall'infuocato blues rock di "Black Friday", passando per il "West Coast sound" di "Bad Sneakers" e "Rose Darling", fino all'elegante jazz pop di "Doctor Wu". Quest'ultima, impreziosita da uno splendido assolo del sassofonista Phil Woods, non è solo la migliore canzone dell'album, ma anche uno dei vertici assoluti della produzione del gruppo. Il lato B è forse meno solido, ma contiene la meravigliosa "Your Gold Teeth II", in cui la batteria del grande Jeff Porcaro, che suona per l'intera durata del disco, riesce ad emergere maggiormente, e "Everyone's Gone to the Movies", la cui dolce atmosfera "tropicale" nasconde un testo piuttosto inquietante.

Note legali