Keep on Keepin' on. Curtis Mayfiled Studio Albums - CD Audio di Curtis Mayfield

Keep on Keepin' on. Curtis Mayfiled Studio Albums

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Curtis Mayfield
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 4
Etichetta: Rhino Records
Data di pubblicazione: 22 febbraio 2019
  • EAN: 0603497855803
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 24,50

Punti Premium: 25

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 24,50 €)

Curtis Mayfield, conosciuto anche come “Gentle Genius”, agli inizi della sua carriera faceva parte della band soul-gospel The Impression registrando molti successi come “Gypsy Woman”, “It’s All Right” e “People Get Ready”, che gli hanno permesso per la prima volta di essere ammesso alla Rock and Roll Hall of Fame.
Lascia il gruppo nel 1970 per intraprendere un percorso da solista e nel giro di 4 anni registra i primi album in studio contenuti in questa raccolta e sono: CURTIS (1970), ROOTS (1971), BACK TO THE WORLD (1973) e SWEET EXORCIST (1974).
Il suo grande successo anche come solista gli ha permesso per la seconda volta di essere ammesso alla Rock and Roll Hall of Fame.
Disco 1
1
(Don't Worry) If There's A Hell Below, We're All Going To Go
2
The Other Side Of Town
3
The Makings Of You
4
We The People Who Are Darker Than Blue
5
Move On Up
6
Miss Black America
7
Wild And Free
8
Give It Up
Disco 2
1
Get Down
2
Keep On Keeping On
3
Underground
4
We Got To Have Peace
5
Beautiful Brother Of Mine
6
Now You're Gone
7
Love To Keep You In My Mind
Disco 3
1
Back To The World
2
Future Shock
3
Right On For The Darkness
4
Future Song (Love A Good Woman, Love A Good Man)
5
If I Were Only A Child Again
6
Can't Say Nothin'
7
Keep On Trippin'
Disco 4
1
Ain't Got Time
2
Sweet Exorcist
3
To Be Invisible
4
Power To The People
5
Kung Fu
6
Suffer
7
Make Me Believe In You
  • Curtis Mayfield Cover

    Cantante statunitense di blues. È stato il più immaginoso dei cantautori soul, tanto come leader del raffinato trio vocale degli Impressions (People get ready, 1965) quanto come solista (If there's a hell below, 1970). Con il suo falsetto ricamato e asprigno (modellato su quello di Claude Jeter, del quartetto gospel degli Swan Silvertones) ha cantato la speranza nera degli anni di Martin Luther King e le disillusioni della successiva stagione nixoniana, senza rinunciare a un suo romantico lirismo. Dal 1990 fu paralizzato per un incidente av­venuto sul palcoscenico, durante un concerto a Brooklyn. Approfondisci
Note legali