Kingsman. Il cerchio d'oro (Blu-ray)

Kingsman: The Golden Circle

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Kingsman: The Golden Circle
Paese: Stati Uniti
Anno: 2017
Supporto: Blu-ray
Salvato in 17 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
Blu-ray

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 9,99 €)

I nostri eroi si trovano a dover fronteggiare una nuova sfida!

Il sequel ambientato ai giorni nostri

«Per una volta, il seguito supera il capostipite. Capita in questo divertente, frenetico, pazzo, film d'azione che, senza prendersi troppo sul serio, riesce a rivitalizzare un genere, quello dello spionaggio, sprofondato in una deriva sempre più dark»Il Giornale

«Il segreto di Kingsman è nell'essere ironico, liberatorio e sanamente provocatorio»Il Messaggero

Quando il loro quartier generale viene distrutto e il mondo è tenuto in ostaggio, la missione dei "Kingsmen" li porta a scoprire un’organizzazione di spie alleata, basata negli Stati Uniti, chiamata Statesman e precedente alla formazione dei Kingsmen. In una nuova avventura che testerà la forza e l’arguzia degli agenti ai limiti estremi, queste due organizzazioni d’elite si uniranno per combattere contro il nemico comune per salvare il mondo… una cosa che ormai sta diventando un’abitudine per Eggsy!

3,29
di 5
Totale 7
5
0
4
3
3
3
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    rafael

    13/05/2020 08:24:16

    Inferiore al primo ma comunque un buon prodotto di intrattenimento. Scene d'azione spettacolari e dirette benissimo come al solito da Vaughn. L' unica pecca a mio parere è la cattiva di turno che non mi ha convinto in pieno.

  • User Icon

    teutonik

    11/05/2020 17:10:13

    Ho visto ed apprezzato il primo capitolo della saga, purtroppo non posso dire lo stesso di questo film. E' monologo, banale e molto poco realistico (se di realismo possiamo parlare in questi film). Sfiora l'assurdo e la trama è inconsistente. Se avete visto il primo film, che al contrario è molto valido e piacevole, allora potete guardare questo per spirito di completezza. Viceversa sconsiglio la visione purtroppo.

  • User Icon

    Antonino

    11/05/2020 12:30:30

    come si dice sempre? Il primo è sempre il migliore! Qui hanno voluto strafare e per me è no.

  • User Icon

    Gove03

    21/09/2019 15:06:24

    Sinceramente mi era piaciuto di più il primo, data la sua originalità e la sua sceneggiatura sorprendente. Si tratta comunque di un sequel all’altezza.

  • User Icon

    Lulù

    21/09/2019 14:59:52

    Dopo il primo roboante capitolo bisognava aggiungere più enfasi nella spettacolarità del soggetto e questo IL CERCHIO D'ORO mantiene le aspettative, attestandosi sugli ottimi livelli del precedente. Azione a catinelle, dialoghi spiritosi e maliziosi, cast in bella mostra e ritmo forsennato, per una visione senza fronzoli, diretta e appagante.

  • User Icon

    Vera

    22/09/2018 15:55:44

    Si tratta di un seguito dai toni più pulp, con un riuscito equilibrio tra componente action e ironia. A livello tecnico, l'ho trovato ben fatto. La sceneggiatura è ben scritta, come i personaggi. Ho apprezzato l'approfondimento a loro riservato, a cominciare da Eggsy. Inoltre mi ha fatto piacere ritrovare il personaggio di Henry Hart e come l'hanno sviluppato. Proseguendo, non mi è dispiaciuto come hanno reso la contrapposizione tra i Kingsman e la sua controparte statunitense. Inoltre mi sono piaciuti i vari riferimenti al film precedente. Riguardo a Poppy, si tratta di una villain ben scritta e caratterizzata

  • User Icon

    Fabio

    21/09/2018 16:14:44

    In questo sequel della saga dei Kingsman le scene si fanno un po' più grottesche ed irreali, però la trama è scorrevole e divertente, le scene ben girate; quindi ci si può divertire e godere di un po' di spensieratezza con uno spionaggio ironico ed autoironico.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente

Eleganti spie inglesi e cafone spie americane si uniscono contro una esilarante signora del narcotraffico

Trama
Fuori dalla sartoria Kingsman, Eggsy viene attaccato da Charlie, un viziato candidato che nel film precedente non aveva superato l'addestramento e ora è dotato di braccio robotico. La Kingsman viene poi attaccata e quasi annientata, tanto che rimangono solo Galahad - ossia Eggsy - e Merlino. Insieme scoprono che di fronte a una tale disperata emergenza devono rivolgersi ai cugini americani: gli Statesman, tra cui spiccano gli agenti Whisky, Tequila e Ginger Ale, mentre a capo del tutto c'è Champagne. Insieme a loro cercheranno di sventare lo spietato piano di Poppy, una potentissima narcotrafficante che sta ricattando il governo degli Stati Uniti per ottenere la legalizzazione di ogni tipo di droga.

I Kingsman tornano piu scatenati che mai!

Se il primo Kingsman costituiva una svolta intelligente (e maledettamente divertente) rispetto alla formula dello spy-movie, il secondo capitolo, titolo Il Cerchio d’Oro, si muove sulla stessa strada, solo che tutto è più grande, più chiassoso, più colorato. E pure più politico e violento.
Sono passati due anni da quando l’organizzazione che si nasconde dietro le vetrine di una sartoria inglese ha sconfitto il folle Valentine ed Eggsy Unwin è cresciuto: vive con la principessa Tilde di Svezia e ha assunto il nome in codice del suo mentore Harry Hart, Galahad (tutti i Kingsman hanno nomi dei Cavalieri della Tavola Rotonda). Quando il quartier generale viene distrutto e diversi agenti uccisi, Eggsy e Merlino sono costretti a seguire il protocollo Apocalisse, che li porterà a scoprire la Statesman, un’altra società segretissima che si finge una distilleria di whiskey del Kentucky. Insieme dovranno affrontare il virus che la signora della droga Poppy Adams ha rilasciato in tutte le sostanze vendute e che minaccia di uccidere milioni di persone.
Torna la stessa ironia pungente propria del comic di Mark Millar, da cui la storia è tratta, ma Matthew Vaughn e la co-sceneggiatrice Jane Goldman ripetono e amplificano quello che ha funzionato nel capitolo originale (su tutto gli elementi che parodiavano i film di James Bond) e spostano la saga negli Stati Uniti, dove ai gentlemen inglesi si uniscono dei cowboy moderni che al posto del tè sorseggiano whiskey.
Se la parola d’ordina è esagerare, questo è vero anche nel cast che ingloba delle superstar: su tutti il premio Oscar Julianne Moore nei panni della psyco-criminale che si è ricreata un piccolo mondo Fifties su misura nel bel mezzo della giungla, una perfetta cattiva da fumetto. E poi Jeff Bridges che interpreta il boss della Statesman, Channing Tatum che è la pecora nera della nuova agenzia, Halle Berry nei panni della nerd e Pedro Pascal (sì, quello di Game of Thrones e Narcos) infallibile con il lazo. Senza contare la partecipazione di Elton John in una spassosamente assurda e cartoonish versione di se stesso. Ma se non fosse tutto così programmaticamente “troppo” che guilty pleasure sarebbe?
Tra gli elementi che ci hanno fatto amare Kingsman dall’inizio ci sono gli accessori imperdibili che ovviamente ritornano: dagli ombrelli antiproiettile agli occhiali tecnologici dalla montatura inconfondibile stile Swinging London, dalle palle da baseball che diventano bombe a mano agli orologi che, letteralmente, salvano il mondo.

Recensione di Benedetta Bragadini

  • Produzione: 20th Century Fox Home Entertainment, 2018
  • Distribuzione: The Walt Disney Company Italia
  • Durata: 140 min
  • Lingua audio: Italiano (DTS 5.1);Inglese (DTS HD Master Audio 7.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Inglese
  • Formato Schermo: 2,39:1 16:9
  • AreaB
  • Contenuti: "Kingsmen. Il cerchio d'oro". Uno sguardo dentro - Il caos del taxi nero: anatomia di un inseguimento - Dall'archivio
  • Julianne Moore Cover

    Nome d'arte di Julie Anne Smith, attrice statunitense. Alcune esperienze televisive precedono l'esordio cinematografico del 1990 con I delitti del gatto nero di J. Harrison. In breve impone il suo fascino sofisticato, la sua recitazione nervosa e potente in titoli di grande valore: da America oggi (1993) di R. Altman a Vanya sulla 42a strada (1994) di L. Malle, dal toccante Safe (1995) di T. Haynes a Il grande Lebowsky (1998) di J. Coen. Due memorabili interpretazioni in Boogie Nights (1997) e Magnolia (1999), entrambi diretti da P.T. Anderson, e quella dell'agente Clarice Sterling nel meno memorabile Hannibal (2001) di R. Scott la consacrano come una delle migliori attrici della sua generazione. Nel 2002 vince la Coppa Volpi a Venezia per la sua eccezionale interpretazione di Lontano dal... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali