Categorie
Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Anno edizione: 2014
Pagine: 133 p. , Rilegato
  • EAN: 9788806194796

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Francesca

    30/05/2016 16.24.59

    Grandissima prova, bellissimo, originale, fa riflettere e stupisce. Un'amara riflessione su come le nostre non decisioni possano influenzare e rovinare la nostra vita e quella dei nostri figli. Non riesco a capire come possa annoiare.

  • User Icon

    bartleby

    22/04/2016 11.21.30

    Io ho preso un giorno di ferie per riprendermi e continuare a pensare a questo libro.

  • User Icon

    Alessandro Claudio Orefice

    12/03/2016 09.42.13

    Diverse le riletture che Starnone ci chiama a svolgere per renderci possibile di esercitare anche un nostro confronto con il passato, una sorta di personale bilancio biografico. Sono di quegli anni film Italiani testimoni di questo segno di rottura culturale: " I pugni in tasca" è del 1965, scritto e diretto da Marco Bellocchio; "Diario di una schizofrenica" di Nelo Risi è del '68. Numerosi degli anni '70 provengono dal nord Europa: "Family life", di Ken Loach, è del '71, con la famiglia come luogo di espiazione e sacrificio, "Scene da un matrimonio" di Ingmar Bergman, testimonia dell'ansia di comunicare il riconoscimento di una inadeguatezza delle parole ad affrontare un discorso capace di sciogliere lacci e nodi borghesi perché riconosciuti a guardia dell'ordine a sperimentare nuove soggettività. In Lacci le parole riflettono anche in termini letterari ed espressivi il vocabolario dei sentimenti degli anni '70, attraversati da tendenze culturali che avevano definito una cornice diversa con cui rappresentare la famiglia sotto spinte anglosassoni, specialmente sociologiche. Ad esempio erano pubblicati libri sulle relazioni di coppia e familiari, come "Nodi", di Ronald Laing, terapeuta che rappresenta gomitoli ricorsivi della coppia con poesie nevrotiche; "La morte della famiglia", di David Cooper, autore che risolveva gran parte dei disagi individuali nella responsabilità di una famiglia-gabbia. Con la canzone in Italia, l' esigenza di riappropriazione della libertà del corpo vincolato da lacci alla mente vede la testimonianza di Gaber -Luporini. Molte di queste suggestioni sono presenti sublimine in Lacci. Se Aldo diversamente da Vanda, gioca l'epistolario come risposta ricostruttiva di se stesso che ha il sapore dell'indifferenza,se Vanda non riesce a capacitarsene e lo accusa, ci penseranno decenni dopo i due figli a rimettere ordine a queste divergenze con la messo in scena della rivincita delle vittime del caos covato a lungo sotto pelle.

  • User Icon

    SLegata

    21/10/2015 21.01.16

    Bisogna avere una scrittura maestra, priva di sbavature o congetture astruse, per pennellare gli aspetti emozionali intimi della nostra società. Bisogna essere onesti e lucidi narratori come Domenico Starnone per mostrare certe cose che la maggioranza vive e non dice, sente e non vede. Cose tipo che i legami familiari possono fungere da Lacci (Einaudi) e, più che legare, stringere e soffocare; che la famiglia può non essere il luogo idilliaco come spesso viene contrabbandato; che una lunga convivenza - portata avanti per scrupoli o debolezza o comodità, molto spesso con l'alibi dei figli - può diventare ricettacolo di rancori taciuti e sottaciuti. Rancori che inevitabilmente prima o poi esplodono, ingenerando reazioni (forse) inimmaginabili. E chi ha rubato, chi è stato derubato poco importa.

  • User Icon

    Ale

    22/09/2015 12.22.26

    Mi stupisco nel trovare così tanti commenti positivi (che peraltro mi hanno convinto a comprare questo libro). Sono arrivato alla fine -con fatica- solo perché le pagine erano poche, ma l'ho trovato un racconto inutile, piatto e con una conclusione tanto inverosimile quanto grottesca. Soldi letteralmente buttati.

  • User Icon

    juri

    29/08/2015 21.49.50

    grandissima prova d'autore, inutile aggiungere altro.

  • User Icon

    valentina

    04/06/2015 10.58.58

    libro ben scritto, la storia è così realistica da provare le stesse sensazioni del protagonista.

  • User Icon

    elena

    22/05/2015 07.17.34

    Davvero un gran bel libro, scritto molto bene e talmente realistico che ti lascia un magone dentro a fine lettura. Consigliato.

  • User Icon

    Gabriella

    24/04/2015 00.08.23

    Scritto benissimo ma il tema é troppo scontato e poco analizzato. Rimane una storia in superficie dove non si capisce il vero io dei protagonisti. Al di la dei fatti sarebbe stato piu carino capire le problematiche di certe tematiche che cosi trattate risultano banali. Il finale poi non si capisce proprio ma sicuramente un significato l avrà, certo è che il libro finisce rapidamente come del resto rapida è stata tutta la narrazione.

  • User Icon

    Rosanna

    21/04/2015 16.41.14

    Scritto benissimo.Un matrimonio narrato attraverso tre prospettive diverse,moglie,marito,figli, con un finale che è un vero colpo di genio. La storia però è troppo deprimente,non si intravede luce,i personaggi si lasciano vivere,vittime di una ignavia francamente inaccettabile.La peggiore appare la moglie,prigioniera del suo dolore e della sua parsimonia negli affetti come nel denaro.Una famiglia senza slanci,in cui i lacci hanno strozzato i sentimenti e il futuro.Il messaggio arriva forte e chiaro,Starnone non si discute come scrittore,ma mi è mancato il fiato.

  • User Icon

    Giuliana

    18/04/2015 17.19.21

    Storia terribile ,ma non e'questo che ti toglie il fiato .che ti incolla alle pagine ma la scrittura sublime diStarnone.Bravissimo! Giuliana

  • User Icon

    rosanna

    12/04/2015 19.24.08

    Ho trovato il libro tanto deprimente e assolutamente poco realistico. Mettendo da parte i due protagonisti (che orrore!), la personalità dei figli avrebbe potuto essere sviluppata meglio rendendo forse più accettabile la loro posizione che ha altrimenti dell'assurdo. Non lo consiglio.

  • User Icon

    sara

    31/03/2015 18.02.30

    Un espediente narrativo non nuovo, ma sicuramente coinvolgente: un romanzo scritto a tre voci: quella della madre, quella del padre e quella dei figli. L'autore dimostra come gli stessi momenti possano essere vissuti in modo molto diverso. Un universo familiare fatto di incomprensioni che dagli anni '70 giunge fino a noi senza stancare, privo forse di quei riferimenti temporali che avrei voluto trovarvi (attualità, televisione, musica) ma ricco di emozioni e fonte di riflessioni sulle relazioni umane all'interno di una famiglia: marito-moglie-amante, genitori-figli e fratello-sorella. Un bilancio un po' amaro delle esistenze, un senso di incomunicabilità, di incapacità di realizzare se stessi accanto agli altri. Finale inconsueto che fa sorridere allo specchio.

  • User Icon

    francesco v

    03/03/2015 10.22.12

    Amaro cinico tremendamente vero, la disgregazione della famiglia tradizionale e le miserie dei destini individuali che si intrecciano in un quadro fin troppo fedele della nostra incapacità di conciliare gli impulsi irrazionali da un lato, le logiche relazionali dall'altro. Molto bello

  • User Icon

    Federica

    27/02/2015 13.10.24

    Romanzo imperdibile. Bravo bravo bravo Starnone! Meriterebbe il Premio Strega!

  • User Icon

    Ivana

    24/02/2015 17.35.28

    Va in scena la famiglia: con le sue dinamiche di irresponsabilità,competizioni,rivendicazioni, ripicche, slealtà, avidità e, volendo, altro ancora. Insomma la normalità.

  • User Icon

    Chiara sav

    15/02/2015 16.04.11

    Davvero un bel libro: scorrevole, ben scritto, ricco di spunti di riflessione. La storia non è scontata, il finale non facilmente indovinabile... E' un libro tragico, inquietante, magari non fosse così reale!!

  • User Icon

    Francesca

    27/01/2015 09.08.04

    Un libro bellissimo e proprio ipnotico come già detto. Da leggere assolutamente.

  • User Icon

    Egome

    23/12/2014 14.05.57

    Una storia relativamente consueta, la storia di un tradimento, quando un coniuge si innamora di un'altra e si stacca affettivamente e fisicamente dalla famiglia , lasciando la moglie e due figli in età adolescenziale. C'è poi il ritorno di lui in famiglia 'sconfitto', ma non pentito, costretto a un compromesso affettivo per poter convivere con la moglie, completamente 'disamorata', e i figli ormai troppo estranei e indipendenti (ciascuno con varie problematiche) per un padre fedifrago. Gli ingredienti ci sono tutti e la lettura è molto scorrevole e accattivante. Singolare la costruzione dei capitoli, con continui flash back che partono dal quotidiano dei due coniugi ormai invecchiati, costretti per scelta personale ad una convivenza senza amore. Buona la caratterizzazione psicologica dei protagonisti.

  • User Icon

    Ernestoal

    22/12/2014 16.14.31

    Una scrittura controllata, impeccabile, sorvegliatissima per raccontare la vicenda ordinaria e terribile di un matrimonio fondato sulla rivalsa e sulla autorepressione. Uno sguardo spietato sulla realtà troppo umana dei rapporti tra i genitori e i figli. Compatto, duro, privo di digressioni, ti colpisce dritto allo stomaco con la forza della semplice realtà quotidiana, terribile proprio perché comune. Il primo libro che ho letto di Domenico Starnone, di certo non sarà l'ultimo.

Vedi tutte le 21 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione