Lady Bird (DVD)

Con la tua recensione raccogli punti Premium

83° nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Commedia

Salvato in 80 liste dei desideri

"Lady Bird dice sempre che abita al di là dei binari. Io pensavo fosse una metafora e invece vive davvero vicino alla ferrovia."

«Lady Bird è uno sguardo commovente sulle relazioni che ci formano, le credenze che ci definiscono e l'ineguagliabile bellezza di un luogo chiamato casa »Il messaggero

Christine McPherson è di Sacramento ed è un'ambiziosa liceale all'ultimo anno. Sogna un'esistenza diversa in una città della costa orientale tra i grattacieli, i college e la cultura cosmopolita. Per essere accettata in un college, però, deve accumulare anche alcuni crediti extracurriculari, così decide di entrare a far parte di un club di teatro. Questa esperienza porta nuova energia alla sua vita sociale e a quella privata, segnata da una madre ipercritica e da un padre rimasto da poco senza lavoro.
3,33
di 5
Totale 15
5
2
4
5
3
5
2
2
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    the eloina

    24/05/2020 02:11:34

    Totalmente da evitare. Di una noia mortale. Come se non ci fossero già centinaia di film sull'adolescenza di provincia americana... inutile e autoincensante. Egotico e mediocre.. Una stella perché meno non si può dare..

  • User Icon

    Vinx

    17/05/2020 16:36:27

    Proprio recentemente ho deciso di riguardare questo film, perché ha una certa umiltà che però è subito universalità: una giovane donna che, a ridosso dell'11 settembre, cerca di evadere dalla sua città di nascita, Sacramento, per studiare nella grande e pericolosa New York. E quanto tutto questo abbia a che fare con la ricerca di un nostro posto, di una nostra identità, la ricerca di una strada che ci permetta di sentirci, semplicemente, Catherine.

  • User Icon

    franco1952

    13/05/2020 17:28:02

    Lady Bird racconta l’adolescenza di una 17enne nella Sacramento dei primi anni 2000: litiga con sua mamma per il disordine in camera, ascolta "Hand in My Pocket" di Alanis Morissette nella macchina del padre, si innamora di un bassista presuntuoso. Non succede nulla di estremo. È semplicemente lei che vaga nei meandri più strambi dell’adolescenza pre-college, e se anche voi, come lei, almeno avete cercato una volta di nascondere ai vostri genitori quanto eravate ubriachi, non potrete fare a meno di immedesimarvi nella storia. Tantissimo amato, forse il film più amato del 2018, eppure film e regista sono stati completamente ignorati sia dai Golden Globes che dai BAFTAs.Per troppo tempo, le registe donne sono state eclissate dalle loro controparti maschili nella corsa verso i titoli di Miglior Regista

  • User Icon

    vanessa penny

    12/05/2020 14:43:08

    Ho visto questo film qualche mese fa. È un buon film ma non da rivedere di nuovo. Ha un grande potenziale ma non mi ha conquistato.

  • User Icon

    Silvia

    27/04/2020 15:15:01

    per me è un grosso no. Non sapevo bene cosa aspettarmi da questo film, però dopo tutte le nominations ricevute di certo non mi aspettavo qualcosa del genere: privo di senso, senza trama, con personaggi insulsi. Non lo rivedrei una seconda volta

  • User Icon

    vn

    19/09/2019 14:21:49

    Un film da cui sinceramente mi sarei aspettata molto di più. Forse è indicato soprattutto agli adolescenti (o ai genitori) che stanno affrontando un momento difficile della loro crescita. Tutto sommato è un film nella norma che potrebbe piacervi.

  • User Icon

    Raffy

    11/03/2019 22:17:53

    Un film meraviglioso ma a mio avviso un po sopravvalutato. Ho amato moltissimo vedere tutto il desidero della protagonista di esprimersi e di scappare via dal suo piccolo paesino, Sacramento. Il. Rapporto con la madre poi é il tema principale della storia ed é descritto in un modo magnifico

  • User Icon

    Pia

    11/03/2019 19:09:58

    Mi aspettavo molto di più da un film molto acclamato dalla critica. Gli attori li ho trovati insignificanti così come la trama. In ogni caso lo considero alle giovani adolescenti in preda alle ribellioni. Io non l'ho apprezzato molto ma una possibilità va sempre concessa, quindi se vi incuriosisce vi consiglio di guardarlo.

  • User Icon

    massimo

    10/03/2019 19:38:33

    Nulla di particolare, forse troppo normale, avrei preferito una trama più coinvolgente. Ben fatto, ma non lo rivedrei.

  • User Icon

    Film piacevole

    09/03/2019 13:48:13

    Un film che si lascia guardare, con un velo di tristezza che pervade il procedere del racconto. Una storia non eccezionale e che non mostra la faccia migliore degli Stati Uniti. Un buon film.

  • User Icon

    Irene

    06/03/2019 16:52:34

    Sopravvalutato, un film per ragazzi, Saoirse Ronan molto brava. Se si vogliono passare un paio d'ore con un film gradevole consigliato.

  • User Icon

    Elisa

    23/09/2018 11:15:57

    Una mia coetanea con la quale avrei voluto fare amicizia. Intraprendente, forte, decisa. Film che dà molti spunti di riflessione. Consigliato

  • User Icon

    Adriana

    22/09/2018 16:15:53

    Un'America che non vien troppa voglia di abitare, vista da una semisconosciuta cittadina californiana. Efficacissima la rappresentazione dello scontro tra genitori e figli, delle frustrazioni e dei desideri di un'adolescente che si sente stritolata in un universo da cui vorrebbe solo fuggire, tra difficoltà economiche e aspirazione continua a qualcosa di più.

  • User Icon

    Giulio

    20/09/2018 22:39:37

    Di tutti i film candidati al premio Oscar nell'edizione 2017, forse questo è quello che mi ha meno coinvolto. Probabilmente più adatto ad un pubblico molto giovane e femminile che possa immedesimarsi nella pur brava protagonista.

  • User Icon

    GiuGiu

    17/04/2018 16:11:26

    Bellissimo film, assolutamente da vedere!!

Vedi tutte le 15 recensioni cliente

Un'opera generazionale e universale, capace di comunicare al di là delle barriere culturali

Trama

Christine McPherson è di Sacramento ed è un'ambiziosa liceale all'ultimo anno. Sogna un'esistenza diversa in una città della costa orientale tra i grattacieli, i college e la cultura cosmopolita. Per essere accettata in un college, però, deve accumulare anche alcuni crediti extracurriculari, così decide di entrare a far parte di un club di teatro. Questa esperienza porta nuova energia alla sua vita sociale e a quella privata, segnata da una madre ipercritica e da un padre rimasto da poco senza lavoro.

Lady Bird è stato per un po’ il film meglio recensito di sempre su Rotten Tomatoes, l’aggregatore di review tra i più seguiti del web. Poi un critico gli ha dato un voto basso (no comment) e il 100% di gradimento è diventato “solo” 99%.

Poco male, perché nel frattempo sono arrivate 5 nomination agli Oscar, tra cui quelle per miglior film e miglior regia. E Greta Gerwig (quella di Frances Ha), uno dei volti-simbolo del cinema indie americano, è diventata la quinta donna della storia a essere candidata nella categoria. Certo, ha contro il gotha della cinematografia, Christopher Nolan e Paul Thomas Anderson, un amatissimo outsider come Guillermo del Toro e un altro sorprendente esordio alla regia, quello di Jordan Peele. Ma Lady Bird è un piccolo gioiello, vedremo come andrà.

C’è qualcosa di dolce e meravigliosamente strambo in questo racconto di formazione semi-autobiografico, che è insieme una dichiarazione d’amore dell’attrice e sceneggiatrice alla città in cui è cresciuta, Sacramento in California, e un ritratto dolce amaro del rapporto madre-figlia, pieno di ironia e di dramma. E per dramma intendiamo che, dopo un litigio con la mamma, la figlia si butta da una macchina in corsa.

Perché il film è (quasi) tutto lì, nella potenza della relazione tra l’adolescente Christine, che vuole essere ostinatamente chiamata “Lady Bird”, e Marion, una relazione fatta di scontri duri, così duri che a volte sono difficili da guardare, ma anche di momenti divertenti e tenerissimi. Una delle migliori prospettive sull’adolescenza che il cinema propone da anni. Con i dubbi sulla scelta del futuro, le amicizie, quelle che durano il tempo di una serata e quelle che sono per sempre. E naturalmente gli amori, impersonati da due facce giustissime come Lucas Hedges, nominato nel 2017 da non protagonista per Manchester by the sea, e Timothée Chalamet, candidato quest’anno all’Oscar per il miglior attore grazie a Chiamami col tuo nome.

Ormai ogni volta che appare sul grande schermo, Saoirse Ronan, 23 anni e 3 nomination (le altre due per Espiazione e Brooklyn), rischia di portarsi a casa una statuetta. E con Laurie Metcalf, che poi è anche la mamma di Sheldon Cooper in The Big Bang Theory, l’incastro è perfetto. Sì, c’era bisogno di Greta Gerwig, del suo stile fresco e vivace, del suo humor pungente e pieno di grazia. Come le sue attrici.

di Benedetta Bragadini

Golden Globe 2018: Miglior film commedia o musicale - Migliore attrice in un film commedia o musicale a Saoirse Ronan

  • Produzione: Universal Pictures, 2018
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Durata: 93 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Inglese
  • Area2
Note legali