Categorie

Sam Savage

Traduttore: M. Pareschi
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2009
Pagine: 246 p. , Brossura
  • EAN: 9788806195854
"Nel caso la lavatrice non parta, invece di prenderla a calci avvertire la proprietà" – "Cara Jolie qualche volta mi spavento all'idea che da un momento all'altro scenderò per strada ululando" – "Se mi faccio saltare le cervella, dopo me ne pentirò?". Il libro di Savage è uno spezzatino narrativo che racconta la vita di Andrew Whittaker con un puzzle di annunci, lettere, liste della spesa, monologhi, abbozzi di racconti. Whittaker è il fondatore di "Bolle", rivista letteraria della provincia americana. È anche un affittacamere divorziato in lotta donchisciottesca con l'ottusità del mondo letterario e del mondo in generale. Luglio, agosto, settembre, ottobre: quattro mesi per quattro capitoli. Diciotto lettere alla ex moglie Jolie in cui racconta il suo decadimento artistico, economico, mentale e animalesco vista la somiglianza che sviluppa con l'animale del titolo, il bradipo. Se non fosse per il taglio autoironico e la ricca vena di humour rischierebbe di essere una storia al confine dei cliché dell'artista perdente, escluso dai clan della cultura di massa. In questa suo secondo libro Savage prosegue il connubio con il mondo animale a pelo corto. La metafora dello scrittore-bradipo è più debole di quella del topo-lettore del suo primo libro e best seller Firmino. Le scene di immedesimazione del protagonista nello stile di vita del bradipo sono comunque simpatiche. Come quando Whittaker imita il lamento del bradipo, grido di dolore e disgusto verso un mondo che non è in grado di capirlo. Alla fine Whittaker dovrà scegliere se arrendersi o continuare a combattere contro i suoi mulini a vento. Sarà il bradipo che è in lui a decidere.
Federico Jahier

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    cristina

    18/12/2013 09.18.05

    Scritto in maniera impeccabile, con una prosa arguta che è un piacere per l'intelletto. Però la forma epistolare a lungo andare potrebbe scoraggiare; bisogna mettersi un po' l'anima in pace sapendo che sarà tutto così e lasciarsi trasportare dalle elucubrazioni di questo personaggio solitario, solo, sensibile, cinico, depresso, maniacale ecc...

  • User Icon

    cristina

    19/01/2011 10.19.04

    Ho letto prima Firmino ed è stata una lettura carina, diversa e non mi è dispiaciuto, poi il natale dell'anno scorso mi e' arrivato per natale il lamento del Bradipo, ho deciso di affrontare la sua lettura dopo un anno esatto che lo tenevo nella libreria, i commenti letti erano davvero poco poco entusiasmanti e purtroppo non si sono smentiti. Il personaggio è cinico ed egoista, l'altruismo nn sa neanche dove sta di casa, ma non e' solo l'antipatia che acquisisci verso il personaggio che non mi ha colpito ma il tutto nell'insieme, ho deciso di finirlo solo per capire come finiva.... domanda perche' ha una fine! lo sconsiglio a tutti... lasciate perdere, buttate via del tempo...

  • User Icon

    Maurizio Ciarlatani

    23/11/2009 20.11.29

    Un vero peccato! Sembra quasi che Savage, dopo lo splendido e commovente Firmino sia stato costretto a scrivere qualcosa, tanto per scrivere. Il risultato è un testo noioso fino al sonno e ridondante . Il tema poteva avere un suo valore se riassunto in tre cartelle.

  • User Icon

    Eugenio

    10/11/2009 14.38.21

    Tanto mi è piaciuto Firmino quanto poco mi è piaciuto questo. Concordo con chi ha scritto che non vale nè il denaro che costa nè il tempo necessario per leggerlo.

  • User Icon

    claudio

    15/10/2009 16.13.01

    Assolutamente in disaccordo con i due primi lettori. Mi è piaciuto moltissimo, non meno senz'altro di Firmino, anzi. Mi sono anche specchiato in questo "bradipo" ambientato durante il periodo Nixon non a caso. Esilarante la sua racclta di tutto quanto ha a che fare con la scrittura, sia che sia una risposta ad un collaboratore di "Bolle" -la rivista di cui Andrew è direttore, caporedattore e quant'altro- sia che sia un invito ad un inquilino a pagare l'affitto. Per me merita senz'altro un voto alto.

  • User Icon

    Chiara

    14/10/2009 10.33.31

    Firmino era poetico, commovente fino alle lacrime, uno di quei libri che ti spiace finire, perchè vorresti adagiarti ancora un po' in quell' atmosfera così toccante.... Se vi aspettate qualcosa di simile...non comprate il lamento del bradipo.

  • User Icon

    Filippo

    20/09/2009 13.22.57

    Un libro noioso...rimpiango il tempo che ho perso per leggerlo...mi sorprende come a certi autori venga fatta una tale pubblicità...soldi davvero buttati al vento...

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione