-15%
Lampadine socialiste e trappole del capitale. Come diventai sociologo - Giuseppe Bonazzi - copertina

Lampadine socialiste e trappole del capitale. Come diventai sociologo

Giuseppe Bonazzi

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Il Mulino
Collana: Intersezioni
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 29 settembre 2006
Pagine: 178 p., Brossura
  • EAN: 9788815112958

€ 10,62

€ 12,50
(-15%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Lampadine socialiste e trappole del capitale. Come diventai ...

Giuseppe Bonazzi

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Lampadine socialiste e trappole del capitale. Come diventai sociologo

Giuseppe Bonazzi

€ 12,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Lampadine socialiste e trappole del capitale. Come diventai sociologo

Giuseppe Bonazzi

€ 12,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 12,50 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Bonazzi narra qui le sue esperienze di ragazzo e studente, poi di uomo e studioso, a partire da quando ­ negli anni '50 e '60 ­ la sociologia non era ancora insegnata negli atenei italiani, fino ai cambiamenti epocali dell'università di oggi. Non soltanto una biografia intellettuale, dunque. Tra ironia e nostalgia, sono rievocate le baruffe di una certa sinistra torinese in quegli anni lontani, la vita quotidiana in una Camera del lavoro "imponente e squallida" dopo le sconfitte operaie, un'esilarante campagna elettorale nel 1957, la commozione in Unione Sovietica davanti alle "lampadine socialiste", la scoperta di un'America provinciale e conformista, il tentativo di capire l'Italia delle fabbriche e del miracolo economico. Molti sono i volti noti che affiorano tra queste righe: da Nicola Abbagnano a Norberto Bobbio, da Siro Lombardini a Fausto Bertinotti, da Antonio Giolitti a Umberto Eco. Alle memorie pubbliche si intrecciano dei "fuori scena", confessioni più intime in cui Bonazzi rievoca episodi e personaggi della sua giovinezza, e soprattutto va alla sofferta ricerca dei genitori perduti: il padre, "fascista estremo" morto in guerra quando l'autore era ancora bambino; la madre, la cui intransigenza religiosa sfocia in fobie ora infantili ora cupe. Un piccolo romanzo di formazione a più registri, nato dalla felice alchimia tra sensibilità sociologica e piacere della scrittura.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Poteva essere uno scritto ben fatto, di quelli da cui tiriamo fuori notizie e documentazione per collocarlo nel grande puzzle dei libri utili. Invece è venuto fuori qualcosa di più: un regalo per gli anziani e i giovani che trafficano con la sociologia, ma anche per quanti sono curiosi di storia torinese e un po' stufi dei toni ampollosi e vagamente necrofili con i quali ci viene normalmente condita.
È la vicenda di un giovanotto che emerge da studi umanistico filosofici e si accosta a una disciplina a quel tempo osteggiata dall'accademia prevalente e dal marxismo dottrinario. Anche se personaggi lungimiranti, come a Torino Abbagnano, facilitano il traghetto.
Un caso tipico di vocazione, dal momento che negli anni cinquanta mancavano percorsi ben disegnati per diventare sociologi. A Milano, a Bologna, all'Olivetti, a Roma, "maestri" poco più anziani, da Ferrarotti ad Ardigò a Pagani a Pizzorno, da Alberoni a De Rita a Gallino animavano piccole scuole e cerchie di giovani ai margini dell'università o altrove. Ma erano fratelli maggiori più che padri (meglio così!) e non garantivano facili accessi.
Il percorso di Bonazzi è ancora più originale della media e lo porta dall'"Avanti" alla Camera del lavoro, all'Ires Piemonte, alla scuola di amministrazione d'azienda di via Ventimiglia, a metà tra passione e tentativi di sbarcare il lunario. È qui che incontriamo un'immagine umana e poco retorica della sinistra torinese, con il buon Cominotti che dà una mano, i sindacalisti incerti su come arrivare alla fine del mese, le "geniali" bizzarrie di Lombardini, la frequentazione di Guido Bodrato.
Pian piano Bonazzi si avvia sul terreno che è più suo: la ricerca empirica, le inchieste, i primi dilemmi metodologici. Memorabile l'avventura salernitana con Arnaldo Bagnasco (a proposito quand'è che Arnaldo ci racconterà la sua iniziazione?). Tra un lavoro e un lavoretto il giovane mette su una famiglia e riesce addirittura a sbarcare nel Michigan vestito da autentico gaffeur. Riesce per un pelo a entrare nell'università e si chiarisce quella che sarà la sua specialità, il sociologo delle organizzazioni.
I giovani lettori scopriranno che a quel tempo occorreva anzitutto essere sociologi generalisti, affrontare la grande produzione degli americani, senza dimenticare i maestri tedeschi con incursioni obbligate nell'economica, nell'antropologia e nella storia nonché nella scienza politica. Una fatica, ma anche un piacere che oggi è spesso negato a quanti debbono precocemente specializzarsi.
Il cuore della vocazione bonazziana è la ricerca sul campo: ha scritto opere teoriche consistenti e di grande tenuta formativa, come la rassegna delle teorie dell'organizzazione, ma ci sorprende al massimo quando indaga un luogo e un fenomeno. Dagli operai anomici della "fabbrica di motori" ai cassa integrati, agli sconfitti dei trentacinque giorni Fiat (teatro di un pittoresco litigio con Bertinotti), al caso Singapore, ai cinquantenni di Mirafiori che stranamente fanno meglio dei giovani diplomati di Melfi e tanti altri.
Riesce a trasmetterci davvero la positiva nevrosi del ricercatore che quando si fa le domande non sa ancora quali saranno le risposte. Un'avventura che deve essere rigorosa, ma resta sempre un'avventura.
Infine, nell'intarsio di questo libro serpeggia una venatura più profonda: una vicenda familiare di tale autenticità che non può essere accennata in recensione.
  Bruno Manghi
Note legali