The Last Years - CD Audio di Franz Schubert

The Last Years

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Franz Schubert
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 6
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 9 novembre 2012
  • EAN: 5028421944241
Trio n.1 e n.2 per archi e pf, Notturno D897, Quartetto D904 Rosamunde, Quartetto D810 La Morte e la Fanciulla, Quartettsatz D703, Quartetto D887, Quintetto per archi D956, Ottetto
Nei suoi ultimi anni di vita (sebbene fosse sul punto di compiere appena il suo trentesimo anno di età…), Schubert creò uno stile originalissimo, nel quale la struttura e i contenuti musicali venivano fusi in un insieme pressoché inscindibile. Le ultime opere del grande compositore viennese riflettono un’anima dolente, nella quale la luce e l’oscurità si alternano senza soluzione di continuità e la mestizia e un timido desiderio di felicità vanno spesso a braccetto. Questo cofanetto della Brilliant riunisce i suoi ultimi tre quartetti per archi (considerati tra i vertici più alti di questo genere), i due trii per archi e pianoforte, l’incomparabile Quintetto per archi e il celebre Ottetto, opere di ampie proporzioni e pervase da una profondità di sentimento quasi impensabile in un compositore così giovane. Queste splendide opere ci vengono proposte dal Klaviertrio Amsterdam, dal Brandis Quartet e dall’Ottetto dei Berliner Philharmoniker, ritenuti tra gli interpreti più ispirati del repertorio schubertiano.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Franz Schubert Cover

    Compositore austriaco.Gli anni di formazione e i primi lavori. Figlio di un maestro originario della Slesia, trascorse tutta la sua esistenza, tranne qualche giro turistico e due brevi periodi di insegnamento in Ungheria, a Vienna e nei suoi immediati dintorni. Nel 1808, grazie al suo talento musicale, poté entrare a far parte del coro della cappella della corte imperiale. Come fanciullo cantore frequentò anche il seminario imperiale, dove ricevette una buona istruzione. Nel 1813, respinta l'offerta di un'altra borsa di studio, lasciò la scuola per far pratica come insegnante, studiando nel frattempo la composizione con Antonio Salieri, che già aveva notato il suo talento. Durante i tre anni successivi S. visse con la famiglia e insegnò nella scuola del padre, componendo intanto i suoi primi... Approfondisci
Note legali