Categorie
Artisti: Rover
Supporto: Vinile LP + CD Audio
Numero dischi: 2
Etichetta: Cinq 7
Data di pubblicazione: 6 novembre 2015
  • EAN: 3596973270665
Disponibile anche in altri formati:

€ 22,90

Venduto e spedito da IBS

23 punti Premium

Disponibile in 10 gg

Quantità:
Aggiungi al carrello
Descrizione

Da dove arriva questa immediata attrazione? Come mai la stampa e i media francesi amano in modo unanime questo artista? Forse la risposta sta nel suo talento, nel suo modo unico di porsi come artista. Sin dall’inizio Rover è riuscito a creare un mondo tutto suo, con influenze che spaziano da Bob Dylan a David Bowie fino ai The Beach Boys e Jeff Bukley, un mondo in cui può dare libero sfogo alle sue emozioni. Il risultato è indefinibile e Rover è una firma vivente della musica pop. Se non fosse stato cacciato dal Libano 5 anni fa per il visto scaduto forse non saremmo mai riusciti ad ascoltare la sua musica. A quel tempo Timothée Régnier (Rover) suonava la chitarra in una band Punk Rock piuttosto rinomata chiamata The New Government. Tornato in Francia si stabilisce in Bretagna in una casa piena di musicisti che lo porta a interrogarsi sul suo futuro. E la risposta è subito chiara: ritirarsi nello studio casalingo a comporre e registrare musica durante tutto l’inverno. Da qui si rende conto che la sua voce può raggiungere una vasta gamma di frequenze, dai toni tragici ed oscuri a suoni acuti ed emotivi. Qui Rover ha scritto, composto e arrangiato tutti i pezzi del suo primo album omonimo (2012), acclamato dalla critica e dal pubblico tanto da essere premiato come “Revelation” (rivelazione dell’anno) ai prestigiosissimi Victoires De La Musique e da conseguire il Disco D’Oro. Quando lo incontri, non ti può sfuggire la sua impressionante, elevata silhouette. Insieme alla risonanza della sua voce d’ angelo, la sua calma è una tempesta accolta pacificamente da qualcuno che è pienamente consapevole che l'avventura deriva dalla paura. E fondamentalmente è l'immagine stessa della sua musica ‐ smodato, misterioso, generoso, fedele e consapevole. Egli sa che per creare le cose più importanti è fondamentale abbandonare il controllo, non uccidere il ragazzino ma, per farlo prosperare, provocarlo e sussurrargli di andare oltre. Il nuovo album ‘Let it Glow’ è stato registrato in Bretagna (Côtes d’Armor) nello studio analogico Studio Kerwax che risiede in una vecchia scuola. Prodotto da Rover che ha suonato anche tutti gli strumenti, scritto, composto e arrangiato tutte le canzoni. Batteria e percussioni sono suonate dal suo caro e fidato amico di sempre Arnaud Gavini. Al suono lo ha aiutato il mago Christophe Chavanon (proprietario dello studio). Alla masterizzazione Bob Ludwig a Portland US (vedi Led Zeppelin, Nirvana, Radiohead, Beck e Daft Punk). Quando parla del suo nuovo album Rover dice di essersi lasciato semplicemente andare, di aver seguito l’ispirazione senza forzare nulla, spesso scrivendo di notte, per nove mesi, in compagnia di una drum machine, un registratore a 4 tracce e un vecchio piano (CP70) trovato online e recuperato dallo stesso in Germania con un viaggio in macchina che definisce «un viaggio salutare per prendere un oggetto meraviglioso che ti spinge a far qualcosa appena lo vedi». Lui ama le cassette molto più dei brani digitali e non per snobismo, semplicemente ama troppo la musica per usare i paraocchi.

«Non devi vedere la musica, ma il digitale cancella gli errori, crea limiti e cornici. La perfezione è un mito, una stupida gara che è persa ancora prima di iniziare, non è per me».

Disco 1
  • 1 Some Needs
  • 2 Odessey
  • 3 Call My Name
  • 4 Innerhum
  • 5 Trugar
  • 6 HCYD
  • 7 Let It Glow
  • 8 Along
  • 9 Glowing Shades
  • 10 In The End
Disco 2
  • 1 Some Needs
  • 2 Odessey
  • 3 Call My Name
  • 4 Innerhum
  • 5 Trugar
  • 6 HCYD
  • 7 Let It Glow
  • 8 Along
  • 9 Glowing Shades
  • 10 In The End
Mostra tutti i brani