Categorie
Traduttore: S. Basso
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
Pagine: 264 p., Brossura
  • EAN: 9788806225575
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Marcello

    30/08/2014 22.33.50

    Sarebbe 3.5 perché troppo insistita la cruda descrizione dell'omicidio e troppo sbrigativo l'epilogo con la lettera che va verso una direzione facile ad immaginarsi. Comunque un ottimo libro doloroso,gioioso,esaltante,meschino,dolce crudo come un amore che nasce sulle rovine reali ed affettive si fortifica e si appassisce sempre sulle rovine. Ma si appassisce?????

  • User Icon

    Spigozzia

    02/02/2013 15.49.05

    Macbeth in chiave moderna. Un gran bel romanzo su vittime e carnefici e la sottile linea che separa l'uno dall'altro. Viene da chiedersi da che parte stia il bene e da che parte il male, il giusto e lo sbagliato. Mi azzardo a dire che McEwan meriterebbe il Nobel per la letteratura, ma forse è troppo presto...

  • User Icon

    roberto ferrai

    02/08/2005 12.55.52

    Ke dire...?veramente un bel libro,uno di quelli che t fanno accopponare la pelle,a dire la verita non trovo parole per descrivere le sensazioni ke mi ha fatto provare quell'opera...dire spendida non basterebbe; le prime 100 pagine forse sono un po' pesanti,non ho avuto un quadro generale su dove volesse andare a parare la storia,non l'ho avuto perchè non c'è...il tutto avviene dopo...quando conosce la ragazza,e piano piano i protagonisti escono fuori,si fanno riconoscere, e iniziano le accurate descrizioni delle loro emozioni...mio dio quando hanno trovato l'excompagno di lei dentro l'armadio...!quelle son sensazioni,per non parlare delle descrizioni di lei...doveva essere proprio una bellissima ragazza...con tutte le sue paure,convinzioni,certezze,incertezze...penso di essermi innamorato pure io...; ogni vola che ricordo quell'opera non posso non pensare a lui che parte vedendo lei abbracciata ad un altro,tutto sembrava chiaro ma così non era...non vi nascondo che ho pure pianto,(e non piango tanto facilmente ve l'assicuro),quando alla fine delle lettera lei gli diceva che avvrebbe dovuto lottare se veramente ci teneva...non si sarebbe dovuto arrendere cosi...e forse aveva ragione,doveva lottare...ma voi cosa avreste fatto al suo posto?. un grazie di cuore all'autore del libro per avvermi fatto provare tutte quelle emozioni,e tanti complimenti per aver creato un opera originale,bella,e diversa da tutte le altre opere originali e belle che si trovano in giro...grazie ancora. roberto ferrai

Scrivi una recensione