Categorie

Luciano Ligabue

Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
Pagine: VII-179 p. , Brossura
  • EAN: 9788806186654

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Bye

    23/01/2015 09.04.06

    Mi è capitato di leggere questo libro del cantante italiano e mi ha fatto riflettere sul fatto che molti poeti e poetesse internazionalmente riconosciuti non sono tradotti in italiano. Molti libri di poeti italiani di spessore sono fuori catalogo o introvabili. Ligabue sforna libri a raffica. E, mi sembra di capire, sono scarsamente significanti, come questo. Solo una riflessione con massimo rispetto.

  • User Icon

    Alessia

    26/11/2009 18.46.04

    Premetto che trovo il Ligabue cantautore e il Ligabue regista spettacolari. E' uno dei miei cantanti preferiti! Però: sarò tonta io, sarà che preferisco la narrativa alla poesia, ma non ho trovato niente di chè in queste poesie se non l'autore... Poesie che per me restano incomprensibili, eccetto alcune che trovo belle e che mi hanno colpita.

  • User Icon

    Ale

    29/07/2009 16.38.36

    E' una poesia che chiede tempo, chiede di essere letta e riletta, chiede di essere capita...ma per piacere! Ma di chi stiamo parlando? Di Pascoli, di Ungaretti, di Neruda? Intanto smettiamola di chiamare poeta chi non lo è e, probabilmente, non punta neanche ad esserlo. E poi Liga è un comunicatore, se no non farebbe il mestiere che fa, E' SUO COMPITO FARSI CAPIRE!. Ma secondo voi Einaudi ha pubblicato questo libro perché c'ha trovato dentro qualcosa di incredibilmente profondo? L'ha pubblicato perché sapeva che in molti...voi ne siete la dimostrazione evidente...l'avrebbero comprato, che stamparlo gli avrebbe fruttato qualche soldino. Se l'avesse scritto un Pinco Pallo, un Cetto La Qualunque, non si sarebbero presi neanche la briga di aprirlo o, se l'avessero pubblicato, quelli che qui gli hanno dato 5 non l'avrebbero filato per niente. Il Liga ha scritto molte bellissime canzoni, ma apprezzarlo non vuol dire giustificarlo sempre e comunque, a priori.

  • User Icon

    Fabbro899

    02/07/2009 14.23.39

    allora: il mio voto è un 4 e non un 5 per svariati motivi; tra questi rientra la lettura dei precedenti commenti. mi spiego: noto che molti hanno definito impenetrabili le poesie di Luciano. e questo, per quanto io sia un accesissimo fan di Liga, è un limite "facilemente" riscontrabile. E' una poesia sfuggente, ricca d particolari pesantemente autobiografici, scritta di getto, sentita, passionale. se, come abbiamo appurato, questa oscurità è un limite, è a mio parere anche il pregio maggiore della composizione. Ci lascia arbitrio, libero più che mai, di interretare, il suono delle parole così densamente accostate, suggerisce immagini proprie nel senso di personali; consente una elaborazione profonda della valutazione del lettore. E' una poesia che chiede tempo, chiede di essere lette e riletta, chiede di essere capita. e non sottovalutiamo questo aspetto nell'era della globalizzazione, nell'era del conformismo, in cui tutto è così per tutti: Liga rigenera il principio medio, cambia le carte in tavola, lascia a "te" la scelta di decidere cosa pensare! partendo da temi di fondo universali, questo si! credo che la grandezza del libro risieda in questo, poi... posso pure sbagliarmi! un affezionato fan di Luciano Ligabue

  • User Icon

    cristina

    04/11/2008 12.30.15

    io credo che scrivere e pubblicare un libro sia un atto di fiducia: mettere nella mani della gente i proprio pensieri anche i piu' intimi. Forse Liga non è un Foscolo, o un vero poeta del '900, è semplicemente Liga e non mi sembra che in questo libro cerchi di far finta di essere qualcuno che non è. Ognuno di noi ha la sua poesia nel cuore, pochi di noi hanno il coraggio di scriverla. Lui l'ha fatto, con umiltà e passione. bisognerebbe aprezzare chi ha il coraggio di mettersi alla prova, chi non si accontenta di essere bravo in qualcosa per paura di non essere all'altezza in tutto il resto. Oltretutto per chi scrive che le sue poesie sono disconnesse, consiglio di rileggerle e di pensare mentre le legge. La poesia non e'sempre immediata. Per chi ama leggere per scoprire chi si racconta e per chi ha voglia di scoprire altri modi di racconatre le emozioni. buona lettura

  • User Icon

    Ilaria

    01/09/2008 16.34.07

    Non capisco perchè ci si ostini a difendere il libro a priori, soltanto perchè l'autore è un cantante che io stessa apprezzo moltissimo in quelle vesti. Non è mica un reato ammettere che con questo libro ha toppato, e soprattutto non sminuisce il suo valore come cantante. Ma ecco, uno dovrebbe limitarsi a fare ciò che sa realmente fare: o meglio, se proprio uno vuole provarci, che lo faccia pure. Ma eviti di propinarci i suoi lavori come qualcosa di qualità. Altro che poesie, Ligabue qua ha aperto il vocabolario a caso, ha tratto le prime parole che leggeva e le ha messe insieme per dar vita a questa accozzaglia disconnessa di frasi assurde e ininterpretabili. Si, le chiamo frasi. Perchè sarebbe blasfemo denominarle poesie.

  • User Icon

    Gastone

    25/03/2008 11.59.21

    Rilevo con piacere le capacità espressive dei fans dell'autore. Complimenti ragazzi, avete tratto degli ottimi insegnamenti da queste fantasmagoriche poesie! valutazione 1/5, anche troppo elevata!

  • User Icon

    Gianni Sartori

    21/09/2007 00.18.33

    Questo libro merita di restare in un luogo soltanto, avvolto dalle nebbie padane dalle quali proviene il suo Autore.

  • User Icon

    claudia!!!!!!!!!

    02/07/2007 17.23.00

    io non volgio litigare con nessuno dico sl : SE Cìè UNA COSA CHE MI PIACE DEL LIGA è CHE LUI NN FA MUSICA X BISNES( NN SO CM SI SCRIVE) MA XK è LA SUA PASSIONE DA SEMPRE...X CIO NELLE SUE CANZONI LUI ESPRIME LA SUA VITA..E COSI ANCHE NELLE POESIE..OVVIO CHE NN LE CAPITE..LUI PARLA DI SUE ESPERIENZE ...SOLO X LUI POSSONO ESSERE SPECIALI MA NOI DOBBIAMO APREZZARLE X QUELLO CHE SONO, X QUEL CHE POSSONO SIGNIFICARE X LUI! mi limito a dire questo..probabilmente è ora che aprite gli occhi su quel che è veramente la musica, cioè il modo x esprimere se stessi! adiosssss!! comq il liga è divino non toccatemelo!!!

  • User Icon

    cristina

    24/04/2007 07.55.50

    Stimo Luciano come cantante e come regista,ma questa raccolta di poesie proprio non l'ho digerita...Trovo più poesia nei testi delle sue canzoni...A ciascuno il suo mestiere...

  • User Icon

    piccola stella

    12/02/2007 16.56.25

    bravi siete pronti solo a dare giudizi affrettati! ma almeno le avete lette le 77 poesie??? perchè una persona deve limitarsi a fare,in questo caso,il cantautore..quando riesce bene anche in altri campi??? penso che luciano faccia molto bene a fare tutto ciò che sa faresempre con lo stesso entusiasmo! poi dite che solo perchè le ha scritte ligabue tutti le comprano! beh e allora? credo che sei il "vostro" cantante scriverebbe un libro voi sareste i primi a comprarlo...e beh? che male c'è?

  • User Icon

    Gino

    18/01/2007 11.07.35

    Questo adesso si è sentito in dovere di pubblicare le sue "poesie". Oltre che cantante, regista, scrittore ora crede di essere anche un poeta. Basta! se ne hanno le tasche piene di questi presunti tuttologi che, alla prova dei fatti, rivelano solo la loro mediocrità.

  • User Icon

    Antonio

    28/12/2006 02.06.36

    Bè ancora una volta Liga ha mostrato il suo talento...Sono senza parole, non solo cantautore, regista, ma anche poeta...Leggendo queste poesie ho trovato molte affinità con la realtà, vedi le problematiche dei giovani di fronte alla vita; ma soprattutto mi ha colpito il tono che Liga usa...è un tono paterno, cioè sono dei consigli che egli dà a colui che si accinge a compiere un azione...davvero spettacolare!!!Credo che tutti dobbiate leggere questo libro, soprattutto a coloro che ascoltano Liga...COMPRATELO!!! ............... LIGA 6 UN MITO...............

  • User Icon

    Ambra

    27/11/2006 17.12.40

    Ho letto queste poesie e sono rimasta un pò disorientata...perdevo continuamente il filo. Peccano sicuramente di immediatezza, sono prive di punteggiatura quindi si è obbligati a leggerle tutte d'un fiato senza avere il tempo di realizzare ciò che c'è scritto. Penso che sia un vano tentativo di ricalcare le orme dei poeti americani del '900...ma soprattutto vorrei poter dire al caro Ligabue, che di Charles Bukowsky ce n'è solo uno, continua a scrivere canzoni che è meglio!

  • User Icon

    raffaella

    19/11/2006 18.36.29

    wow wow wow.......non ho parole.......penso che Liga come sempre è il max...le sue parole rispecchiano la realtà , a volte in una sola frase riesce a farti capire tantissime cose... realismo, gioia, dolore, passione, amore ..c'è tutto...basta essere profondi e SPRTT LEGGERE OLTRE LE RIGA......x te massimiliano che l hai tanto criticato nel tuo commento!!! impara e leggere oltre...

  • User Icon

    spinoza

    06/11/2006 15.17.15

    Nulla contro di lui (anche se le sue canzoni le ho sempre trovate tutte uguali), ma inizia a pretendere troppo ... lasciamo la poesia ai poeti, quelli autentici, il fatto di poter agevolmente pubblicare non dovrebbe ingenerare deliri d'onnipotenza. Se credere che la poesia sia la forma letteraria più perfetta e assoluta, evitate.

  • User Icon

    Massimiliano

    06/11/2006 12.36.05

    E' un libro? Sono poesie? Perché bisogna abbattere alberi per vedere scritte ovvietà tali da annoiare a morte anche il più onnivoro dei lettori? Salvate la natura! Impedite a certa gente di "scrivere"

  • User Icon

    Stefano Alfonso

    12/10/2006 18.42.20

    Non si può certo dire che a Luciano Ligabue non piaccia mettersi in discussione: canzoni, racconti, film, romanzi ed ora poesie. Lo stile è quello classico e marcato del Ligabue dei primi dischi: profondo, ironico, genuino, a suo modo romantico e onesto. Il tutto avvicinandosi ai grandi poeti statunitensi del '900. La totale mancanza di punteggiatura frena un pò la lettura, facendo più volte risalire il lettore di qualche verso per permettergli di dare la giusta musicalità ed il giusto legame ai versi. Dal "Guscio rotto" ad "A quanto pare mia madre non dovrebbe avermi abortito", Ligabue ci regala la sua impronta contornata di emozioni che sanno arrivare al cuore attraversando le vie più emozionali. Direi che tra i tanti, questo è sicuramente l'"esperimento" (se di esperimento si può parlare, ma non direi) meglio riuscito. Bravo Luciano e grazie. Stefano Alfonso

Vedi tutte le 18 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione