Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Lettere di una novizia - Guido Piovene - copertina

Lettere di una novizia

Guido Piovene

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Curatore: E. Pellegrini
Editore: Bompiani
Edizione: 3
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
In commercio dal: 7 settembre 2005
Pagine: XXXIV-184 p., Brossura
  • EAN: 9788845234774
Salvato in 14 liste dei desideri

€ 5,40

€ 10,00
spinner
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Romanzo epistolare del 1941, "Lettere di una novizia" racconta la contrastata e sbagliata vocazione di una ragazza della buona borghesia. Vero perno dell'opera è però la rappresentazione del sentimento della "malafede", quella scarsa o nulla coscienza di sé che porta i personaggi a occultare le proprie ragioni sotto le giustificazioni più tortuose, le motivazioni più capziose. Confondendo valori e false promesse di un'educazione cattolica e di una formazione fascista, Piovene può così dare espressione alla condizione di una intera generazione di intellettuali e di uomini forse liberi di scrivere, muoversi e pensare, ma carichi di pregiudizi, prescrizioni, prevenzioni.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 3
5
1
4
1
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Giugi

    21/11/2012 17:24:00

    Romanzo epistolare veramente molto bello. La scrittura è molto raffinata ma anche molto leggibile e coinvolgente. Lo scrittore dimostra la rara capacità di ribaltare situazione all'interno della narrazione per cui buoni e cattivi alla fine si confondono come in un intreccio da romanzo giallo. Mi ha ricordato per questo il migliore Simenon

  • User Icon

    Prof.Davide Guglielmino

    17/02/2010 17:10:46

    Quella di Piovene è una scrittura semplice e chiara che permette al lettore non solo di appassionarsi alla vicenda ma anche di sentirsene profondamente coinvolto.Lettere di una novizia è un romanzo ricco di colpi di scena in cui verità e menzogna,pietà e vendetta, sincerità e ipocrisia,gioia e dolore si alternano continuamente fino alla drammatica conclusione.Rita Passi,la protagonosta,è un personaggio ambiguo che già dalle prime pagine mostra un disperato bisogno d'amore e di essere capita;ella passa da una condizione di apparente felicità ad uno stato di totale sofferenza che culminerà con la sua morte.Nel1960il regista Alberto Lattuada girò il film Lettere di una novizia con Jean - Paul Belmondo e Massimo Girotti.

  • User Icon

    stefano

    07/12/2008 10:22:47

    bellissimo, appassionante,ben congeniato. Di sapore standaliano.

  • Guido Piovene Cover

    (Vicenza 1907 - Londra 1974) scrittore italiano. Si dedicò presto all’attività giornalistica collaborando al «Corriere della sera» e alla «Stampa». Fu condirettore, con G. De Robertis, della rivista «Pan» ed esordì come scrittore con i racconti La vedova allegra (1931), che già presentano i motivi peculiari della sua narrativa: l’ambiente veneto, psicologie complesse, tormentati personaggi femminili. In Lettere di una novizia, romanzo epistolare del 1941, P. ha narrato la tragica vicenda di una ragazza che lascia il convento in cerca di libertà, per poi morire in carcere: occasione per analizzare quell’ambiguità esasperata di certi sentimenti cattolici che emerge anche in Gazzetta nera (1943), Pietà contro pietà (1946), requisitoria contro le filosofie della guerra, I falsi redentori (1949).... Approfondisci
Note legali
Chiudi