Lettere non italiane. Considerazioni su una letteratura interrotta

Giorgio Ficara

Editore: Bompiani
Collana: PasSaggi
Anno edizione: 2016
Pagine: 334 p., Brossura
  • EAN: 9788845282027
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 7,02

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Indice

Premessa

I. Lettere non italiane
II. Romanzi italiani?
III. Scrittori italiani
- Il romanzo non è fatto per me. Due discorsi su La Capria - L'antiromanzo di Francesco Biamonti - Ritratti italiani di Arbasino - Atzeni e l'elaborazione del mito - Elisabetta Rasy tra saggio e romanzo - Un poeta contro il Novecento - Ritratto di Alfonso Berardinelli - Una sostanza sottile
IV. Stelle italiane
- Il nostro De Sanctis - Nei grandi magazzini di D'Annunzio - Un taoista a capo Berta - La barchetta di Montale - Gadda e la verità della lingua - L'amaro Gattopardo - Sadismo di Landolfi - La valigia indiana di Pasolini - Zanzotto percettivo - Critica e preghiera

Nota bibliografica

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fabio Piero Fracasso

    17/06/2016 11:04:28

    Notevolissimo libro, che può leggersi su vari registri di approfondimento (e/o comprensione): nel peggiore dei casi, anche prescindendo dalle efficaci considerazioni su quella sorta di "neolingua" che è diventato l'italiano, l'autore ci porta con sé, a volo d'uccello, sulla terra della scrittura e degli scrittori del nostro Paese.Così autori apparentemente marginali ci appaiono per quel che sono, ossia capaci di plasmare la lingua (e, quindi, il pensiero) seguendo direzioni inusitate, anche dietro l'apparente grazia o cura della forma: così il napoletano La Capria o il ligure Biamonti appartengono alla stessa patria - o Patria- di lingua e pensiero, condividono oo stesso sforzo di entrare negli interstizi della cosiddetta "realtà".In questa prospettiva, Giorgio Ficara mi ricorda l'ungherese Marai, che abbandona la sua terra ma ne appartiene ancor più in esilio, scrivendo, pensando, forgiando, nei decenni, una visione del mondo attraverso la sua lingua

Scrivi una recensione