Lettere non italiane. Considerazioni su una letteratura interrotta

Giorgio Ficara

Editore: Bompiani
Collana: PasSaggi
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 5 maggio 2016
Pagine: 334 p., Brossura
  • EAN: 9788845282027
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Esiste ancora la letteratura italiana? Qualche "apocalittico" dice di no. Qualche "continuista" dice di sì: si nasconde in angoli remoti e refrattari all'attuale italiano mediatico, che è una cattiva traduzione da un cattivo inglese. A differenza del banco dell'ortolano, dove il carciofo e il tarocco di origine protetta fanno bella mostra di sé, in libreria si trova, comunque, pochissima letteratura italiana "biologica". Che fare? In "Lettere non italiane" si discutono alcune tesi classiche nel dibattito tra apocalittici e continuisti, anche alla luce della possibile sopravvivenza e addirittura della mera esistenza storica del romanzo italiano oggi. D'altra parte, di alcuni grandi e solitari scrittori contemporanei (da La Capria a Biamonti ad Atzeni) si considera la lampante continuità con i difficili padri novecenteschi: una porta socchiusa a un riaffluire di voci familiari, un segnale di resistenza e di attesa, secondo il principio che in ogni tempo una lingua e una nazione esistono solo se esiste una letteratura, si interrompono se si interrompe la letteratura.

€ 9,75

€ 13,00

Risparmi € 3,25 (25%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

€ 7,02

€ 13,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fabio Piero Fracasso

    17/06/2016 11:04:28

    Notevolissimo libro, che può leggersi su vari registri di approfondimento (e/o comprensione): nel peggiore dei casi, anche prescindendo dalle efficaci considerazioni su quella sorta di "neolingua" che è diventato l'italiano, l'autore ci porta con sé, a volo d'uccello, sulla terra della scrittura e degli scrittori del nostro Paese.Così autori apparentemente marginali ci appaiono per quel che sono, ossia capaci di plasmare la lingua (e, quindi, il pensiero) seguendo direzioni inusitate, anche dietro l'apparente grazia o cura della forma: così il napoletano La Capria o il ligure Biamonti appartengono alla stessa patria - o Patria- di lingua e pensiero, condividono oo stesso sforzo di entrare negli interstizi della cosiddetta "realtà".In questa prospettiva, Giorgio Ficara mi ricorda l'ungherese Marai, che abbandona la sua terra ma ne appartiene ancor più in esilio, scrivendo, pensando, forgiando, nei decenni, una visione del mondo attraverso la sua lingua

Scrivi una recensione

Indice

Premessa

I. Lettere non italiane
II. Romanzi italiani?
III. Scrittori italiani
- Il romanzo non è fatto per me. Due discorsi su La Capria - L'antiromanzo di Francesco Biamonti - Ritratti italiani di Arbasino - Atzeni e l'elaborazione del mito - Elisabetta Rasy tra saggio e romanzo - Un poeta contro il Novecento - Ritratto di Alfonso Berardinelli - Una sostanza sottile
IV. Stelle italiane
- Il nostro De Sanctis - Nei grandi magazzini di D'Annunzio - Un taoista a capo Berta - La barchetta di Montale - Gadda e la verità della lingua - L'amaro Gattopardo - Sadismo di Landolfi - La valigia indiana di Pasolini - Zanzotto percettivo - Critica e preghiera

Nota bibliografica