Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Letture da un minuto. Aforismi di un grande moralista - Hermann Hesse - copertina

Letture da un minuto. Aforismi di un grande moralista

Hermann Hesse

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: T. Giannelli
Curatore: V. Michels
Editore: Rizzoli
Collana: Superclassici
Edizione: 10
Anno edizione: 1995
Formato: Tascabile
Pagine: 201 p.
  • EAN: 9788817151177

€ 4,77

€ 5,30
(-10%)

Venduto e spedito da Libro di Faccia

spinner

Disponibilità immediata

Solo 2 copie disponibili

+ 4,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 5,30 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La raccolta comprende 550 aforismi, e si intona perfettamente alla fiducia che lo scrittore ha sempre dimostrato per questa forma prediletta dai grandi moralisti. La raccolta configura nell'insieme l'itinerario intellettuale e poetico hessiano compreso tra due poli: la politica, col rapporto tra individuo e società; e la morte, col ricambio delle nuove generazioni. Si tratta di un itinerario dall'alienazione alla liberazione, dal caos al cosmo.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Hermann Hesse Cover

    Scrittore tedesco. Abbandonati gli studi teologici, lavorò come meccanico e poi come libraio; nel 1904 si stabilì sul lago di Costanza, dedicandosi all'attività letteraria. Nel 1911 compì un lungo viaggio in India e nel 1921 prese la cittadinanza svizzera. Fu insignito del premio Nobel nel1946. Il romanzo che lo rivelò fu "Oeter Camenzind" (1904), una storia pervasa di idillica malinconia. Seguirono "Sotto la ruota" (1906) e diversi volumi di novelle. Gli avvenimenti della prima guerra mondiale produssero in lui una violenta crisi accentuando la sua tendenza all'introspezione. Si accostò alla psicoanalisi e introdusse nei suoi libri nuovi e più maturi elementi di critica sociale. Nel 1920 scrisse "L'ultima estate di Klingsor" cui seguirono i... Approfondisci
Note legali
Chiudi