Lezioni di estetica. Corso del 1823 - Friedrich Hegel - copertina

Lezioni di estetica. Corso del 1823

Friedrich Hegel

Scrivi una recensione
Traduttore: P. D'Angelo
Editore: Laterza
Edizione: 6
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 11 febbraio 2000
Pagine: XLIII-310 p., Brossura
  • EAN: 9788842059592
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 18,70

€ 22,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

19 punti Premium

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Questo libro, a cura di Paolo D'Angelo, è la prima traduzione italiana delle Lezioni di estetica (1823) di G. W. F. Hegel. A differenza dell'Estetica, che unisce testi che provengono da corsi di anni diversi, queste Lezioni, in quanto unitarie dal punto di vista temporale, risultano molto più compatte e univoche nel trasmettere il pensiero hegeliano sull'arte. Il testo della Nachschrift di H. G. Hotho sul quale è stata condotta questa traduzione è quello stabilito da A. Gethmann-Siefert nell'ambito dell'edizione delle Lezioni e dei Manoscritti hegeliani che, sempre per l'editore Meiner, affianca quella delle Opere complete.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    Dario Rivarossa

    27/08/2002 17:42:34

    Un capolavoro, sia per quanto riguarda i contenuti sia per l'ottima cura redazionale di Paolo D'Angelo. Quest'opera, quasi la "sbobinatura" delle lezioni sull'arte tenute nel 1823, presenta l'ultimo Hegel, che non ha più pubblicato libri. Si intravvede un Hegel meno ferreo nella sua assolutizzazione dello Stato, più affascinato dall'epoca eroica (e anti-borghese...). Un Hegel profondamente luterano, e profondamente anti-luterano. Il tema gli dà inoltre modo di trattare un ampio ventaglio di argomenti, inclusa la biologia, con osservazioni acute, profonde, straordinarie. Il suo sistema appare come una rilettura del neoplatonismo (magari nella versione evoluzionista di Origene): lo spirito entra nel mondo, diventa anima, e attraverso un processo di purificazione arriva alla meta, la realizzazione completa dello spirito in ogni singolo individuo. Quanto alla famosa tesi della "morte dell'arte", dopo aver letto per intero queste Lezioni, si è costretti a prenderla sul serio.

  • Georg Wilhelm Friedrich Hegel (1770 - 1831) è stato un filosofo tedesco, considerato il rappresentante più significativo dell'idealismo tedesco. Il suo pensiero segna una svolta decisiva all'interno della storia della filosofia: da un lato, molti dei problemi classici della filosofia moderna verranno riformulati e problematizzati diversamente, come il rapporto mente-natura, soggetto-oggetto, epistemologia-ontologia (in ambito teoretico) o i temi relativi al diritto, alla moralità, allo Stato (in ambito pratico e morale); dall'altro, vengono introdotti nuovi problemi, come quello di dialettica, di negatività, di toglimento (o superamento, Aufhebung in tedesco), la distinzione fra eticità e moralità, fra intelletto e ragione etc.; mentre verrà... Approfondisci
Note legali