Lezioni sulla filosofia della storia - Friedrich Hegel - copertina

Lezioni sulla filosofia della storia

Friedrich Hegel

Scrivi una recensione
Editore: Laterza
Edizione: 7
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 17 gennaio 2003
Pagine: XLIV-470 p., Brossura
  • EAN: 9788842067245

26° nella classifica Bestseller di IBS LibriStoria e archeologia - Storia - Storia: teoria e metodi

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 23,80

€ 28,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

24 punti Premium

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Oggetto di questo corso di lezioni è la storia mondiale come storia filosofica, vale a dire non riflessioni generali sulla storia, ricavate di qui e da illustrare muovendo dal contenuto storico preso solo come esempio, bensì la storia mondiale stessa". Le "Lezioni" di Hegel sono riproposte nell'edizione a cura del figlio Karl, risalente al 1840.
4,33
di 5
Totale 3
5
1
4
2
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    Mauro Lanari

    25/10/2011 06:29:05

    Forse inaspettatamente, il pensiero dell'ultimo Hegel presenta un drastico ripudio della struttura dialettica come cosmologia gnostica. L'ottimistico scenario della vita umana entro un mondo dove il pantragismo è sempre conservato-superato dal panlogismo svanisce davanti alla constatazione del persistere della coscienza infelice nelle singole soggettività prede dell'Assoluto. Durante la famosa parte dedicata all'"astuzia della ragione", nella "Introduzione generale" alle "Lezioni sulla filosofia della storia", Hegel approda a un netto distinguo fra l'alienazione ("Entäusserung") dello Spirito assoluto, che sarà pure riconciliabile ("Versöhnung") con se stesso, e l'estraniazione ("Entfremdung") dello spirito soggettivo e personale, il quale invece non ne può ricavare alcuna consolazione e conforto. La storia "non è [più] il terreno della felicità. I periodi di felicità sono in essa pagine vuote" (Hegel, op. cit., II, 2 a); "la sorte degli individui è interamente subordinata al destino dello spirito" e gli "uomini sono defraudati della felicità da una storia che si prende gioco di loro" (Ricoeur, "Il male. Una sfida alla filosofia e alla teologia", pp. 38 e 40). Con ciò la riflessione hegeliana giunge a criticare ogni intenzionale identificarsi delle singole coscienze nei confronti dell'Assoluto, che strumentalizza gl'esseri umani per il suo presunto progresso provvidenziale, li sfrutta e li rende vittime passive d'un'architettura e d'un progetto fatalistici mostruosamente maligni. Ma il quesito posto da Hegel è più sottile: anche denunciato lo stato delle cose, descritta senza ingannevoli travisamenti l'oggettiva drammaticità del reale, che fare? Ha senso opporvisi, resistere, contestare? La storia ribadisce che fin qui non c'è scampo: o adattamento sino alla coscienza felice alienata o martirio. Hegel non s'azzarda a suggerire possibili strategie risolutive, conclusa l'esposizione disincantata non aggiunge alcuna prescrizione valoriale e comportamentale.

  • User Icon

    piergiorgio

    17/02/2010 23:00:44

    Me lo hanno fatto leggere al liceo, e mi è piaciuto molto. Come ha detto il recensore sopra di me, è l'esposizione pratica dell'Assoluto.Leggendo dopo qualche anno la scienza della logica, mi sono accorto di quanto questo libro sia piu leggibile rispetto alla logica! Non sono la stessa cosa, perché la scienza della logica entra nel vivo della dialettica filosofica, però questo libro è già un buon inizio per conoscere hegel.

  • User Icon

    santi_p.

    25/08/2004 21:07:40

    "qui presupponiamo che la ragione domini il mondo". che cos'è la ragione? ciò che domina il mondo. se l'argomento è la storia, laddove trovo l'uomo ho trovato la ragione. questo in sintesi il procedere di questo storico pensante, come si autodefinì in gioventù. eccelente e geniale culmine del sistema, costituendo così lo spazio pratico per l'esposizione dell'Assoluto, che era già stato formulato nel capolavoro che è la "scienza della logica". assolutamente da leggere per chi voglia affrontare il nesso tra storia e filosofia. nulla da eccepire all'edizione: ottimo correlato di note e la rilegatura regge a tutti i maltrattamenti. davvero complimenti Laterza

  • Georg Wilhelm Friedrich Hegel (1770 - 1831) è stato un filosofo tedesco, considerato il rappresentante più significativo dell'idealismo tedesco. Il suo pensiero segna una svolta decisiva all'interno della storia della filosofia: da un lato, molti dei problemi classici della filosofia moderna verranno riformulati e problematizzati diversamente, come il rapporto mente-natura, soggetto-oggetto, epistemologia-ontologia (in ambito teoretico) o i temi relativi al diritto, alla moralità, allo Stato (in ambito pratico e morale); dall'altro, vengono introdotti nuovi problemi, come quello di dialettica, di negatività, di toglimento (o superamento, Aufhebung in tedesco), la distinzione fra eticità e moralità, fra intelletto e ragione etc.; mentre verrà... Approfondisci
Note legali