Libertango

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Astor Piazzolla
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Milan Records
Data di pubblicazione: 7 ottobre 2016
  • EAN: 3259119797821

€ 18,50

Punti Premium: 19

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Indubbiamente, il Quintetto era la formazione strumentale preferita da Astor Piazzolla, quella che meglio esalta tutto il potenziale delle sue composizioni.Dopo aver percorso altre strade musicali negli anni Settanta, con l’inizio degli anni Ottanta Piazzolla sente l’esigenza di un ritorno alle origini, e quindi alla formazione in Quintetto. Ad eccezione della chitarra elettrica, i musicisti non sono più gli stessi degli anni Sessanta, così come il sound e il modo d’interpretare i brani risentono degli anni trascorsi e dell’evoluzione musicale del decennio precedente.Questo eccezionale documento sonoro, catturato dal vivo al Teatro Roxy di Mar del Plata, presenta un repertorio che comprende composizioni degli anni Sessanta (“Verano Porteño”, “Lunfardio”, ”Decarísimo », la serie degli Angeli, “Adiós Nonino”) e nuovi lavori scritti o arrangiati appositamente per questo nuovo Quintetto (”Escualo”, “Tristezas de un Doble A”, “Mumuki”, “Contrabajísimo”, ”Libertango”, ”Chin Chin”). Ma la vera chicca di questo album è la prima registrazione assoluta di “Contrabajíssimo”, che rappresenta un punto di riferimento rispetto alle versioni successive e più tardi a quella definitiva.
Disco 1
1
Verano Porteño
2
Lunfardo
3
Decarissimo
4
Milonga del Angel
5
Muerte del Angel
6
Resurreccion del Angel
Disco 2
1
Tristezas de un Doble A
2
Astor Piazzolla - Escualo
3
Mumuki
4
Contrabajisimo
5
Libertango
6
Chin Chin
  • Astor Piazzolla Cover

    Compositore e suonatore di bandoneon argentino. Dopo aver studiato con Ginastera, Scherchen e N. Boulanger, si dedicò al tango, rinnovandone la tradizione con una scrittura personalissima, raffinata e complessa, e con improvvisazioni che tenevano conto anche della lezione del jazz. Fondò e diresse propri complessi, fra cui l'«Octeco Buenos Aires» e il «Conjuncto 9», e incise numerosi dischi (anche con jazzisti come G. Mulligan e G. Burton). Compose inoltre lavori di maggiore respiro (per orchestra, per film), due opere (fra cui si segnala María de Buenos Aires, 1967) e l'oratorio El pueblo joven per soli, voce recitante, bandoneon, archi e percussione (1972). Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali