Libra. Lee Oswald e il complotto per l'assassinio del presidente Kennedy

Don DeLillo

Editore: Tullio Pironti
Anno edizione: 1999
In commercio dal: 29 marzo 1999
Pagine: 520 p.
  • EAN: 9788879371605
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 8,78

€ 10,33

Risparmi € 1,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Michael Moretta

    24/02/2012 14:42:21

    Buon libro, scritto molto bene, su un evento che non smette di far discutere. De Lillo usa la forma del romanzo con personaggi veri e personaggi inventati e sostiene chiaramente la tesi del complotto per uccidere Kennedy. Oswald sarebbe stato usato da ex agenti della Cia desiderosi di far salire la tensione con Cuba. Secondo i loro piani Kennedy non sarebbe dovuto morire, si doveva ferire solo un agente della scorta o qualcuno tra la folla.....questo sarebbe bastato per far aumentare negli Usa l' ondata anti Cuba ed indurre il Presidente Kennedy a invadere l'isola e questa volta conquistarla, cosa che all' ultimo momento il Presidente non aveva fatto in occasione del triste e francamente ridicolo episodio della Baia dei Porci. Ma il complotto è sfuggito di mano ai suoi stessi ideatori, ed un altro gruppo ha portato avanti le cose, non accontentandosi di ferire un agente. Oswald infatti colpisce il Presidente alla nuca non mortalmente, colpisce il governatore del Texas ferendolo lievemente e manca completamente il terzo colpo. La pallottola che colpisce a morte Kennedy viene sparata da una seconda persona appostata su una collinetta, persona coinvolta nel complotto. Naturalmente tutta la colpa viene attribuita solo a Oswald. La teoria del complotto è la più diffusa ed a mio modesto parere la sola possibile. Ho letto tutto il rapporto della Commisione Warren, che indica in Lee Harvey Oswald l' unico colpevole, ma questo rapporto è naturalmente influenzato dal desiderio degli Usa di chiudere in fretta la faccenda, nonostante l' autorevolezza di Earl Warren, il presidente per eccellenza della Corte Suprema, autore di sentenze memorabili, che infatti non è mai stato di' accordo sul risultato della sua Commissione. Egli ha dovuto arrendersi ad essa e a cause di forza maggiore, chiamiamole così. L'unica pecca del libro secondo me sta nel buonismo con cui viene vista la figura di Oswald. Sicuramente un libro all'altezza di Mailer e dell' ultimo King.

  • User Icon

    Nino

    23/09/2010 17:27:27

    La storia dell'assassinio del secolo. La morte di J.F. Kennedy raccontata da dietro. Raccontando, immaginando ed intuendo situazioni che hanno portato al tragico evento. Si racconta di spionaggio e intrallazzi di giochi di potere fra cia ed fbi ed altre spie che si collegano a queste. Ma soprattuto si racconta di Lee H.Oswald, la vera vittima storica che disegna un quadro chiaro della vera america che governa e che decide cosa è buono e cosa è cattivo. Capolavoro di DeLillo che cerca di aprire gli occhi a coloro che li fingono di non averli.

  • User Icon

    Fabio

    15/04/2005 09:11:33

    Documentatissimo romanzo sull'omicidio di JFK che mischia personaggi reali e inventati con grande sapienza e si concentra sulla controversa figura di Oswald (Libra è il suo segno zodiacale). Teorie del complotto e stile poetico convivono felicemente. La miglior traduzione del capolavoro di Delillo.

Scrivi una recensione