Il libro dei padri

Miklós Vámos

Traduttore: B. Ventavoli
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2006
Pagine: 453 p., Brossura
  • EAN: 9788806177843
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 8,53

€ 13,43

€ 15,80

Risparmi € 2,37 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    umberto

    09/05/2011 23:05:15

    L'espressione "grande ed appassionante saga familiare" è un po' abusata... ma si addice pefettamente a questo "Libro dei padri"!

  • User Icon

    Roberto L.

    20/09/2008 18:35:11

    Splendida e corposa storia familiare che si svolge dal 1700 ad oggi, attraverso la voce dei figli maschi primogeniti della famiglia Csillag ( Sternovzsky-Stern) i quali posseggono il dono divinatorio di rivedere il passato attraverso le azioni dei proprio avi e, a volte, il futuro, senza però riuscire\ad interpretare nè influenzare. Lo sfondo storico è quello del'Europa centrale con vicende turbolente che travolgono i protagonisti, mentre la narrazione è ricchissima, con decine di personaggi e con un linguaggio che si evolve con l'epoca che sta trattando fino a diventare moderno e "banale" nell'ultima parte, quasi a voler sottolineare quest'età forse un pò superficiale. Un libro da leggere tutto d'un fiato e che alla fine lasci con un pò di rammarico e con la domanda: ...e adesso che leggo?

  • User Icon

    chicca

    10/12/2006 20:04:52

    Cornelius non si chiama Csiliag - è la figlia di Cornelius che sposa uno Csiliag.......io lo ho trovato splendido.....lo consiglio vivamente

Scrivi una recensione

In questo romanzo Miklós Vámos insegue l'epica quotidiana di una famiglia ebrea ungherese dal 1700 a oggi attraverso un vasto catalogo di lutti amori e tradimenti adeguatamente alternati alla storia spesso tragica dell'Ungheria: un paese che ha conosciuto i pogrom antisemiti nell'Ottocento le lotte per l'indipendenza l'invasione nazista i campi di sterminio i carri armati sovietici e il socialismo reale fino ai giorni nostri certo più sereni ma non facili. Tre secoli di storia dodici generazioni per dodici racconti con dodici protagonisti ciascuno a rappresentare un segno zodiacale (a testimoniare l'ambizione per l'opera mondo che restituisca tutto un popolo una nazione): ogni personaggio è catturato in un particolare momento in cui il tema della paternità o della trasmissione della tradizione diviene centrale. Non manca il tocco “magico”: i primogeniti della famiglia posseggono il dono in particolari condizioni di accedere a una mistica visione che li mette in contatto con gli antenati e permette loro di sbirciare pure il futuro. Una specie di Cent'anni di solitudine all'ungherese: l'ispirazione è il realismo magico sudamericano adattato in una poco gustosa salsa magiara. Da una parte l'elemento fantastico è piuttosto meccanico e artificioso dall'altra il côté storico rimane sullo sfondo abbozzato quando non pretestuoso. Nonostante il tema una storia di famiglia nell'Europa dell'est siamo molto lontani da Harmonia caelestis di Péter Esterházy: con Vámos il tutto è molto più pop accessibile e con meno pretese. Piacerà agli amanti dei drammoni storici con tanti personaggi e traboccante pathos ma neanche loro saranno totalmente al sicuro dal rischio di una repentina noia.


Francesco Guglieri